La dipendenza è davvero un problema medico? È complicato

Dopo che l'attore Phillip Seymour Hoffman fu trattato per tossicodipendenza poco più che ventenne, apparentemente rimase senza droga per oltre 20 anni finché non sviluppò un problema con antidolorifici, iniziò a usare eroina e entrò in un impianto di disintossicazione nel 2013. Morì di un'overdose di eroina nel 2014.

Il National Institute on Drug Abuse (NIDA) riportava sul suo sito web: "I farmaci cambiano il cervello – come ripetiamo instancabilmente il NIDA – e persino decenni di astinenza dai farmaci potrebbero non cancellare completamente la loro impronta dal cervello di una persona in via di guarigione". Altrove, l'Istituto ha scritto: "Una volta stabilita la dipendenza, chi soffre di questa malattia non può farsi da solo ed evitare le droghe più di quanto una persona con una malattia cardiaca possa ripiegare il proprio cuore al perfetto funzionamento, o una persona con diabete possa risposta all'insulina del loro corpo per tornare alla normalità. "

Sembra che la NlDA stia lasciando che i tossicodipendenti si svincolino dalla responsabilità personale, ma non deve essere letta in questo modo. Gestire le malattie cardiache e il diabete richiedono entrambi una grande quantità di autodisciplina. La persona con una malattia cardiaca non può "volere" il suo cuore per essere sano durante la notte, ma l'esercizio di cambiare la sua abitudine potrebbe salvarlo.

Quindi la dipendenza è una malattia del cervello, un problema sociale o la conseguenza di scelte personali? La mia risposta è sì, sì, e sì. Le tre idee non devono essere contraddittorie. In realtà, qualsiasi storia di salute sembra coinvolgere un individuo che fa delle scelte in risposta alla società con conseguenze che dipendono dai punti di forza e di debolezza del suo corpo. Pensa all'obesità: si svolge nelle famiglie, probabilmente a causa sia delle abitudini che dei geni. Un ambiente pieno di cibo malsano aggrava il problema, così come i sentimenti di noia e solitudine. E alla fine, le persone devono convocare l'autodisciplina per perdere peso e non riacquistarla.

La storia di Hoffman mostra quanto possa essere difficile battere una dipendenza da eroina. Ma sentiamo meno spesso che molte persone abbandonano dipendenze senza aiuto. Secondo i dati del governo, circa il 23% delle persone che usano l'eroina diventa dipendente. Nel 1971, quando i ricercatori intervistarono circa 1.000 soldati americani che lasciavano il Vietnam, il 20 percento dichiarò di essere diventato dipendente dall'eroina mentre era in servizio. Ma l'uso e la dipendenza sono scesi a circa l'1 per cento una volta che i soldati erano tornati negli Stati Uniti. Tornare a casa era la cura.

Negli ospedali, le persone possono ricevere diamorfina, una forma più pulita di eroina, per alleviare il dolore, a volte per mesi. Circa un quarto dovrebbe, in teoria, diventare dipendente; tuttavia, pochissimi continuano ad aver bisogno del farmaco dopo il recupero. Come Johann Hari, autore di Chasing The Scream: Il primo e ultimo giorno della guerra sulle droghe , scrive: "Lo stesso farmaco, utilizzato per lo stesso periodo di tempo, trasforma gli utenti della strada in dipendenti disperati e lascia inalterati i pazienti medici".

Alcuni sostengono che ciò ha più senso se si considera l'uso di droghe come una scelta. Tutti noi amiamo il piacere, dicono, ma lo rinunciamo per il bene di altri valori come fare bene un lavoro o prendersi cura dei bambini. Chiaramente, alcune persone provano impulsi più potenti di altri e la stessa persona può essere più o meno vulnerabile a seconda delle circostanze. I pazienti medici non hanno cercato i farmaci e hanno maggiori probabilità di avere famiglia e lavoro che apprezzano. I tossicodipendenti di strada che cercavano le droghe hanno maggiori probabilità di essere a piede libero.

Perché la deliziosa città di Vancouver è piena di drogati? Perché è un luogo in cui le persone lasciano la casa per trasferirsi, dice lo psicologo di Vancouver Bruce Alexander, che vede un comportamento di dipendenza come una risposta alla "dislocazione". Alexander sostiene che nel corso della storia le persone si sono rivolte alla dipendenza quando sentivano mancanza di legami significativi . È nel campo che minimizza il problema medico e sottolinea quello sociale. Quando le persone si sentono a corto raggio, si concentrano troppo su un gioco d'azzardo tipo attività, comportamento promiscuo o uso di droghe e gradualmente diventano ancora più disconnessi da altre aree della vita.

Alexander ha illustrato il punto in uno studio controverso con i topi. Mostrò che i topi isolati in gabbie nude erano molto più propensi a bere acqua con morfina, una forma di eroina, che ratti in una colonia in una gabbia piacevole con giocattoli e trucioli di cedro. Questo fumetto di Stuart McMillen spiega ulteriormente lo studio. Si noti che i risultati del "Rat Park" non sono ampiamente citati nella letteratura scientifica, e i tentativi di replicare i risultati sono stati misti.

Possiamo onorare Hoffman al meglio imparando come la società ha bisogno di cambiare per prevenire altre morti come la sua. Il numero di prescrizioni per gli antidolorifici è aumentato vertiginosamente e molte persone sembrano avere difficoltà a limitare il loro uso, soprattutto se hanno ansia o depressione e hanno meno di 55 anni. Hoffman ha infranto la legge quando ha preso l'eroina, ma lo avremmo curato gettandolo in prigione?

Il modo migliore per aiutare i tossicodipendenti di tutti i tipi potrebbe essere quello di fornire sia assistenza medica che servizi che li integrano in una comunità, sostiene Hari. Quando il Portogallo ha depenalizzato tutte le droghe illegali nel 2001 e si è concentrato sulla fornitura di servizi, l'uso illegale di stupefacenti e il crimine correlato sono entrambi crollati. Circa 25 paesi hanno rimosso le sanzioni penali per il possesso personale di alcuni o di tutti i farmaci negli ultimi 10 anni circa.

Una versione di questa storia è apparsa su Your Care Everywhere.

Solutions Collecting From Web of "La dipendenza è davvero un problema medico? È complicato"