La disoccupazione si avvicina al 16% per i giovani adulti e ti chiedi perché stanno tornando a casa

Sono stato assente per un po 'mentre la spinta della stampa per Not Quite Adults prende il sopravvento. Ma io sono tornato … NQA si è lanciato nell'età adulta il 28 dicembre. Sono stato elettrizzato ieri per ottenere un grido dalla panchina del libro di New York. Posso morire una donna felice ora. Il mio coautore e io abbiamo discusso del libro sullo spettacolo di Leonard Lopate e sono stato nel venerabile show di Milt Rosenberg, Extension 720 su WGN a Chicago. E c'è dell'altro…

Se avessimo un obiettivo con questo libro, è stato quello di cambiare la conversazione che abbiamo con i nostri figli e con loro. Ma temo che il nostro libro impallidisca in confronto all'effetto che la recessione avrà (ha avuto) in questa conversazione. I duri tempi economici e il mercato del lavoro veramente squallido per i giovani adulti hanno fatto più di quanto avremmo mai potuto gestire con il nostro piccolo libro per far capire alla gente che questa generazione si trova di fronte a un mondo molto diverso rispetto a quello di noi anziani.

Il tasso di disoccupazione dei giovani sotto i 25 anni è in aumento del 15,9% e in aumento. È in aumento da ottobre, mentre il tasso nazionale è leggermente diminuito. Per gli uomini di questa età, è un incredibile 18.2%. Diventa un po 'più vecchio, ma non molto. Per quelli di età compresa tra 25 e 34 anni, il 10,4% è senza lavoro.

Essere senza lavoro o, nel caso dei giovani, non riuscire a trovare quel primo lavoro rende difficile pianificare un futuro. Per noi americani, i lavori ci definiscono. Ci supportano. Fanno tutto il resto senza intoppi.

I giovani adulti sono in stallo. Le fiere del lavoro sono imballate. Le raccolte sono magre e la competizione è serrata. Una giovane donna ci ha detto nelle nostre interviste per il libro della Generazione R che stava rimandando il suo fidanzato perché non voleva essere un peso per lui – ha il debito del college e nessun lavoro solido conduce. Sono sicuro che molti altri giovani stanno pensando la stessa cosa. Sebbene alcuni economisti sostengano che l'economia sta aumentando, penso che debbano uscire per strada più spesso. Certamente non sta sollevando per questi giovani.

Siamo già stati qui, naturalmente. Le recessioni nei primi anni Ottanta erano cattive, e naturalmente c'è la Grande Depressione. È interessante notare che le tendenze del vivere a casa hanno iniziato a salire durante la recessione degli anni '80. In effetti, circa la stessa percentuale di giovani adulti di età compresa tra i 18 ei 24 anni vivevano in patria nel 1982-3 come lo stanno facendo ora. Ciò che è diverso ora, tuttavia, è il numero di persone di 25-34 anni che vivono a casa: circa il 50% dagli anni '80. Nella Depressione, abbiamo visto anche molti più giovani che vivono a casa. Quasi il 70% dei giovani bianchi di 20 anni vivevano in patria nel 1939, mentre circa il 30% viveva ancora in patria all'età di 25 anni. Anche i tassi di matrimonio diminuivano.

Gli economisti temono che questa recessione non durerà solo più a lungo, ma i suoi risvolti saranno avvertiti per molti anni a venire. Non siamo pronti a riprenderci come eravamo prima. Così tante altre persone sono state senza lavoro per più di un anno questa volta. Essere fuori dalla forza lavoro così a lungo ti fa davvero tornare indietro. Inoltre, la nostra classifica sull'istruzione è triste. Non siamo in una buona posizione per manifestare il più rapidamente o in modo convincente di una volta.

Un nuovo rapporto dei ricercatori di Rutgers sulla recessione trova una profonda vena di pessimismo che attraversa la nostra psiche collettiva in questo momento. Il titolo del rapporto dice tutto: "The Shattered American Dream: i lavoratori disoccupati perdono terreno, speranza e fede nel loro futuro".

Uno degli autori ha dichiarato a Bob Herbert sul New York Times di essere rimasto colpito da quanto pessimisti siano diventati alcuni degli intervistati, "non solo sulla propria situazione, ma sul futuro della nazione. "Stanno perdendo l'idea che se sei determinato e lavori sodo, puoi andare avanti", ha detto Van Horn. "Non pensano che loro oi loro bambini stiano andando particolarmente bene."

Frank Rich nel Sunday's Times ha aggiunto un altro strato a questa storia. In "Chi ha ucciso il sogno di Disneyland", ci accompagna in un viaggio a Disneyland che i Barstows, una tipica famiglia can-do negli anni '50, hanno preso il posto dopo aver vinto un contest per lo slogan 3M's Scotch Tape.

