La droga della narcolessia mostra la promessa nel trattamento della depressione

Sulla scia delle recenti notizie che il trattamento di insonnia può aumentare la probabilità di remissione e il recupero dalla depressione arriva un'altra scoperta che indica che una forma di terapia del sonno può avere un impatto significativo significativo sul trattamento per la depressione. Ricercatori britannici riportano che il farmaco modafinil, usato per trattare i disturbi del sonno – più spesso narcolessia e a volte apnea del sonno e disturbi del sonno a turni di lavoro, può aiutare ad alleviare la gravità della depressione e alcuni dei suoi sintomi quando usato in combinazione con farmaci antidepressivi .

Un team di scienziati di diverse università inglesi ha studiato l'efficacia di modafinil come terapia supplementare per la depressione in pazienti con due forme di depressione: disturbo depressivo maggiore e depressione bipolare. I ricercatori hanno esaminato i risultati di studi già completati che hanno incluso il modafinil come trattamento supplementare per la depressione, utilizzato in combinazione con farmaci antidepressivi. Alla fine hanno valutato i dati di 6 studi clinici che includevano un totale di 910 pazienti, inclusi 568 con disturbo depressivo maggiore e 342 con depressione bipolare. La loro analisi ha rivelato che i pazienti che assumevano modafinil in aggiunta agli antidepressivi avevano maggiori probabilità di sperimentare miglioramenti significativi alla loro depressione e più probabilità di entrare in remissione . Questo era vero sia per il disturbo depressivo maggiore che per la depressione bipolare. Oltre a ridurre la gravità della depressione e l'aumento dei tassi di remissione, l'uso di modafinil ha anche portato a miglioramenti della fatica.

La stanchezza e le difficoltà con il sonno sono problemi comuni per le persone che soffrono di depressione. I problemi del sonno non sono più considerati solo un sintomo o una conseguenza della depressione, ma ora sono anche riconosciuti come un fattore di rischio per il disturbo dell'umore. La ricerca indica che una significativa maggioranza delle persone depresse soffre anche di disturbi di sonno di scarsa qualità. L'insonnia è una lamentela frequente tra le persone depresse, con sintomi che includono difficoltà ad addormentarsi, difficoltà a dormire, a svegliarsi molto presto e sentirsi stanchi e non ristorati dal sonno. L'ipersonnia, un modello di eccessiva sonnolenza diurna, difficoltà di risveglio e lunghi periodi di sonno, è un altro disturbo del sonno comune per le persone depresse. I pazienti depressi con problemi di sonno hanno maggiori probabilità di sperimentare complicazioni al loro trattamento. I loro sintomi tendono ad essere più dirompenti e hanno maggiori probabilità di soffrire di ricadute rispetto ai pazienti senza problemi di sonno. Anche le persone depresse e in difficoltà con il sonno hanno un rischio significativamente più alto di suicidio.

Il farmaco modafinil è più spesso prescritto per il trattamento della narcolessia, un disturbo del sonno caratterizzato da eccessiva sonnolenza diurna e da episodi di necessità urgente e incontrollabile di dormire. Il modafinil è un tipo di farmaco noto come agente che promuove la veglia e agisce modificando l'attività dei neurotrasmettitori nel cervello per diminuire il sonno e l'affaticamento e aumentare la vigilanza. I ricercatori del presente studio ritengono che gli effetti di modafinil sul sistema neurotrasmettitore del cervello possano essere la ragione per cui il farmaco sembra alleviare i sintomi della depressione e ridurre la gravità della malattia, se usato in combinazione con altre terapie antidepressive. Ci sono diversi neurotrasmettitori nel cervello che controllano il sonno e la veglia. Esiste anche all'interno del cervello una significativa sovrapposizione neurologica tra il sonno e l'umore. Si ritiene che anche alcuni degli stessi neurotrasmettitori che influenzano il sonno, compresa la serotonina, svolgano un ruolo influente nei rischi, nel decorso e nella gravità della depressione.

Questa nuova ricerca è l'ultima di una serie di innovazioni relative all'efficacia del trattamento della depressione con terapie del sonno. Nel novembre 2013, abbiamo appreso dei risultati di uno studio sponsorizzato dall'Istituto nazionale di salute mentale (NIMH), che ha scoperto che trattare i sintomi dell'insonnia tra le persone con depressione aumenta drammaticamente la probabilità di recupero. I ricercatori hanno scoperto che incorporare una forma di trattamento nota come terapia cognitivo-comportamentale per l'insonnia, o CBT-I, ha quasi raddoppiato i tassi di recupero dalla depressione. CBT-I è un tipo di terapia del linguaggio che si concentra su problemi emotivi e comportamentali legati al sonno. Lo studio NIMH è il primo di un gruppo di 4 progetti di ricerca che indagano il ruolo dei problemi del sonno nel trattamento della depressione. Siamo in attesa dei risultati dei restanti 3 studi, previsti per il 2014.

Quasi 20 milioni di adulti negli Stati Uniti soffrono di depressione e oltre 350 milioni di persone in tutto il mondo stanno affrontando questa condizione. È una condizione medica che può spesso essere dirompente per la qualità della vita, per la produttività e il lavoro, e anche per la salute generale. Le terapie più comuni per la depressione sono psicoterapia e farmaci antidepressivi, spesso una classe di farmaci noti come inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina o SSRI. (Questo tipo di farmaco è anche usato per trattare i problemi del sonno come l'insonnia.) L'uso della terapia della parola e dei farmaci, singolarmente o insieme, sono considerati il ​​corso più efficace di trattamento per i pazienti con depressione. Ma il trattamento di successo è tutt'altro che garantito. La ricerca mostra che la maggior parte dei farmaci antidepressivi non è significativamente più efficace nel trattamento della depressione rispetto al placebo. Anche quando i farmaci vengono usati in combinazione con la psicoterapia, la ricerca indica che un terzo o più pazienti non presentano miglioramenti significativi delle loro condizioni.

Uno spostamento verso l'inclusione della terapia del sonno come parte del trattamento standard per la depressione è pronto a fare un profondo cambiamento nel modo in cui affrontiamo la depressione, e con esso un miglioramento significativo per molti pazienti che non trovano un rimedio sufficiente nelle terapie attuali. Abbiamo ancora molto da imparare su come entrambi i disturbi del sonno e l'influenza della depressione su un altro. Ma le recenti scoperte scientifiche potrebbero aver portato a una svolta, in cui l'attenzione al sonno e al trattamento per i problemi del sonno inizieranno a essere considerati parte del trattamento di base per i disturbi depressivi. Questo è un passo importante, che potrebbe portare nuovi livelli di sollievo per milioni di persone.

Sogni d'oro,

Michael J. Breus, PhD

The Sleep Doctor ™

www.thesleepdoctor.com

Clicca qui per iscriverti alla newsletter mensile di Dr. Breus

Solutions Collecting From Web of "La droga della narcolessia mostra la promessa nel trattamento della depressione"