La dura guida ai cookie per le fastidiose domande di adozione

Ho voluto fare un post per un po 'su cosa dovrebbero fare i genitori quando il loro bambino torna a casa da scuola o dal campo o dal karate e dice che i bambini li hanno infastiditi per essere stati adottati.

Anche per il bambino che è il biscotto più duro, alcune delle domande possono lasciarli senza parole. Spesso le domande arrivano da altri genitori, insegnanti e allenatori, cose come: cosa è successo alla tua vera famiglia? I tuoi veri genitori non ti hanno mai amato abbastanza? Non ti vogliono indietro? sono tipici Lo so, lo so, le persone dicono cose insensibili tutto il tempo (che tu sia adottato o meno, a volte sapendo, a volte non sapendo che stanno colpendo un nervo). Quindi, come meglio trattare?

Ho chiesto al dott. Michele Borba, autore pluripremiato di 23 libri e destinatario del National Educator Award di pesare. È un'esperta genitore regolare al NBC Today Show e al Dr. Phil, The View, CNN Headline News, MSNBC, The Early Show e altri. La sua proposta: "Ending School Violence and Student Bullying" (SB1667) è stata firmata dalla legge della California nel 2002. Il suo ultimo libro, The Big Book of Parenting Solutions: 101 risposte alle tue sfide quotidiane e le più selvagge preoccupazioni * è ora disponibile.

Meredith: Lo so, lo so, ogni errore è un'opportunità per crescere e imparare, ma qual è l'errore più grande (secondo te) che i genitori fanno quando sentono che il loro bambino si trova di fronte alla domanda: perché i tuoi genitori ti hanno abbandonato? Cosa potrebbero fare i genitori in modo diverso?

Michele: Ci creda o no, penso che uno dei più grandi errori sia che molti genitori cercano di proteggere il loro bambino dal conoscere la verità sulla loro adozione troppo a lungo. Certo, lo fanno per amore, ma aspettare fino a "il momento migliore" o "quando è più tardi e può capire" fa in realtà le domande più difficili come "Perché i tuoi genitori ti hanno dato" più difficile per il bambino da gestire e affermare . Trovo che quando i genitori sono aperti e parlano dell'adozione sin dall'inizio e centrati sulla fase e l'età dello sviluppo del bambino, è molto più sicuro nel gestire quelle domande complicate e nel passo e può gestire praticamente qualsiasi domanda con un po 'più di sicurezza e sicurezza . (E quelle domande non sono mai facili ma i bambini capiscono chi è un bersaglio più facile.

Meredith: La paura di sottostare a queste domande è una certa "vergogna" che in qualche modo c'è qualcosa di sbagliato nell'essere adottato o, in realtà, solo essere diversi rispetto alla persona che sta dando al bambino un momento difficile. Come può questa vergogna essere riformulata e trascesa?

Michele: In primo luogo, non mantenere un "segreto" di adozione – o cercare di "nasconderlo" – quel comportamento connota solo a un bambino che dovrebbe esserci qualcosa di cui vergognarsi. Sì, c'è sempre una paura di fondo … in effetti la paura centrale dei bambini adottati è che saranno "abbandonati" di nuovo. Il tuo bambino ha bisogno di sicurezza, ora e per sempre, che la tua relazione sia permanente. Il primo passo per ridurre la vergogna è normalizzarlo. Rassicurare il bambino che i suoi sentimenti (qualunque essi siano) e la ricerca di informazioni sul suo passato sono normali e che farai tutto il possibile per riempire quei dettagli.

Meredith: A volte i genitori fanno (inconsapevolmente) il trasferimento o proiettano le loro paure / vergogna sul bambino. Questo a volte è parte dell'essere in una relazione – a volte non ti rendi conto che lo stai facendo, in particolare per te ragazzo. Qual è il modo migliore per un genitore di correggere questo?

