La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

Di recente ho avuto l'opportunità di fare una presentazione ad un gruppo di operatori dei diritti umani durante una formazione a Human Rights Watch. Come sempre accade quando preparo e porto una presentazione e considero come è stata l'esperienza in seguito, cosa ho imparato e così via, è stata un'esperienza ricca. Ho molto rispetto per chiunque sia in prima linea, o sostengo il lavoro di coloro che sono in prima linea, specialmente se credo nella causa. Credo nella causa dei diritti umani universali.

La presentazione è stata di vasta portata, passando dalla teoria del trauma di base a una discussione sulla dissociazione come risposta all'angoscia, danno morale (più su questo qui), traumatizzazione vicaria, affaticamento compassionevole e soddisfazione compassionevole, burnout, cura di sé, resilienza e crescita post-traumatica. Il gruppo è stato davvero eccezionale, riconoscente, attento, semplicemente meraviglioso per lavorare con tutto.

Mentre molti di questi argomenti sono già familiari, anche se pensandoli attraverso la lentezza del lavoro sui diritti umani e rivedendo la letteratura di ricerca, hanno aggiunto una profondità che in precedenza non c'era stata. Come volontario e membro del consiglio di Disaster Psychiatry Outreach, direi che ho fatto la mia giusta parte di lavoro umanitario, scrivendo, lavoro sistemico, organizzando conferenze, fornendo assistenza diretta in seguito a disastri e lavorando con disastri il lavoro dei fornitori di diritti umani ha avuto per me un interesse speciale, ma non è stato il mio obiettivo.

Come traumatologo, ho lavorato con esperienze umane estreme: il livello di danno collettivo che i diritti umani cercano di porre rimedio è il più concentrato possibile. Molte persone hanno difficoltà a contemplare il significato di ciò che accade ogni giorno sul nostro pianeta, il danno che facciamo l'un l'altro che è incorporato nel DNA stesso della nostra cultura. Il lavoro sui diritti umani rappresenta generalmente l'estremità opposta dello spettro, a lungo termine, lavoro spesso rischioso di efficacia non chiara, con vittorie poco frequenti ma spesso importanti. È un complemento della risposta umanitaria diretta, forse più o meno analoga alla relazione tra ricerca e lavoro clinico in sanità.

In ogni caso, durante la ricerca della recente presentazione, ho trovato la mia attenzione attirata sulla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (UDHR). Era richiesto dalle necessità derivanti dall'orrore e dalla vergogna morale collettiva nascere dall'ombra della Seconda Guerra Mondiale, sostenuta da Eleanor Roosevelt e approvata dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite a Parigi il 10 dicembre 1948 (Risoluzione 217A). (Questa data è, per inciso, l'anniversario dell'istituzione del Nobel per il 1901 e il premio Nobel per il 1906 a Teddy Roosevelt per il suo ruolo nella mediazione della guerra russo-giapponese).

Ho avuto la possibilità di ri-conoscere me stesso con l'UDHR, leggere la sua storia e il suo testo, e pensare a cosa significa e potrebbe significare per noi oggi. Certamente rappresenta un ideale, e c'è sempre un retroscena su come queste cose avvengono che non è l'ideale. Tuttavia, scrivendo un documento di follow up sull'infortunio morale collettivo, ho sentito il bisogno di condividerlo qui. È stimolante, scoraggiante, ambizioso:

Preambolo

Considerando che il riconoscimento della dignità intrinseca e dei diritti uguali e inalienabili di tutti i membri della famiglia umana è il fondamento della libertà, della giustizia e della pace nel mondo,

Mentre il disprezzo e il disprezzo per i diritti umani hanno portato a atti barbari che hanno offeso la coscienza dell'umanità, e l'avvento di un mondo in cui gli esseri umani godranno della libertà di parola e di credo e la libertà dalla paura e dal desiderio è stata proclamata come la più alta aspirazione della gente comune,

Considerando che è essenziale, se l'uomo non deve essere costretto a ricorrere, come ultima risorsa, alla ribellione contro la tirannia e l'oppressione, che i diritti umani dovrebbero essere protetti dallo Stato di diritto,

Considerando che è essenziale promuovere lo sviluppo di relazioni amichevoli tra le nazioni,

Mentre i popoli delle Nazioni Unite hanno nella Carta hanno riaffermato la loro fede nei diritti umani fondamentali, nella dignità e nel valore della persona umana e nella parità di diritti di uomini e donne e hanno deciso di promuovere il progresso sociale e migliori standard di vita in maggiore libertà,

Considerando che gli Stati membri si sono impegnati a realizzare, in cooperazione con le Nazioni Unite, la promozione del rispetto e del rispetto universali dei diritti umani e delle libertà fondamentali,

Considerando che una comprensione comune di questi diritti e libertà è della massima importanza per la piena realizzazione di questo impegno,

Perciò, L'ASSEMBLEA GENERALE proclama questa DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI come uno standard comune di realizzazione per tutti i popoli e tutte le nazioni, alla fine che ogni individuo e ogni organo della società, tenendo costantemente presente questa Dichiarazione, si sforzeranno insegnando e educazione per promuovere il rispetto di questi diritti e libertà e misure progressive, nazionali e internazionali, per assicurare il loro riconoscimento ed osservanza universale ed efficace, sia tra i popoli degli Stati membri stessi sia tra i popoli dei territori sotto la loro giurisdizione.

