La curiosità guida l'apprendimento dei bambini?

Image of a cupcake and broccoli

Creative Commons http://christmasstockimages.com/free

Immagina di osservare questa scena improbabile: a un bambino di sei anni dal sangue caldo viene offerto un piatto di broccoli al vapore o un delizioso cupcake al cioccolato, e lui sceglie i broccoli.

Questo curioso incidente viola le nostre aspettative collettive sulle preferenze alimentari dei bambini, la nostra "Teoria del gusto dell'infanzia", ​​se vuoi. Secondo CTT, le cupcakes al cioccolato sbocconcellano tutto ciò che è verde o crucifero. Quindi il comportamento di Broccoli Boy suggerisce che il CTT debba essere seriamente rivisto.

Dovresti cambiare la tua teoria o attenersi alle tue pistole?

C'è una terza opzione, soprattutto se la tua curiosità è stata irritata, e questo è cercare ulteriori informazioni. Dopo un po 'di lavoro da detective, scopri che la madre di Broccoli Boy, sperando di impressionare altre alfa-mamme con il suo palato (apparentemente) ben addestrato, ha segretamente promesso al piccoletto che scegliere i broccoli darà come risultato un giocattolo nuovo e brillante.

Ora hai un modo per preservare la tua Teoria del gusto infantile alla luce della curiosa osservazione. I bambini preferiscono i cupcakes al cioccolato ai broccoli, come sostiene CTT. È solo che in questo caso, Broccoli Boy ha scelto i broccoli per ottenere il nuovo giocattolo.

Questo modello di ragionamento viene a volte definito come "spiegare". Prima di conoscere la bustarella di Broccoli Boy, il modo naturale di spiegare la sua scelta di cibo violerebbe il CTT. Ma la bustarella fornisce una spiegazione alternativa coerente con CTT. Spiegare è una strategia per preservare le credenze (in questo caso CTT) alla luce di osservazioni anomale (in questo caso la scelta di cibo da Broccoli Boy).

Questo può sembrare piuttosto sofisticato, ma un nuovo articolo pubblicato su Cognitive Psychology rileva che i bambini piccoli di 6 anni Broccoli Boy possono eseguire questo tipo di ragionamento.

Per testare questa idea, i ricercatori Bonawitz, Schijndel, Friel e Schulz si sono affidati alle "teorie" preesistenti riguardanti l'equilibrio. Alcuni bambini di 6-7 anni credono che i blocchi si equilibreranno nei loro centri geometrici – li chiamano "teorici del centro" – mentre altri (correttamente) ritengono che i blocchi si bilanciano nei loro centri di massa – li chiamano "Teorici di massa".

Images of balanced blocks

Immagine di Bonawitz et al. (2012)

Per un teorico del centro, vedere un blocco bilanciato come quello sulla destra sarebbe piuttosto sorprendente (come un bambino che sceglie i broccoli sopra i cupcakes). Per un teologo di massa, vedere un blocco bilanciato come quello a sinistra sarebbe piuttosto sorprendente.

Bonawitz e i suoi collaboratori hanno dapprima classificato i bambini come teorici del centro o teorici di massa sulla base del modo in cui hanno cercato di bilanciare i blocchi, e poi hanno mostrato a ciascuno un blocco equilibrato in un modo che sorprendeva o non sorprendeva secondo la sua teoria. Così, per esempio, alcuni teorici del centro hanno visto un blocco bilanciato come quello sulla sinistra (non sorprendente) e altri come quello sulla destra (sorprendente).

Come hanno fatto i ricercatori a tirarlo fuori? Con i magneti, ovviamente. Ogni blocco si bilanciava come faceva perché c'era un magnete nel blocco e un magnete nel supporto. La posizione del magnete determinava se un blocco si bilanciava nel suo centro geometrico o nel suo centro di massa. (Intelligente, no?)

Dopo aver osservato un blocco sorprendentemente o sorprendentemente equilibrato, ai bambini è stato permesso di suonare, ed è qui che è emersa la prima grande scoperta degli autori: i bambini tendevano a giocare più a lungo con il blocco quando il suo equilibrio era sorprendente alla luce della loro teoria. In altre parole, la curiosità spontanea dei bambini li costrinse a esplorare aspetti del loro ambiente che sfidavano le loro attuali teorie e quindi avevano il potenziale per insegnargli qualcosa di nuovo. La curiosità ha aperto la strada all'apprendimento.

Cosa è successo quando i bambini hanno scoperto i magneti? Come la bustarella del nostro primo esempio, il magnete ha fornito un modo per i bambini di aggrapparsi alle loro teorie originarie di equilibrio, pur avendo osservato un blocco sorprendente. E infatti, i bambini tendevano a "spiegare" l'equilibrio del blocco facendo appello al magnete, ma solo quando il bilanciamento del blocco era incoerente con la loro teoria originale.

Quindi, cosa ci dice di curiosità e apprendimento?

Da un lato, la curiosità dei bambini li ha portati a trascorrere più tempo giocando con il blocco sorprendente, che massimizzava il potenziale di apprendimento. D'altra parte, la tendenza dei bambini a "spiegare via" le osservazioni quando erano anomale suggerisce una certa resistenza al cambiamento.

Eppure a volte spiegare è la cosa giusta da fare. I Mass Theorists avrebbero sbagliato ad abbandonare la loro teoria dell'equilibrio di fronte al blocco sorprendentemente equilibrato, dal momento che il magnete era responsabile di una (apparente) violazione della fisica di base. Sono i teorici del centro che avrebbero fatto meglio ad abbandonare la loro teoria invece di fare appello alla calamita. E infatti, quando i ricercatori hanno ripetuto l'esperimento senza magneti (usando blocchi con pesi asimmetrici), hanno scoperto che i Theoriest del Centro erano disposti a rivedere le proprie convinzioni.

Il risultato : decidere quando tener fede alle attuali teorie e quando rivederle può essere un atto di bilanciamento impegnativo, ma sembra che i bambini realizzino abbastanza bene, anche senza bustarelle. (Farli mangiare broccoli, d'altra parte …)

Dai un'occhiata a questo recente post su Ulterior Motives per saperne di più sulle spiegazioni e l'esplorazione dei bambini.

Solutions Collecting From Web of "La curiosità guida l'apprendimento dei bambini?"