Michele: Un segreto di un'efficace genitorialità è quello di premere il pulsante di pausa ogni tanto e fare un controllo di realtà su come sta andando il nostro rapporto con i nostri figli. (Ah l'agonia dell'onesta auto-valutazione!) Sembra che siamo in una iper-guida in questi giorni: fare, fare, fare, andare, andare, andare. Il ritmo frenetico può farci dimenticare di sintonizzarci su quei momenti di genitorialità ogni giorno: quelle piccole cose che diciamo e facciamo possono avere un'influenza così duratura sui nostri figli. Un modo per fermarsi o per lo meno essere più consapevoli di ciò che stiamo proiettando è che i genitori adottino un semplice rituale notturno con un post attaccato al lavandino del bagno per aiutarci a ricordarcelo. Il semplice rituale: chiedendo a noi stessi una domanda ogni notte: "Cosa ha catturato mio figlio oggi dal mio comportamento? Le mie parole e le mie azioni hanno rafforzato le sue convinzioni in se stessa e l'hanno aiutata ad affrontare la vita? "

Meredith: come dovrebbe un genitore aiutare un bambino a far fronte a domande del tipo: sei adottato? Cosa è successo alla tua vera famiglia? I tuoi veri genitori non ti hanno mai amato abbastanza? Non ti vogliono indietro? ecc. e forse, anche per le diverse fasce di età dei bambini.

Michele: Ammettiamolo, i bambini possono essere crudeli (e sembrano essere sempre più crudeli in questi giorni). Quindi una delle cose migliori che i genitori possono fare è armare il loro bambino adottato con il vocabolario o un paio di grandi linee di ritorno, quindi sono pronti per quelle domande insensibili e garantite. Il trucco è che il genitore anticipi che tipo di domande possono essere poste ai loro figli. Quindi aiuta il bambino a padroneggiare la consegna "giusta" della linea attraverso le prove. (Di solito non è quello che dice il bambino, ma come lo dici è la chiave del successo). Sottolinea che il bambino non deve fornire alcuna informazione che non è a suo agio nel dare. E un semplice sì o no va bene. (A proposito, le domande che i bambini chiedono sull'adozione sono sperabilmente che il bambino abbia già discusso con il genitore.Il bambino adottato vuole sapere perché sono stato adottato … quello che è successo alla mia vera famiglia … .non mia mamma mi amava abbastanza e desidera sono tornato…). Se il genitore ha già risposto alle domande del bambino, sarà più sicuro di rispondere ai suoi compagni. Alcune:

"Sei adottato?"
La risposta è semplice "Sì." (Informa il tuo bambino che non sono necessarie lunghe informazioni. Solo un semplice "sì" o "no" e andare avanti va bene).

"Cosa è successo alla tua vera famiglia?"
Risposta: "Intendi i miei genitori biologici? Vivono in Corea. "

"I tuoi veri genitori non ti hanno mai amato abbastanza?"
Risposta: "Mi amavano così tanto che volevano che avessi genitori che potessero prendersi cura di me. Sono davvero fortunato. "

Meredith: Infine, la domanda di adozione a volte davvero non è diversa da qualsiasi altro problema personale per un bambino? In altre parole, potrebbe essere giusto rispondere semplicemente alla domanda di adozione "non sono affari tuoi!"

Michele: Sì, sono a favore di un certo tatto: "Non sono affari tuoi". In realtà, dettagli dolorosi sul passato di tuo figlio (come abusi sessuali e fisici, background criminale di un genitore, alcolismo o droga della madre di nascita -addizione o che la gravidanza è stata causata da stupro) dovrebbe essere tenuta riservata. Oltre a te e al tuo genitore, solo il medico o il professionista della salute mentale del bambino ha bisogno di conoscere quei dettagli per ora. Se qualcuno chiede (come un parente ficcanaso o un amico) semplicemente dire: "Quando Kevin è abbastanza grande può scegliere di condividere il suo passato. Abbiamo tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno. "Quindi non dire altro e proteggi il tuo bambino.

[ * I seguenti capitoli che saranno utili per maggiori informazioni su questo argomento (descrive la ricerca, le aspettative e le soluzioni per età); Adottato, nuovo bambino, arrabbiato, dipendente, timoroso, ansia da separazione, stressato, oppresso, preso in giro.]

Foto: per gentile concessione di Michele Borba

Solutions Collecting From Web of "La dura guida ai cookie per le fastidiose domande di adozione"