La dipendenza è curabile

Qui siamo nel bel mezzo del mese di recupero. Come ho dichiarato durante le ultime due settimane, l'intero scopo del Recovery Month è di concentrarsi sul fatto che l'alcol e la tossicodipendenza esistano, eppure è molto curabile. Penso a Recovery Month come al tempo in cui mostrare tutti i grandi progressi e trattamenti che sono stati scoperti dalla ricerca scientifica negli ultimi due decenni. Perché questi risultati della ricerca sono importanti da promuovere? Perché queste scoperte scientifiche creano una grande speranza per i pazienti e le famiglie che questa malattia potenzialmente letale colpisce. Per assicurarti di essere a conoscenza di tutte le attività del mese di recupero nella tua zona, ecco il sito Web che puoi cercare per attività sia a livello nazionale che nella tua zona (ricercabile tramite codice postale) – http: //www.recoverymonth. gov /

Nelle ultime due settimane ho anche discusso le questioni riguardanti la morte di Michael Jackson e cosa possiamo imparare da esso, in particolare:

Non cadere nella trappola di pensare che la dipendenza non sia trattabile e non accetti un trattamento basato solo su 12 livelli: avrai bisogno di qualcosa di più del solo. Piuttosto, scopri le ultime cure scientifiche per te o la particolare dipendenza da sostanze della persona amata e poi chiedi a qualsiasi programma di trattamento che scegli di implementare queste scoperte specifiche per te o la persona amata. L'intera ragione per cui ho contribuito a creare www.enterhealth.com e ho scritto il libro Healing the Addicted Brain è stato insegnarti specificamente questi concetti, in modo che tu possa fare esattamente questo: imparare come affrontare e trattare questa malattia cronica del cervello in modo completo. Vedete, insegnandovi, vi ho dato il potere di aiutare a cambiare "il sistema di trattamento" (che è attualmente rotto), un paziente alla volta. Voglio che tu diventi un consumatore istruito di servizi per il trattamento della tossicodipendenza e che letteralmente attiri il sistema antiquato di trattamento delle dipendenze del nostro paese nel 21 ° secolo. Puoi farlo facilmente, una volta che ti istruisci sulle scoperte scientifiche più avanzate.

Quindi oggi voglio continuare quell'educazione discutendo uno dei più eccitanti farmaci anti-dipendenza che abbiamo nel campo del trattamento della dipendenza: Suboxone, un ottimo strumento di trattamento per la dipendenza da oppiacei o narcotici. Esempi di narcotici (oppiacei) sono eroina, OxyContin, Vicodin, ecc.

Gli oppiacei sono stati usati per piacere e per il trattamento del dolore per migliaia di anni, ma l'abuso di nuovo è diventato prevalente durante la seconda metà del 19 ° secolo dopo l'invenzione della siringa ipodermica. Agli inizi degli anni '60, la professione medica concluse che nessun trattamento conosciuto poteva curare più di una piccola frazione di tossicodipendenti da oppiacei a lungo termine – il 70-90% dei quali ricadeva in breve tempo. Come parte della ricerca per determinare se i tossicodipendenti potrebbero essere mantenuti a dosi stabili di oppiacei da prescrizione, un narcotico sintetico chiamato metadone è risultato essere efficace nella stabilizzazione dei tossicodipendenti oppioidi, senza euforia o altri effetti negativi degli oppiacei. Aveva anche il vantaggio di essere economico, significativamente attivo per via orale e a lunga durata d'azione.

Il trattamento di mantenimento con metadone si è poi spostato nel mainstream, consentendo ai tossicodipendenti di essere riportati a vite produttive, ristabilendo relazioni con le famiglie e migliorando la loro salute fisica e mentale. Sfortunatamente, il trattamento con Metadone ha una grande quantità di "burocrazia" per poterlo ottenere, e inoltre può essere somministrato a un paziente solo attraverso un centro di trattamento con Metadone autorizzato – il che significa che il paziente deve scendere al centro e aspetta in fila per ottenere il loro metadone ogni giorno. Tutti questi "ostacoli" per ottenere il Metadone, hanno impedito alla maggior parte dei tossicodipendenti narcotici di averne accesso in primo luogo. Il metadone ha ricevuto più controllo e valutazione scientifica di quasi tutti gli altri trattamenti medici o programmi di servizio umano fino ad oggi. Tuttavia, il trattamento di mantenimento con metadone è rimasto un argomento controverso tra i fornitori di trattamenti per la dipendenza, i funzionari pubblici, i responsabili delle politiche, il pubblico in generale e la stessa professione medica.

Negli ultimi decenni, l'uso di oppioidi, tra cui antidolorifici e eroina, è cresciuto in modo significativo. Secondo l'indagine nazionale sull'uso e la salute delle droghe, nel 2003 oltre 1,5 milioni di persone dipendevano o abusavano di antidolorifici o eroina. A peggiorare le cose, la purezza media dell'eroina per strada, passata dal 39% puro a oltre il 70% puro: maggiore è la purezza, più facile è diventare dipendenti e più diventa pericoloso. Sfortunatamente, solo una frazione di questi tossicodipendenti da oppiacei (forse il 25% al ​​massimo) stava attualmente ricevendo un trattamento per la loro malattia medica cronica di dipendenza da stupefacenti. Ancora più sorprendente è il fatto che il 75% di questa popolazione che non è in trattamento contribuisce ogni anno al 50% dei nuovi casi di sieropositività e al 30% di tutti i nuovi casi di tubercolosi (TB).