Articolo 1.
Tutti gli esseri umani nascono liberi e uguali in dignità e diritti. Sono dotati di ragione e coscienza e dovrebbero agire l'uno verso l'altro in uno spirito di fratellanza.

Articolo 2.
Ognuno ha diritto a tutti i diritti e le libertà enunciati in questa Dichiarazione, senza distinzione di alcun tipo, come razza, colore, sesso, lingua, religione, opinione politica o di altro genere, origine nazionale o sociale, proprietà, nascita o altro status. Inoltre, nessuna distinzione deve essere fatta sulla base dello status politico, giurisdizionale o internazionale del paese o territorio a cui una persona appartiene, indipendentemente dal fatto che sia indipendente, di fiducia, non autogovernante o con qualsiasi altra limitazione di sovranità.

Articolo 3.
Tutti hanno diritto alla vita, alla libertà e alla sicurezza della persona.

Articolo 4.
Nessuno può essere tenuto in schiavitù o in servitù; la schiavitù e il commercio degli schiavi devono essere vietati in tutte le loro forme.

Articolo 5.
Nessuno può essere sottoposto a tortura oa trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti.

Articolo 6.
Tutti hanno il diritto di essere riconosciuti ovunque come persone di fronte alla legge.

Articolo 7.
Tutti sono uguali davanti alla legge e sono autorizzati senza alcuna discriminazione ad eguale protezione della legge. Tutti hanno diritto ad una eguale protezione contro qualsiasi discriminazione in violazione della presente Dichiarazione e contro ogni istigazione a tale discriminazione.

Articolo 8.

Ogni individuo ha diritto a un ricorso effettivo da parte dei competenti tribunali nazionali per atti che violino i diritti fondamentali a lui riconosciuti dalla costituzione o dalla legge.

Articolo 9.
Nessuno può essere sottoposto ad arresto arbitrario, detenzione o esilio.

Articolo 10.
Ognuno ha diritto in piena eguaglianza ad un'udienza equa e pubblica da parte di un tribunale indipendente e imparziale, nella determinazione dei suoi diritti e doveri e di ogni accusa penale nei suoi confronti.

Articolo 11.
(1) Ogni individuo accusato di un reato è presunto innocente fino a quando la sua colpevolezza non sia stata provata legalmente in un processo pubblico nel quale egli abbia avuto tutte le garanzie necessarie per la sua difesa.
(2) Nessuno potrà essere ritenuto colpevole di alcun reato penale a causa di azioni od omissioni che non costituivano reato penale, ai sensi del diritto nazionale o internazionale, nel momento in cui è stato commesso. Né sarà imposta una pena più pesante di quella applicabile al momento in cui è stato commesso il reato.

Articolo 12.
Nessuno può essere soggetto a interferenze arbitrarie con la sua privacy, la famiglia, la casa o la corrispondenza, né gli attacchi al suo onore e alla sua reputazione. Ogni individuo ha diritto alla protezione della legge contro tali interferenze o attacchi.

Articolo 13.
(1) Ogni individuo ha diritto alla libertà di movimento e di residenza entro i confini di ogni stato.
(2) Ogni individuo ha il diritto di lasciare qualsiasi paese, incluso il proprio, e di ritornare nel proprio paese.

Articolo 14.
(1) Ogni individuo ha il diritto di cercare e di godere in altri paesi dell'asilo dalla persecuzione.
(2) Questo diritto non può essere invocato nel caso di procedimenti giudiziari realmente derivanti da reati non politici o da atti contrari ai fini e ai principi delle Nazioni Unite.

Articolo 15.
(1) Ogni individuo ha diritto a una nazionalità.
(2) Nessuno può essere arbitrariamente privato della sua nazionalità o negato il diritto di cambiare la sua nazionalità.

Articolo 16.
(1) Uomini e donne in età avanzata, senza alcuna limitazione dovuta a razza, nazionalità o religione, hanno il diritto di sposarsi e di fondare una famiglia. Hanno diritto ad eguali diritti sul matrimonio, durante il matrimonio e al suo scioglimento.
(2) Il matrimonio deve essere stipulato solo con il libero e pieno consenso degli sposi che intendono.
(3) La famiglia è l'unità di gruppo naturale e fondamentale della società e ha diritto alla protezione dalla società e dallo Stato.

Articolo 17.
(1) Ognuno ha il diritto di possedere la proprietà da solo o in associazione con altri.
(2) Nessuno può essere arbitrariamente privato della sua proprietà.

Articolo 18.
Ogni individuo ha diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione; questo diritto include la libertà di cambiare la sua religione o convinzione e la libertà, da solo o in comunità con altri e in pubblico o privato, di manifestare la sua religione o la sua fede nell'insegnamento, nella pratica, nel culto e nell'osservanza.

Articolo 19.
Ogni individuo ha diritto alla libertà di opinione e di espressione; questo diritto include la libertà di tenere opinioni senza interferenze e di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso qualsiasi media e indipendentemente dalle frontiere.

