La dipendenza è davvero una malattia?

Per molti decenni è stato ampiamente accettato che l'alcolismo (o la dipendenza) sia una malattia. Il "concetto di malattia" viene insegnato nei programmi di addestramento delle dipendenze e comunicato ai pazienti nei programmi di trattamento. È indiscusso dalle figure pubbliche e dai media. Ma è vero? E se non è vero, c'è un modo migliore e più utile per definire la dipendenza?

Iniziamo con una breve storia. Nei vecchi tempi, prima che il concetto di malattia diventasse molto popolare (circa 40 anni fa), la nostra società era ancora più prevenuta nei confronti delle persone con dipendenze rispetto a adesso. I "tossicodipendenti" erano considerati diversi e peggiori di quelli "normali". Si pensava che mancassero di ordinaria disciplina e moralità, come egocentrici e indifferenti. Erano visti come persone che erano fuori per il loro piacere senza riguardo per nessun altro. Sono stati considerati carenti di carattere.

Poi venne l'idea che la dipendenza è una malattia: una malattia medica come la tubercolosi, il diabete o il morbo di Alzheimer. Ciò significava che le persone con dipendenze non erano cattive, erano malate. In un istante questo ha cambiato tutto. Le percezioni pubbliche erano meno giudicanti. Le persone erano meno critiche nei loro confronti. Certo, non era il benvenuto sapere che avevi una malattia, ma era meglio che essere considerata immorale ed egocentrica. Quindi, il concetto di malattia è stato abbracciato da praticamente tutti. Con tutti i suoi benefici, non c'è da meravigliarsi se questa idea continua ad attrarre un supporto potente ed emotivo.

L'entusiasmo diffuso per il modello della malattia, tuttavia, ha portato alla volontà di trascurare i fatti. La dipendenza ha molto poco in comune con le malattie. È un gruppo di comportamenti, non una malattia a sé stante. Non può essere spiegato da alcun processo patologico. Forse la cosa peggiore è che chiamare la dipendenza una "malattia" interferisce con l'esplorazione o l'accettazione di nuove comprensioni della natura della dipendenza.

Questo diventa chiaro se si confronta la dipendenza con le vere malattie. Inoltre, non vi è alcun agente infettivo (come nella tubercolosi), nessun processo biologico patologico (come nel diabete) e nessuna condizione biologicamente degenerativa (come nella malattia di Alzheimer). L'unico aspetto "simile alla malattia" della dipendenza è che se le persone non lo affrontano, le loro vite tendono a peggiorare. Questo è vero per molte cose nella vita che non sono malattie; non ci dice nulla sulla natura del problema. (Vale la pena ricordare qui che l'attuale versione del concetto di malattia, l'idea neurobiologica "malattia cerebrale cronica", si applica ai ratti ma è stata ripetutamente dimostrata non applicabile agli esseri umani. Vedi i post precedenti in questo blog o nel mio libro, Breaking Dipendenza , per una discussione completa sull'errore di questo modello di malattia neurobiologica per la dipendenza.)

Come sanno i lettori di questo blog o dei miei libri, gli atti di dipendenza si verificano quando precipitati da eventi emotivamente significativi, possono essere prevenuti comprendendo cosa rende questi eventi così importanti dal punto di vista emotivo e possono essere sostituiti da altre azioni emotivamente significative o anche da altri sintomi psicologici che non sono dipendenze. Il comportamento di dipendenza è un sintomo facilmente comprensibile, non una malattia.

Ma se vogliamo eliminare il concetto di malattia e sostituirlo con qualcosa di valido, la nostra nuova spiegazione deve conservare tutti gli aspetti benefici dell'idea della vecchia malattia. Non deve permettere la moralizzazione o altre attribuzioni negative a persone che soffrono di dipendenze. In effetti, speriamo che una spiegazione alternativa avrebbe più valore dell'etichetta della malattia, dando alle persone con dipendenze qualcosa che manca al concetto di malattia: una comprensione che è utile per trattare il problema.

Sapere come la dipendenza funziona psicologicamente soddisfa questi requisiti. Riconoscere la dipendenza da solo un sintomo psicologico comune significa che è molto nella corrente principale della condizione umana. Infatti, come ho già descritto altrove, la dipendenza è essenzialmente la stessa di altri comportamenti compulsivi come lo shopping, l'allenamento o anche la pulizia della casa. Certamente, la dipendenza di solito causa problemi molto più seri. Ma al suo interno è fondamentalmente la stessa di questi altri comportamenti comuni. Quando la dipendenza è propriamente intesa come un comportamento compulsivo come molti altri, diventa impossibile giustificare la moralizzazione di persone che si sentono spinte a compiere atti di dipendenza. E poiché i comportamenti compulsivi sono così comuni, qualsiasi idea che i "tossicodipendenti" siano in qualche modo più malati, pigri, più egocentrici o in altro modo diversi dal resto dell'umanità diventa indifendibile.

Vedere che la dipendenza è solo un sintomo compulsivo soddisfa anche il nostro desiderio di una nuova spiegazione: diversamente dall'idea della "malattia", in realtà aiuta le persone a guarire. Come ho descritto in questo blog e nei miei libri, quando le persone possono vedere esattamente cosa sta succedendo nella loro mente che porta a quell'urgenza di compiere un atto di dipendenza, possono regolarmente imparare a diventare il suo maestro, invece dell'urgenza di dominarli.

Nonostante tutta la sua utilità passata, quindi, stiamo meglio oggi senza l'idea della malattia della dipendenza. Per troppo tempo è servito come una sorta di descrizione della "scatola nera" che non spiega nulla, non offre alcun aiuto nel trattamento e interferisce con il riconoscimento di nuovi modi per comprendere e trattare il problema.

E c'è un altro vantaggio. Se riusciamo a eliminare l'etichetta vuota "malattia", le persone che soffrono di dipendenza possono finalmente smettere di pensare a se stesse come "malate".

Solutions Collecting From Web of "La dipendenza è davvero una malattia?"