La D nel divorzio rappresenta la disillusione?

Pixabay.com
Fonte: Pixabay.com

Cosa serve per far funzionare un matrimonio? C'è qualcosa come un felice-sempre-dopo? Ted Huston ha tentato di rispondere proprio a questa domanda con uno studio di tredici anni su 168 coppie. Per i primi anni dei loro matrimoni, le coppie nel suo studio hanno risposto a domande riguardanti i loro sentimenti riguardo alla loro relazione e al loro partner. Poi Huston li rintracciava di nuovo tredici anni dopo per scoprire se erano sposati o divorziati, e se erano ancora sposati, quanto erano felici al momento del loro matrimonio.

Quindi cosa ha trovato?

Chi ha divorziato?

C'era un piccolo gruppo di coppie che divorziarono entro due anni dal matrimonio, e questi soci iniziarono i loro matrimoni sentendosi poco amati e molto negativi nei confronti dell'altro. Allora perché si sono sposati in primo luogo? Può darsi che a volte la gente pensi che il matrimonio renderà le cose migliori. Per queste coppie, questo non era certamente vero.

E i defunti divorziati?

Le altre coppie che alla fine divorziarono, ma non altrettanto rapidamente, furono quelle che sperimentarono disillusione nel loro matrimonio. Queste coppie non erano necessariamente meno innamorate, meno affettuose o meno sicure dei loro partner come sposi novelli. Infatti le coppie che divorziarono più tardi (dopo sette anni) furono tra le più innamorate e affettuose per cominciare. Inoltre non sono diventati particolarmente cattivi l'uno con l'altro nel corso degli anni. Quello che è successo è che durante i primi anni di matrimonio non sono stati sicuri della loro relazione e hanno iniziato a vedere il loro partner in modo meno positivo. E quelli che erano i più innamorati, ma hanno scoperto che i loro partner non erano quelli che avevano immaginato che fossero i più lontani da cadere (quindi ci sono voluti un po 'di più per arrivarci).

Di chi è ancora sposato e felice?

Per coloro il cui matrimonio ha superato la prova del tempo, cosa ha distinto le coppie che erano felicemente sposate da coloro che erano in matrimoni meno felici? Nessuna di queste coppie stava vivendo la stessa disillusione vissuta dalle coppie divorziate – erano nella relazione in cui si aspettavano di trovarsi. Ma per queste coppie che hanno scelto di stare insieme, la loro felicità tredici anni nel loro matrimonio dipendeva da come loro " Ho sentito la loro relazione quando si sono sposati per la prima volta. Quelle coppie che erano più innamorate, si sentivano più sicure della loro relazione e vedevano i loro partner più positivamente erano più felici di quanto non lo fossero le coppie che erano rimaste insieme, ma che non avevano avuto sentimenti così ardenti all'inizio. Quindi le coppie infelici che stavano insieme erano quelle che non erano state innamorate, ma hanno fatto un lavoro migliore nel mantenere quel livello di amore nel tempo piuttosto che diventare ancora più disilluso.

In somma:

Il matrimonio non risolve i problemi esistenti – quelle coppie che erano angosciate quando si sono sposate hanno finito per divorziare molto rapidamente (meno di due anni nel matrimonio).

La disillusione predice il divorzio – Quelle coppie che si sentivano più insicure della loro relazione e hanno visto il loro partner in una luce sempre meno positiva durante i primi anni di matrimonio, hanno finito per chiamarla. Anche quelle coppie che erano molto innamorate e pensavano di avere un partner eccezionale quando si sposavano alla fine divorziarono se le loro aspettative non fossero state soddisfatte.

L'amore precoce predice la felicità successiva – quelle coppie che sono rimaste insieme hanno avuto matrimoni stabili caratterizzati da sentimenti positivi che hanno provato all'inizio. Come auspicheremmo, le coppie che erano molto innamorate e sentivano di avere un grande partner quando erano sposate (e non si erano disilluse dopo il matrimonio) erano, in effetti, le più felici tredici anni dopo.

L'esperienza della negatività nella relazione non è necessariamente una ricetta per l'angoscia e il divorzio – I matrimoni infelici o alla fine finiti sono stati caratterizzati più da una perdita di amore e affetto che da un aumento della negatività. Questi risultati sono in linea con altre scoperte, come la ricerca che mostra che le persone hanno maggiori probabilità di dire di aver divorziato perché sono andate oltre i loro partner e hanno smesso di sentirsi amati e apprezzati piuttosto che dire di aver divorziato a causa di argomenti costanti e affetti negativi ( Gigy & Kelly, 1992). I matrimoni che hanno conflitti non sono necessariamente destinati al fallimento, sembra essere quando il male supera il bene che il rapporto è nei guai.

Allora, cosa togli da questo studio? Questi risultati sono correlati, ma se è vero che la disillusione gioca un ruolo importante nel determinare se le persone si sposano felicemente, suggerisce che i matrimoni saranno più giusti se le persone si prenderanno il tempo per conoscere i loro partner e avere aspettative realistiche su cosa usciranno dai loro matrimoni.

L'articolo :

Huston, T., Caughlin, J., Houts, R., Smith, S., e George, L. (2001). Il crogiolo connubiale: anni Newlywed come predittori di gioia coniugale, angoscia e divorzio. Journal of Personality and Social Psychology, 80 (2), 237-252 DOI: 10.1037 / 0022-3514.80.2.237

Solutions Collecting From Web of "La D nel divorzio rappresenta la disillusione?"