La depressione è una malattia? (Parte 2): Il grande dibattito

Come accennato nel mio post precedente, ci sono alcuni problemi inerenti l'applicazione del modello medico o di malattia ai disturbi mentali in generale, e alla depressione in particolare. Se segui questo link, ti ​​condurrà a una trascrizione affascinante, spiritosa e intellettualmente stimolante di un dibattito televisivo con il blogger PT Dr. Peter Kramer, il Dr. Thomas Szasz e altri sulla controversa questione se la depressione sia o meno una malattia.

Un problema con il pensare alla depressione e ad altri gravi disturbi mentali come malattie basate sulla biologia è un problema filosofico. Se la depressione è intesa come una malattia biologica, come la tubercolosi, ad esempio, non rende una vittima della malattia, promuovendo indirettamente la mentalità di una vittima di accompagnamento? La persona afflitta da depressione come Giobbe dell'Antico Testamento, vittima innocente del sadismo di Satana? O facciamo qualche parte nel processo di sperimentare e perpetuare la depressione? E nel diventare fisicamente malati, del resto. Altrimenti, c'è poco che possiamo fare al riguardo. Ma se è così, questo implica anche il possesso del potere di sconfiggere o almeno diminuire la depressione (e, in una certa misura, altri sintomi mentali e fisici) mediante la partecipazione attiva al processo di guarigione.

Questo è particolarmente pertinente nel trattamento della depressione. I pazienti depressi tendono già a sentirsi impotenti, disperati e indifesi. Dire a un paziente (o loro che ti dicono) che lui o lei ha la "malattia" della depressione li colloca in una posizione completamente dipendente: se la depressione è una malattia biologica, tutto il paziente può fare per aiutarlo a prendere diligentemente il farmaco prescritto dal medico O rimani depresso. Ma quale effetto ha questo ruolo passivo sull'empowerment personale del paziente? In che modo influenza ciò che prova per essere depresso, cosa significa e cosa si può fare al riguardo? Sì, un modo per aiutare se stessi attraverso un episodio depressivo maggiore è prendere un antidepressivo religiosamente come prescritto. Questo è un inizio. Ma è solo l'inizio di quello che deve essere un arduo viaggio alla scoperta di sé, che si muove attraverso l'oscurità della depressione e della disperazione verso la ricerca e l'adempimento del proprio destino.

Questo enigma esistenziale di responsabilità incombe particolarmente sulla psicologia forense. Il perenne problema filosofico della responsabilità personale è portato a focalizzarsi in modo più vivo e vivido nel sistema di giustizia penale. Per esempio, alla base della difesa della follia c'è la questione filosofica riguardante la responsabilità personale. Tuttavia, la psichiatria e la psicologia hanno permesso di ridurre gradualmente la responsabilità individuale del comportamento. Come società, siamo arrivati ​​a considerare gli individui come sventurati vittime di circostanze: geni cattivi, squilibri biochimici, famiglie disfunzionali, abusi fisici o sessuali, violenza domestica, alcolismo e altre dipendenze, povertà, razzismo e così via. Come disse un ministro luterano, "sembriamo credere che se il nostro comportamento è biologicamente determinato, allora i geni che ereditiamo, non noi stessi, possono essere ritenuti responsabili di ciò che facciamo. Di fronte a momenti di crisi morale, spesso siamo pronti a captare i nostri geni come capro espiatorio. "Il modello di malattia della depressione è il presupposto di questa tendenza. D'altra parte, se un imputato che soffre di una malattia medica dimostrabilmente biologicamente o di una condizione neurologica debilitante è ritenuto pienamente responsabile delle sue azioni? Ad esempio, otto anni fa un uomo squilibrato ha cercato di farsi strada nella cabina di pilotaggio di un aereo di linea commerciale durante il volo. Successivamente è stato riferito che soffriva al momento dell'encefalite acuta, un'infiammazione virale del cervello. E che dire della persona schizofrenica, maniacale o profondamente depressa che commette azioni malvagie? Se la psicosi e la depressione sono viste semplicemente come malattie causate biologicamente come l'encefalite, questi pazienti possono legittimamente affermare che la depressione – come il diavolo – li ha fatti fare?

La depressione può essere indotta fisiologicamente o ormonalmente, come ad esempio nell'ipotiroidismo. Il disturbo affettivo stagionale (SAD) dimostra la potente influenza di fattori ambientali quali l'insufficiente esposizione alla luce solare nella regolazione dell'umore biologico. La deprivazione cronica del sonno può anche esacerbare e indurre depressione. Ma la depressione e la biologia che la accompagna possono anche essere scatenate psicologicamente, trauma, perdita, disperazione, danno narcisistico e incapacità di immaginare un futuro significativo. In altri casi, c'è stata una repressione cronica di ciò che chiamo il daimonico ; una negazione di emozioni "negative" o inaccettabili come rabbia o rabbia, risentimento, tristezza o, per alcuni, sessualità. Il paziente ha serrato così tanto il coperchio su questi sentimenti inconsci per così tanto tempo che lui o lei non può più sentire nulla di più. Risultati della depressione La depressione – e qualsiasi biologia sottostante – non è la causa di questa condizione, ma piuttosto la conseguenza. La biologia influenza la psicologia, poiché la psicologia influisce sulla biologia. I due sono inestricabilmente intrecciati.

