La dipendenza dal sesso sarà nel DSM-V?

La lotta per il nuovo manuale psichiatrico, DSM-V, è aumentata. Il conflitto è dovuto a un difetto di fondo nella concezione del manuale. Invece di tracciare l'attività umana in termini di impatto per la vita delle persone, tenta invece di elencare ogni manifestazione separata di funzionamento anormale. Questa è una follia.

Christopher Lane ha seguito abilmente il travaglio della nascita – la concezione – del DSM-V, il manuale diagnostico psichiatrico aggiornato. (Nota: facevo parte del gruppo di consulenza per i disturbi da uso di sostanze DSM-IV, ma non ho alcun ruolo in DSM-V.)

Tra i dilemmi affrontati da un gruppo di esperti il ​​cui compito è definire i nostri disturbi mentali – e quindi come definiamo la nostra società – è ciò che comprende un comportamento aberrante degno di attenzione psichiatrica. Il titolo del libro di Lane, Timidezza: come il comportamento normale diventa una malattia , indica la sua preoccupazione principale: quel comportamento leggermente fuori centro è considerato malato.

La discussione di Lane sul DSM-V mette in evidenza "i gravi rischi di manipolazione da parte delle aziende farmaceutiche che stanno osservando ogni idea e proposta mal concepita – disturbo di amarezza, disturbo dell'apatia, disturbo da dipendenza da Internet", et al. Secondo l'esautoratore del DSM-IV Dr. Allen Frances, questo porterà alla "medicalizzazione della normalità che banalizzerà il disturbo mentale e porterà a un diluvio di trattamenti farmacologici non necessari".

Allo stesso tempo, genitori e pazienti stanno assalendo la psichiatria con casi veramente patologici di assorbimento nei videogiochi e nel porno, tra le altre cose, in modo tale che i matrimoni, il funzionamento sociale – in realtà tutto il normale funzionamento della vita – sono compromessi. Queste persone hanno bisogno di sesso e videogiochi inclusi in DSM-V per convalidare la propria esperienza e offrire loro speranza.

Quindi, con tutto il rispetto per Messers. Lane e Frances, il problema non è nell'individuare troppe preoccupazioni debilitanti come disturbi mentali. È elencando gli oggetti delle preoccupazioni della gente in sezioni separate del manuale diagnostico.

Ad esempio, c'è una sezione relativa al disturbo da uso di sostanze nel DSM-IV – non una sezione di dipendenza. Infatti, la "dipendenza" non appare nel DSM-IV, ma solo i termini sostanza "dipendenza" e "abuso". L'uso di queste parole non tecniche evidenzia il problema sottostante: "Intendi le sole cose che gli esseri umani possono abuso o dipendenza da droghe e alcolici? "Ogni essere umano senziente sa che non è vero.

In effetti, la sezione sull'uso delle sostanze del DSM-IV elenca una serie di problemi che le persone possono affrontare attraverso l'assunzione di droghe e il consumo di alcolici. Ma quello che un simile approccio riconosce implicitamente – che l'uso di droghe e l'alcol non sono intrinsecamente problematici – sottrae la validità di avere una sezione separata che designa solo i disturbi dell'uso di sostanze.

La sezione attualmente, saggiamente, non definisce problemi di sostanza come malattie. Le persone vengono diagnosticate come in remissione quando cessano di abusare di una sostanza – quindi, la maggior parte delle persone che sono mai state dipendenti dall'alcol in America beve ancora, ma non sono più alcoliche, secondo le categorie del DSM-IV.

Le mie richieste che DSM-IV dichiari esplicitamente sono state respinte. Ma non c'è più spazio per i piedi figa. Il DSM-V può avere senso solo se (1) specifica dipendenze e altri problemi in termini di gravità delle interruzioni della vita che causano (ad es. Schizofrenia non definita da allucinazioni o disturbo ossessivo-compulsivo da specifiche preoccupazioni), (2) concepisce disturbi non come tratti ma come condizioni o esperienze che variano a seconda delle fasi e delle situazioni della vita delle persone.

Sfortunatamente le persone che sostengono queste "malattie" – e il manuale diagnostico della psichiatria – insistono sul fatto che ogni condizione sia separata nel suo dominio. L'atto stesso di designare disturbi specifici crea la sensazione che le persone sono definite dalle loro condizioni e che potrebbero non sfuggirle mai. Porta anche a un'espansione infinita di tali condizioni.

La classificazione dei problemi psicologici in termini di gravità delle loro conseguenze ha il potenziale di ridurre drasticamente le dimensioni e la forma del manuale. Se il DSM-V insiste nell'elencare ogni specifica manifestazione di comportamento e pensiero disfunzionali, allora il tipo di lotta per il turf a cui assistiamo per ogni disturbo è inevitabile.

E DSM-V inizierà ad assomigliare all'Oxford English Dictionary nella sua inclusività e dimensione.

Oh, la risposta alla domanda posta dal titolo di questo post è che la dipendenza dovrebbe essere definita, e l'elenco delle attività e delle esperienze che potenzialmente soddisfano i criteri campionati ma non esaurientemente enumerati e descritti individualmente.

Solutions Collecting From Web of "La dipendenza dal sesso sarà nel DSM-V?"