La differenza tra allora e ora è palpabile. Mentre i Barstow si sono meravigliati delle innovazioni che li hanno preceduti a Disneyland, il budget R & S del nostro governo è ridotto. Il loro ottimismo in America e la loro abilità ritagliarsi una vita semplice, ma confortevole in periferia li ha sostenuti. Inoltre erano confortati dal fatto che la maggior parte degli americani erano come loro: la classe media. (Non tutti ti preoccupano, i neri americani erano ancora sul retro dell'autobus.) Ma non c'era l'enorme divisione tra i ricchi e il resto di noi. Non c'era nemmeno la ricerca di beni materiali irraggiungibili come case enormi e macchine multiple che si verificano quando si cerca di tenere il passo con i Jones quando i Jones sono ricchi e impostando il livello così alto (Robert Frank ne parla di più nel suo molti libri).

Ed è questa differenza – questo mondo cambiato, l'ascesa di un "gioco" competitivo ad alto rischio che richiede un curriculum al liceo, questa scomparsa dei datori di lavoro che credevano che ciò che andava bene per i loro lavoratori andava bene per i loro profitti, e l'ascesa di una società che prende il sopravvento – che cerchiamo di catturare in NQA. Per coloro che cercano ancora di giocare secondo le vecchie regole, cercando di sbarrare la porta a un'età adulta veloce, è questo gioco cambiato che li mette in rotta di collisione ad alto rischio tra le loro aspirazioni e la loro realtà.

È anche questo mondo cambiato che i giovani adulti si trovano ad ereditare. Eppure, a differenza dei Barstow, il loro colpo alla classe media si è affievolito.

Come dice Rich:

Quanti americani della classe media ora credono che il cielo sia il limite se lavorano abbastanza duramente? Quanti hanno fiducia nel capitalismo per dare loro un giusto scossone? Il reddito della classe media ha iniziato ad appiattirsi negli anni '70 e da allora è rimasto stagnante. Mentre 3M ha continuato a prosperare, molte altre aziende che effettivamente fanno cose (ea volte cose innovative) sono state svalutate, saccheggiate o distrutte da un'industria finanziaria la cui maggiore innovazione in 20 anni, nel verdetto dell'ex presidente della Fed Paul Volcker, è stato il bancomat.

È una misura della rapidità con cui il nostro ordine economico ha spostato il fatto che quasi un quarto delle 400 persone più ricche in America nella lista di Forbes di quest'anno fanno fortuna grazie ai servizi finanziari, più di tre volte rispetto al primo Forbes 400 del 1982. Molti delle migliori giovani menti americane ora inventano derivati, non Disneyland, perché è lì che l'azione è stata, e lo è ancora, due anni dopo l'incidente. Nel 2010, il nostro sistema incentiva il gioco d'azzardo ad alto rischio – "questa attività di cartolarizzazione di cose che non esistevano nemmeno in primo luogo", come scrisse memorabilmente Calvin Trillin l'anno scorso – piuttosto che il riavvio e la ricostruzione dell'America.

Nell'esultante conferenza stampa pre-vacanze della scorsa settimana, Obama ha chiesto una "classe media fiorente e in piena espansione, dove tutti hanno una possibilità per il sogno americano." Ma ci vorrà molto più del nastro retorico scozzese per riportarlo indietro. I Barstow del 1956 non avrebbero potuto sondare il divario oltraggioso tra la classe superiore di questo paese e il resto di noi. L'America non può andare avanti finché non crediamo ancora, come loro, che tutti possano entrare in Frontierland se si sforzano abbastanza, e che a nessuno verrà negato un sogno perché una festa privata ha affittato Tomorrowland.

È questo nuovo ordine che proviamo a catturare in NQA. È questo restringimento delle possibilità, la messa in discussione dell'equo scossone – insieme a molti altri cambiamenti ugualmente fondamentali – che hanno influenzato il percorso verso l'età adulta. E poiché la posta in gioco è più alta e perché i giovani devono posizionarsi con molta più attenzione se vogliono competere, il loro abbraccio di "età adulta" richiederà tempo.

Non viviamo più nel mondo che ha permesso un avvio veloce. I giovani hanno bisogno di più istruzione (che ha un prezzo elevato), hanno bisogno di più credenziali, devono essere più strategici in quella prima scelta lavorativa. A loro volta, dovrebbero tenere a bada i bambini e il matrimonio finché non sono pronti e in grado di impegnarsi in una famiglia. Tutto ciò era vero prima della recessione, ed è ancora più critico ora. Ecco perché speriamo di avere una conversazione diversa da quella che ascoltiamo così frequentemente – "i bambini sono coccolati" o "buttali fuori e lasciali crescere". Un percorso più lento verso l'età adulta è un percorso migliore perché garantisce una maggiore sicurezza futuro in questo mondo sempre più instabile e imprevedibile.

Solutions Collecting From Web of "La disoccupazione si avvicina al 16% per i giovani adulti e ti chiedi perché stanno tornando a casa"