Il riconoscimento del bisogno urgente di salute pubblica per le nuove alternative di trattamento con dipendenza da oppiacei ha portato all'approvazione del Congresso del Drug Addiction Treatment Act nel 2000, dando ai medici il diritto di usare oppioidi approvati (buprenorfina) per trattare la dipendenza da oppioidi nei loro uffici. Inizialmente sviluppato per trattare il dolore, la buprenorfina è stata approvata dalla FDA a questo scopo nell'ottobre 2002. La buprenorfina è un agonista oppioide parziale, il che significa che i suoi effetti oppioidi imitano parzialmente quelli prodotti da agonisti oppioidi completi come l'idrocodone o l'eroina e imitano parzialmente quelli prodotti dagli oppiacei antagonisti come il naltrexone. La formulazione primaria, Suboxone ® , contiene buprenorfina e naloxone, un antagonista degli oppioidi per scoraggiare le persone dallo sciogliere la compressa e iniettarla. Di conseguenza, io, e molti praticanti, prescrivono solo Suboxone ai loro tossicodipendenti narcotici, in quanto ha meno possibilità di diversione (essere rubato e venduto per strada) o uso improprio.

Suboxone è un farmaco sorprendente e salvavita che viene utilizzato per ridurre l'uso di oppiacei illeciti e aiutare i pazienti a rimanere in trattamento bloccando gli effetti degli oppioidi, diminuendo le voglie, sopprimendo i sintomi di astinenza e bloccando l'alto e la recidiva da oppiacei. La maggior parte dei tossicodipendenti sembrano beneficiare di Suboxone, indipendentemente dalle loro storie di dipendenza da oppiacei. Suboxone è molto sicuro ed efficace ed è un passo rivoluzionario nel trattamento della dipendenza da stupefacenti. Può essere facilmente utilizzato in entrambe le fasi di detossificazione e di mantenimento del trattamento con oppiacei. Inoltre, grazie alla sua facilità d'uso e all'eccellente profilo di sicurezza, la sua adozione da parte del numero crescente di medici di base che stanno esaminando e riconoscendo la dipendenza da stupefacenti nelle loro popolazioni di pazienti e poi riferendoli a appropriati programmi di trattamento psicosociale, dovrebbe rendere molto positivo impatto nel successo del trattamento per i tossicodipendenti narcotici.

Infine, il naltrexone orale è stato anche usato con successo per trattare la dipendenza da narcotici. L'ingestione giornaliera di una compressa da 50 mg blocca quasi completamente qualsiasi narcotico che un tossicodipendente tenterà di utilizzare. Di conseguenza, il naltrexone previene qualsiasi euforia o altro beneficio che un tossicodipendente può sperare di ottenere attraverso una ricaduta di oppiacei. Poiché è necessaria una somministrazione giornaliera, è preferibile che un tossicodipendente prenda naltrexone sotto osservazione diretta per migliorare la propria compliance (per questo motivo Vivitrol, che è attualmente approvato solo per il trattamento dell'alcolismo a questo punto (vedi blog precedente), può essere un'altra opzione per questa popolazione.) Il trattamento con Naltrexone non ha successo in tutti i tossicodipendenti narcotici, ma ci sono dati forti che migliora significativamente un programma di sobrietà quando viene utilizzato con professionisti (medici, infermieri, avvocati ecc.) altamente motivati ​​a rimanere sobri. Infatti, ho scoperto nella mia pratica che il trattamento con naltrexone per un anno dopo aver completato un corso di Suboxone, può essere una strategia molto utile per ottenere una sobrietà prolungata a lungo termine in combinazione con altre terapie a più lungo termine (ad es. trattamento, terapia familiare e programmi di nutrizione / benessere)

Cerca informazioni molto più dettagliate su Suboxone, Vivitrol, naltrexone e metadone in Healing the Addicted Brain o visita www.enterhealth.com/healingtheaddictedbrain. Inoltre, ci sono due eccellenti siti Web specificamente dedicati all'uso di Suboxone per la dipendenza da oppiacei:

www.heretohelp.com

www.naabt.org

Entrambi questi siti hanno davvero molto da offrire sia al tossicodipendente da oppiacei che alle loro famiglie.

In chiusura, spero che oggi, ancora una volta, ti abbia dato uno sguardo sui trattamenti straordinariamente efficaci che l'ultima ricerca scientifica ha scoperto. Il mio scopo è quello di ispirare speranza, ottimismo e conseguente successo per la sobrietà a lungo termine.

Grazie per aver letto.

Harold Urschel III MD

Solutions Collecting From Web of "La dipendenza è curabile"