La democrazia è nel nostro DNA: la scienza dietro la protesta

Egypt protest

Il mondo arabo è in transizione. Il presidente tunisino – in sostanza un dittatore corrotto – è stato costretto a lasciare l'incarico e esiliato. L'autorità del presidente egiziano, Hosni Mubarak, 82 anni, di fronte allo sciopero generale di oggi, si indebolisce di ora in ora. È una vecchia verità ma spesso dimenticata: non ci sono leader senza seguaci. Se i seguaci decidono di intraprendere una strada diversa, l'individuo davanti non è più il leader. Raramente è riconosciuto dagli storici che la democrazia non è iniziata ad Atene o a Roma (o in Gran Bretagna) ma nella savana africana, dove i nostri antenati si sono evoluti.

La scimmia democratica

Nelle bande ferocemente egualitarie dei nostri antenati non c'era spazio per vaste differenze di potere tra individui, poiché tali differenze di potere minacciavano la sopravvivenza dell'intero gruppo. Solo molto più tardi nella storia, negli ultimi millenni, man mano che le comunità crescevano con l'avvento dell'agricoltura, sorsero tali differenze di ricchezza e potere. Questo ha spianato la strada a una serie di re, signori della guerra e despoti, che sono stati in grado di controllare la loro gente creando un gruppo di seguaci devoti – un gruppo di compari – e un esercito per proteggerli. È logico darwiniano che i leader in tali posizioni abusino del loro potere per servire i propri interessi e quelli dei loro compari. Tali regimi corrotti possono essere mantenuti solo con la forza, ma come abbiamo visto nel corso della storia e ora in Tunisia, Egitto e Yemen tali sistemi sono fondamentalmente insostenibili perché, semplicemente, sono in disaccordo con la natura umana. È interessante notare che quando l'esercito egiziano ha dichiarato che non avrebbe attaccato "cittadini onorevoli" durante lo sciopero di oggi, è stato visto come l'ultimo chiodo nella bara politica di Mubarak.

Uno studio sulla democrazia

È possibile dimostrare l'instabilità di una dittatura in laboratorio, con i più semplici esperimenti. abbiamo chiesto a un gruppo di giocatori di svolgere un compito collettivo sotto un leader autocratico, un leader democratico o un leader leale e leale. sebbene il gruppo si sia comportato anche sotto un leader autocratico come sotto un leader democratico, quando abbiamo dato ai giocatori del gruppo autocratico l'opzione di andarsene e di portare i loro guadagni con loro, quasi la metà di loro ha fatto. Di conseguenza, questi gruppi sono crollati perché avevano bisogno di un numero minimo di giocatori e l'esperimento non poteva continuare. *

STOP al dittatore

La democrazia è radicata nel nostro DNA, perché ci ha aiutato a sopravvivere. Abbiamo vissuto per la maggior parte della nostra storia evolutiva in piccoli gruppi, e questo ha plasmato la nostra psicologia oggi. I nuovi arrivati ​​occasionalmente provano e dominano gli altri – il dominio è parte del nostro patrimonio primitivo – ma i nostri antenati avevano un numero di mezzi efficaci per tenere sotto controllo queste sostanze irritanti. Le società tradizionali usano ancora queste tecniche – le chiamiamo STOP o strategie per superare i potenti – con molto successo. L'arma più efficace che un gruppo può schierare è la diserzione, lasciando semplicemente dietro di sé un leader dominante. Certo, è più facile in una savana vuota, dove l'abbandono ha conseguenze pericolose, che in un paese con confini e polizia di frontiera. Inoltre, la diserzione oggi richiede di lasciare beni preziosi come denaro, terra e una casa e questo è un serio disincentivo alla partenza.

Il potere delle coalizioni

Un altro STOP potente, più efficace oggi, sta formando una coalizione per rovesciare il dominante. Vediamo il potere di queste coalizioni nelle strade di Tunisi, e ora lo vediamo in tutto l'Egitto, dove masse di persone senza diritti, da lavoratori a studenti a musulmani militanti stanno fianco a fianco nella speranza di forzare un cambio di regime. Queste coalizioni sono spesso fronteggiate da giovani frustrati e arrabbiati, ancora una volta, questo non è niente di nuovo. Nelle colonie di scimpanzé, due giovani maschi si uniranno contro il bullismo alfa per rovesciarlo. Questo è il motivo per cui i leader dispotici fanno di tutto per impedire alle masse di formare coalizioni, controllando i media, vietando le proteste o implementando un coprifuoco.

I despoti del mondo, che assistono a una rivolta diffusa contro il cattivo governo, devono dormire nervosamente nei loro letti sorvegliati: non solo ci organizziamo naturalmente in democrazia, ma siamo una specie sociale – e la disaffezione è contagiosa.

* Van Vugt, Jepson, Hart e De Cremer (2004). Leadership autocratica nei dilemmi sociali: una minaccia alla stabilità del gruppo. Journal of Experimental Social Psychology, 40. 1-13

Mark van Vugt e Anjana Ahuja

Solutions Collecting From Web of "La democrazia è nel nostro DNA: la scienza dietro la protesta"