La depressione è contagiosa?

Si stima che uno su quindici americani, circa 21 milioni di adulti, vive con una grave depressione. Sì, la maggior parte di noi si sente giù nelle discariche di tanto in tanto, ma la depressione è diversa. La depressione è una sensazione infinita di tristezza che influenza il modo in cui pensi, come ti senti e come ti comporti. Per le persone che vivono con un disturbo depressivo maggiore, la vita sembra desolante, non degna di essere vissuta. Tutto è grigio.

Una varietà di fattori, che vanno dalla genetica all'ambiente, sono noti per contribuire alla probabilità che svilupperai la depressione. Una nuova ricerca pubblicata il mese scorso sulla rivista Clinical Psychological Science aggiunge a questa lista di fattori dimostrando che la compagnia che si mantiene può influenzare la probabilità di sviluppare sintomi depressivi. Esatto, solo il fatto di essere vicino a qualcuno con una vulnerabilità cognitiva alla depressione – una tendenza a concentrarsi sul proprio stato d'animo negativo e a rimuginare su di esso – sembra avere un effetto contagio, per cui questa vulnerabilità alla depressione può cancellare e renderti più probabile lo sviluppo sintomi depressivi da soli.

Qual è la prova a sostegno dell'idea che una vulnerabilità cognitiva alla depressione possa essere contagiosa? I ricercatori della Notre Dame University hanno reclutato oltre 100 coppie di coinquilini che hanno appena iniziato il loro primo anno. I compagni di studio della grande università del Midwest, i ricercatori hanno studiato, a proposito, sono assegnati in modo casuale a vivere insieme tramite un sistema di selezione del computer. Le persone non scelgono con chi vivono e tutte le matricole sono obbligate a vivere nel campus.

I ricercatori hanno chiesto a entrambi i compagni di stanza di completare le misure di vulnerabilità cognitiva (fondamentalmente la loro tendenza a concentrarsi sul loro stato d'animo negativo e a rimuginare su di esso), misure del verificarsi di eventi stressanti nella loro vita e questionari intesi a catturare i loro sintomi depressivi 3 volte un periodo di sei mesi. La prima volta che i coinquilini hanno compilato le misure era entro un mese dall'arrivo al campus.

Quindi, cosa hanno trovato? In breve, il livello di vulnerabilità cognitiva di uno studente di tre e sei mesi fuori era significativamente influenzato dalla vulnerabilità cognitiva del suo coinquilino al test iniziale (e viceversa). E, più qualcuno aumentava nella variabilità cognitiva durante l'anno scolastico, più era probabile che sviluppassero sintomi di depressione in risposta a eventi stressanti della vita.

Il portare a casa: la vulnerabilità cognitiva alla depressione sembra essere contagiosa. Il livello di vulnerabilità cognitiva degli studenti universitari, che ha implicazioni per lo sviluppo di sintomi depressivi, è influenzato dalle loro coinquiline. E, anche se è necessario un ulteriore lavoro per determinare se questi risultati valgano per le persone al di fuori dei loro anni di college e che non stanno vivendo cambiamenti radicali nel loro ambiente sociale (cioè allontanarsi dal college), il lavoro è intrigante in quanto suggerisce che noi potrebbe "catturare" i modi di interpretare eventi di vita stressanti e i nostri stati d'animo risultanti da quelli che ci circondano.

Per ulteriori informazioni su come i nostri sentimenti ed emozioni influenzano le prestazioni, controlla il mio libro "Choke"

Seguimi su Twitter!

__

Haeffel, GJ et al. (2014). La vulnerabilità cognitiva alla depressione può essere contagiosa . Scienze psicologiche cliniche.

Solutions Collecting From Web of "La depressione è contagiosa?"