La dolcezza di settembre

È un nuovo semestre, e per molti di noi la promessa dell'autunno è la promessa e il contratto di educazione. Quelli di noi che apprezzano l'istruzione e l'apprendimento come una propria ricompensa, aspettano questo momento di rinnovamento. Spine di libri non spezzate e sillabi appena coniati nutrono l'anima.

Certo, la primavera di solito ottiene quell'onore, la promessa del nuovo, ma per me l'inizio dell'autunno è il momento della rinascita. Le foglie svaniscono, ma la mente si espande. Il ritorno a scuola riguarda l'anticipazione, il nervosismo e l'espansione.

Come specie, spesso pensiamo in termini di progressione, come se ogni evento fosse un altro passo verso qualcosa di più grande. Questo ci ha permesso di evolvere, come possiamo proiettare nel futuro e dettare attraverso le nostre azioni conseguenze future.

Eppure, non può anche essere una trappola, perché non consente al momento di essere quello che è? Un "primo" lavoro è ancora un lavoro, proprio come una casa "Starter" è ancora una casa.

Da fine agosto a settembre non è una "stagione da spalla", non proprio estiva, non ancora caduta, ma il suo meraviglioso periodo dell'anno con i suoi odori unici, i suoni (adoro i grilli) e il sole leggermente più basso nel cielo.

Quando ci allontaniamo dal pensiero progressista, troviamo la celebrazione in tutti i passaggi della vita. Non c'è (o non dovrebbe esserci) spazio per entrambi?

Nel mondo accademico siamo colpevoli come chiunque di pensare e insegnare progressivamente e linearmente. La storia viene insegnata come una sequenza di eventi che informa attraverso la progressione. Mentre questo ha valore, quando ci allontaniamo da questo tipo di pensiero, ci apriamo alla ricchezza dell'essere esperienziale.

Proprio come non vedremmo necessariamente questa volta nella storia come un passo verso quello che verrà, diventiamo grandi studenti della storia quando vediamo i momenti come eventi singolari piuttosto che solo una parte di un continuum più grande.

Come musicisti, o amanti della musica, l'autunno e Chopin riempiono l'anima. Chopin, come nessun altro, ci fa sognare, fantasticare e riposare. Ho sempre pensato che questo compositore si piegasse verso una storia d'amore, non tra due persone, ma con noi stessi. Ricordiamo i nostri sogni e rimpianti come se fossero la stessa cosa. Ricordiamo le nostre perdite e trionfi come uno.

Eppure (e ancora!) Ce n'è uno che è venuto prima e, a parte un breve studio in lezioni di apprezzamento musicale o la strana incursione di un fiorente studente di pianoforte, questo compositore è fuori dal radar della maggior parte delle persone. Ovviamente sto parlando di John Field, il meraviglioso pianista / compositore irlandese e maestro dei notturni.

John Field non era uno dei primi Frederic Chopin più di quanto Beethoven fosse uno dei primi Brahms. Naturalmente si informa l'altro, e c'è una progressione che tutti concordiamo per uno studio più approfondito. Tuttavia, quando prendiamo la "cosa" come la sua "cosa", possiamo assaporare il momento, proprio come i fortunati che hanno ascoltato John Field nel recitare devono aver assaporato il momento.

Niente mi dà più gioia che inciampare in qualcosa di meraviglioso che non conosco molto bene. Ho studiato brevemente Field at Conservatory, ma è stato sempre trattato come una strada per Chopin. Qualche tempo fa, ho deciso di trattare questo compositore come una destinazione piuttosto che una parte. Ho deciso di parlare ai miei studenti di John Field senza invocare il nome di Chopin. Questo è difficile, ovviamente, ma i miei studenti sono generalmente abbastanza sofisticati da vedere dove stiamo andando.

John Field è un meraviglioso esempio di un maestro della sua arte tristemente trascurato che con un investimento molto piccolo ci dà gioia incalcolabile. Con le sue melodie cromaticamente decorate sulla sontuosa scrittura a sinistra, Field ci guida dolcemente attraverso questo cambio di stagioni e ci invita a una conversazione più profonda con noi stessi.

Se hai le competenze, ti incoraggerei a imparare un Nocturne o due. In caso contrario, nessun problema, vai su YouTube e trova una playlist di John Field.

public domain
Fonte: dominio pubblico

Uso la musica di Field come esempio per ricordare quanto non so – quanto devo ancora imparare e come riposare nel momento.

Solutions Collecting From Web of "La dolcezza di settembre"