La Drug Enforcement Agency ha le priorità sbagliate

Kratom, un albero che cresce in molti paesi nel sud-est asiatico, è un membro della famiglia del caffè. Le sue foglie, generalmente preparate in un tè, hanno proprietà stimolanti e rilassanti che sono state a lungo apprezzate dagli agricoltori e dalle popolazioni indigene e utilizzate nella medicina tradizionale.

I principi attivi di Kratom si legano ai recettori oppioidi, ma non così potenti come gli oppioidi molto più pericolosi prodotti dall'industria farmaceutica e dai cartelli della droga.

Non sorprendentemente, Kratom ha iniziato a raggiungere una certa popolarità negli Stati Uniti tra i pazienti con dolore cronico cercando di evitare i composti oppioidi così spesso dispensati con cura dai medici. Viene anche usato da persone che cercano di ritirarsi dalla dipendenza da oppiacei o alcol.

Kratom sembra essere relativamente sicuro. Solo una manciata di morti si verificano ogni anno negli Stati Uniti, e questi solo tra coloro che usano anche altri farmaci più letali.

Confrontalo con i quasi 20.000 decessi all'anno dagli oppioidi delle case farmaceutiche e gli oltre 10.000 decessi causati dai drogati di strada drogati dai cartelli della droga.

Quando si tratta di valutare il pericolo di droga, Kratom sembra essere una specie di micetta; mentre gli oppioidi da prescrizione sono la più feroce delle tigri.

DEA mira a Kratom

Per ragioni che rimangono poco chiare, la Drug Enforcement Administration ha recentemente deciso di limitare radicalmente l'uso di Kratom. Ha annunciato la sua intenzione di dichiararlo una sostanza del programma I, in modo da renderlo più potente e pericoloso, come l'LSD e l'eroina.

Un immediato e appassionato respingimento da parte degli utenti e dei venditori di Kratom ha avuto successo nel fermare il DEA sulle sue tracce. Di solito nutro grande sfiducia nella saggezza della folla quando si tratta di decisioni sulle politiche in materia di droga, ma in questo caso il pubblico aveva ragione e la DEA aveva torto. La DEA si è garbatamente arretrata, accettando di ritardare qualsiasi decisione su Kratom in attesa di una revisione molto più approfondita che includa anche il contributo pubblico e sta incoraggiando più ricerche sulla sua sicurezza ed efficacia.

È troppo presto per avere un giudizio informato sulle indicazioni mediche corrette per Kratom, se ce ne sono, e il suo rapporto rischio / beneficio nel dolore cronico e nell'aiutare le persone a ritirarsi da altre dipendenze. Non capiremo veramente il ruolo medico appropriato di Kratom senza anni di studio per determinare tutti i suoi effetti positivi e negativi.

Ma una cosa è già chiara. Kratom, come la pentola, è di ordine di grandezza più sicuro sia di oppioidi da prescrizione che di oppioidi di strada. Gli psicofarmaci vegetali che sono stati a lungo hanno i loro rischi, ma questi pallidi rispetto ai sintetizzatori enormemente più potenti sviluppati dai laboratori delle industrie farmaceutiche e dai laboratori del cartello della droga.

Quindi siamo bloccati da un enigmatico paradosso. La DEA e la FDA sono state entrambe troppo tardi e hanno fatto troppo poco, nei loro sforzi per frenare la disastrosa epidemia di dipendenza da oppiacei da prescrizione. Al contrario, la DEA e la FDA sono state troppo impazienti e troppo zelanti nella loro limitazione del piatto e ora del Kratom. Le loro priorità sembrano essere capovolte.

Perché il doppio standard?

Penso che la migliore spiegazione sia che la DEA sta ancora combattendo la sua "guerra alla droga" durata 45 anni, senza fine. Una guerra che non potremmo vincere e che abbiamo già definitivamente perso.

La deterrenza è stata un fallimento totale; nonostante gli sforzi aggressivi della DEA, le droghe illegali sono ora più disponibili e molto più economiche di quanto non siano mai state in precedenza.

E il danno collaterale clinico, economico, politico e sociale è stato incalcolabile, non solo nel nostro paese, ma ancora di più nei paesi fornitori in cui sono state combattute la maggior parte delle battaglie sbagliate.

Nel frattempo, non siamo riusciti a combattere una guerra alla droga che non avremmo potuto perdere, se solo ci fosse stata la volontà di affrontare un avversario politicamente potente.

L'industria farmaceutica ha ottenuto un giro quasi libero e oscenamente redditizio nei suoi sforzi legali, ma moralmente repellenti, di saturare il mercato con pillole oppioidi altamente stimolanti, stimolanti e benzo. Questi sono spesso prescritti per indicazioni inappropriate o inesistenti e sono commercializzati con poca o nessuna preoccupazione per i danni arrecati ai pazienti e alla società.

La DEA dovrebbe ottenere le sue priorità dritte. Dal momento che gli oppioidi da prescrizione sono di gran lunga il killer più grande, la DEA dovrebbe rivolgersi alle case farmaceutiche e ai medici più responsabili. Pot e Kratom non sono grandi assassini e non dovrebbero essere una distrazione dall'attaccare gli oppioidi da prescrizione che sono. La DEA spende troppi soldi e sforzi per gli spacciatori di droga a basso livello, troppo pochi soldi e sforzi per i dirigenti e i medici di alto livello.

Dovremmo smettere di combattere la guerra sbagliata sui cartelli della droga (quella che non possiamo vincere) e iniziare a combattere la guerra giusta contro le compagnie farmaceutiche (quella che possiamo vincere).

Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Pro Talk / Pro Corner di Recovery Brands

Solutions Collecting From Web of "La Drug Enforcement Agency ha le priorità sbagliate"