Articolo 20.
(1) Ogni individuo ha diritto alla libertà di riunione e associazione pacifica.
(2) Nessuno può essere costretto a far parte di un'associazione.

Articolo 21.
(1) Ogni individuo ha il diritto di prendere parte al governo del proprio paese, direttamente o attraverso rappresentanti liberamente scelti.
(2) Ognuno ha il diritto di un accesso paritario al servizio pubblico nel suo paese.
(3) La volontà del popolo deve essere la base dell'autorità del governo; questo sarà espresso in elezioni periodiche e sincere, che saranno a suffragio universale e paritetico e saranno tenute mediante votazione segreta o mediante equivalenti procedure di voto gratuito.

Articolo 22.
Tutti, in quanto membri della società, hanno diritto alla sicurezza sociale e hanno diritto alla realizzazione, attraverso lo sforzo nazionale e la cooperazione internazionale e in conformità con l'organizzazione e le risorse di ciascuno Stato, dei diritti economici, sociali e culturali indispensabili per la sua dignità e il libero sviluppo della sua personalità.

Articolo 23.
(1) Ogni individuo ha il diritto al lavoro, alla libera scelta del lavoro, a condizioni di lavoro giuste e favorevoli e alla protezione contro la disoccupazione.
(2) Tutti, senza alcuna discriminazione, hanno il diritto alla parità di retribuzione per lo stesso lavoro.
(3) Ogni individuo che lavora ha diritto a una remunerazione equa e soddisfacente che assicuri per sé e la sua famiglia un'esistenza degna della dignità umana e integrata, se necessario, da altri mezzi di protezione sociale.
(4) Ogni individuo ha il diritto di formare e unirsi ai sindacati per la protezione dei propri interessi.

Articolo 24.
Ogni individuo ha diritto al riposo e al tempo libero, compresa una ragionevole limitazione dell'orario di lavoro e delle vacanze periodiche a pagamento.

Articolo 25.
(1) Ogni individuo ha diritto a uno standard di vita adeguato per la salute e il benessere di se stesso e della sua famiglia, compresi cibo, indumenti, alloggio e cure mediche e servizi sociali necessari, e il diritto alla sicurezza in caso di disoccupazione, malattia, invalidità, vedovanza, vecchiaia o altra mancanza di mezzi di sostentamento in circostanze al di fuori del suo controllo.
(2) La maternità e l'infanzia hanno diritto a cure e assistenza speciali. Tutti i bambini, nati fuori o fuori dal matrimonio, godranno della stessa protezione sociale.

Articolo 26.
(1) Ogni individuo ha diritto all'istruzione. L'istruzione deve essere libera, almeno nelle fasi elementari e fondamentali. L'istruzione elementare è obbligatoria. L'istruzione tecnica e professionale deve essere resa generalmente disponibile e l'istruzione superiore deve essere ugualmente accessibile a tutti sulla base del merito.
(2) L'istruzione deve essere diretta al pieno sviluppo della personalità umana e al rafforzamento del rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali. Promuoverà comprensione, tolleranza e amicizia tra tutte le nazioni, gruppi razziali o religiosi e promuoverà le attività delle Nazioni Unite per il mantenimento della pace.
(3) I genitori hanno il diritto di scegliere il tipo di educazione che deve essere data ai loro figli.

Articolo 27.
(1) Ogni individuo ha il diritto di partecipare liberamente alla vita culturale della comunità, di godere delle arti e di condividere il progresso scientifico e i suoi benefici.
(2) Ogni individuo ha diritto alla protezione degli interessi morali e materiali derivanti da ogni produzione scientifica, letteraria o artistica di cui sia autore.

Articolo 28.
Ognuno ha diritto a un ordine sociale e internazionale in cui i diritti e le libertà enunciati in questa Dichiarazione possono essere pienamente realizzati.

Articolo 29.
(1) Ognuno ha dei doveri verso la comunità in cui solo lo sviluppo libero e pieno della sua personalità è possibile.
(2) Nell'esercizio dei suoi diritti e delle sue libertà, tutti saranno soggetti solo alle limitazioni stabilite dalla legge unicamente al fine di assicurare il dovuto riconoscimento e il rispetto dei diritti e delle libertà altrui e di soddisfare i giusti requisiti di moralità , l'ordine pubblico e il benessere generale in una società democratica.
(3) Questi diritti e queste libertà non possono in nessun caso essere esercitati in contrasto con gli scopi e i principi delle Nazioni Unite.

Articolo 30.
Nulla in questa Dichiarazione può essere interpretato nel senso di implicare per qualsiasi Stato, gruppo o persona alcun diritto di intraprendere alcuna attività o di compiere un atto mirante alla distruzione di uno qualsiasi dei diritti e delle libertà qui enunciati.

Penso che abbia molto senso.

Twitter: @GrantHBrennerMD

LinkedIn: https://www.linkedin.com/in/grant-hilary-brenner-1908603/

Sito Web: www.GrantHBrennerMD.com

Solutions Collecting From Web of "La Dichiarazione Universale dei Diritti Umani"