Il mio punto qui è che la depressione di solito ha un significato psicologico, esistenziale e spirituale. Non è semplicemente il risultato di geni cattivi o biochimici. Respingere questa possibilità di significato fa un cattivo servizio alla persona che soffre di depressione. Priva il paziente dell'opportunità di trovare e realizzare il suo destino. Per sconfiggere l'Idra. Uccidere il Minotauro mangiatore di uomini e liberarsi dal labirinto di depressione senza luce. Questo eroico confronto con la depressione non è una negazione dell'aspetto biologico della depressione. È un'accettazione matura e realistica e la trascendenza della biologia. La biologia, nel caso della depressione e di altri disturbi mentali, non è, come diceva Freud, il destino. La biologia è il nostro destino. Il destino è ciò che facciamo con quel destino. Essere biologicamente e incline alla depressione o al disturbo bipolare o al disturbo schizoaffettivo può essere il destino di qualcuno. Ma non è necessario dettare totalmente il proprio destino. Rimane la responsabilità dell'individuo. E la propria libertà esistenziale per trascendere il destino e partecipare alla creazione del proprio destino.

Questo non è affatto un romanticismo della depressione. La depressione è distruttiva. Ma è un riconoscimento che anche il demone nocivo della depressione – come la sofferenza in generale – può possedere certe qualità salvifiche. Ad esempio, in alcuni casi, la depressione può essere una sorta di introversione forzata quando la personalità cosciente è eccessivamente estroversa. Questo è ciò che Carl Jung chiamava la qualità compensativa dell'inconscio. L'ego è sopraffatto, annegato, sconfitto dalla depressione. Quindi, l'ego, non più padrone in casa sua, diventa ancora più scoraggiato da questa perdita di potere, prestigio, razionalità e controllo. Ma psicologicamente, qui sta accadendo qualcosa di importante. La depressione richiede un diverso atteggiamento da parte dell'ego, specialmente per quanto riguarda la relazione con l'inconscio. Potenzialmente, c'è molto da imparare qui sui limiti dell'io narcisistico, sull'intelletto, sulla razionalità e sulla necessità di un maggiore rispetto per quanto riguarda il potere dell'inconscio. Ciò che è al di là dell'ego. È una crisi spirituale. Questo può sembrare la romanticizzazione della depressione per i razionalisti scientifici più accaniti, che si sforzano di ridurre la depressione alle sue strutture biologiche più basilari e di demonizzarla come malattia. Ma in realtà sto parlando della psicologia di base di base, una descrizione fenomenologica di un processo psicospirituale a cui innumerevoli pazienti hanno presentato coraggiosamente e trovato la loro salvezza.

La correlazione tra sintomi del disturbo bipolare (ex malattia maniaco-depressiva) e creatività, come descritto, ad esempio, è nello studio dello psicologo Kay Redfield Jamison Touched With Fire , un ingenuo romanticismo della depressione. È un fatto fenomenologico. Che ci sia una connessione tra creatività e follia o psicopatologia è sempre stato chiaro. Questa intima interrelazione viene anche affrontata nel mio libro La rabbia, la follia e il daimonico: la genesi psicologica della violenza, del male e della creatività. Artisti di tutti i tipi soffrono molto da gravi disturbi emotivi come la depressione o il disturbo bipolare. Il romanziere Herman Melville, egli stesso un tipo depressivo, suggerisce a Moby-Dick che la grandezza creativa "non è che malattia" e che tali individui "sono fatti così attraverso una certa morbosità". Quindi Melville considerava la creatività stessa come il sottoprodotto della depressione, della follia o disordine mentale! Questo è il motivo per cui molti artisti evitano il trattamento psichiatrico e la psicoterapia, temendo (falsamente, secondo la mia opinione), come il poeta Rilke, che se i loro demoni vengono inviati, anche la loro creatività diminuirà.

Prima della rivoluzione psicoanalitica di Sigmund Freud, tutte le malattie mentali erano viste e trattate come malattie biologiche, solitamente derivanti dalle cosiddette "tare ereditarie". A prescindere dalle sue mancanze, Freud ha forzato il ruolo della psicologia in prima linea nello studio e nel trattamento psicoterapeutico della psicopatologia . Jung sviluppò ulteriormente e dimostrò l'influenza dell'inconscio nella formazione, perpetuazione e psicoterapia di disturbi psichiatrici di ogni tipo, tra cui la malattia maniaco-depressiva e la psicosi. Ciò che è affascinante e allarmante è il modo in cui oggi siamo tornati al punto di partenza, fino a che punto il pendolo storico è tornato alle percezioni pre-freudiane della malattia mentale. È una tendenza reazionaria, riduzionistica e regressiva con conseguenze devastanti per i pazienti, i consumatori di servizi di salute mentale. In effetti, sostengo che questa tendenza verso il fondamentalismo biologico riflette una sottostante negazione e mancanza di sofisticazione riguardo al ruolo della psicologia nella formazione dei disturbi mentali e in molte malattie fisiche.

Oggi siamo impegnati in una battaglia campale per i cuori e le menti del pubblico per quanto riguarda i ruoli relativi della biologia e della psicologia, della natura e dell'educazione, dei geni e degli stressanti traumatici, nello sviluppo e nella cura dei disturbi mentali. Qui, sto combattendo per il bisogno del paziente depresso di più , non meno , psicologia. Ma se, per esempio, il pubblico generale e i professionisti della salute mentale accettano, come molti già hanno, la nozione materialistica letterale di depressione come malattia, o l'autoproclamato "fondamentalismo scientifico" di psicologi evoluzionisti come il collega blogger Satoshi Kanazawa – che sostiene scioccamente che la genitorialità (o la sua mancanza) esercita zero, nada, zip, nessuna influenza sullo sviluppo della personalità e sulla psicopatologia: questa lotta andrà persa. Da che parte stai? Vi invito tutti ad unirvi al dibattito!

Solutions Collecting From Web of "La depressione è una malattia? (Parte 2): Il grande dibattito"