La cura della Cecità del viso è curabile?

Ho un amico che non dimentica mai una faccia. Può imbattersi in persone che non ha visto da decenni e riconoscerle immediatamente. Sono stupito dalla sua abilità, l'ho soprannominata "la donna con due cervelli" e vorrei avere la sua abilità. Posso passare un'intera serata in una conversazione faccia a faccia con qualcuno di nuovo e non riconoscerli il giorno dopo. Devo vedere qualcuno molte volte prima che riconosca la loro faccia.

La capacità di riconoscere il volto di un altro è pensata per essere un'innata abilità umana. I bambini, di appena nove minuti, mostrano una preferenza per i volti umani. Aree specifiche del cervello, tra cui l'area facciale fusiforme e l'area del viso occipitale, sono in gran parte dedicate al riconoscimento facciale. Tuttavia, la capacità di identificare il volto di un altro varia da persona a persona e una piccola ma significativa minoranza della popolazione lotta con il riconoscimento facciale. Possono soffrire di vari gradi di "cecità facciale" o, più tecnicamente, prosopagnosia. Puoi esplorare le tue abilità di riconoscimento facciale andando su www.faceblind.org.

La cura della vista può essere curata o sei nato con una certa attitudine immutabile al riconoscimento facciale? Uno degli adattamenti primari a qualsiasi deficit è l'evitamento. Dato che sono povero nel riconoscere i volti, evito le situazioni, come partecipare a grandi riunioni o feste, dove le abilità di riconoscimento facciale sono importanti. Trovo che guardare film sia un'esperienza frustrante perché non riesco a riconoscere gli stessi personaggi da una scena all'altra. Non sorprendentemente, non vado spesso al cinema e, quindi, perdere l'opportunità di praticare e forse migliorare le mie capacità di riconoscimento facciale. Il mio amico, d'altra parte, è un mago nel riconoscere i volti, guarda molti film e continua a perfezionare il suo genio per il riconoscimento facciale.

Così, i nostri deficit possono portare, attraverso le abitudini di evitamento, a maggiori deficit e le nostre forze possono portare a maggiori punti di forza. Eppure, non tutto è senza speranza. Recentemente ho letto un articolo sul Journal of Cognitive Neuroscience sulla cura della cecità facciale. Gli investigatori hanno studiato una donna di 48 anni, MZ, che aveva sempre avuto problemi nel riconoscere i volti. In un test, ad esempio, poteva identificare solo 5 dei 20 volti famosi mentre la maggior parte delle persone riusciva a identificarli 16. Tuttavia, non aveva difficoltà nell'identificare animali o oggetti non viventi, e non aveva altri problemi visivi o cognitivi.

Gli investigatori hanno ipotizzato che MZ non abbia avuto problemi a individuare caratteristiche specifiche in una faccia, come orecchie grandi o naso grosso. Il suo deficit stava nell'elaborare l'intero volto, nel vedere le relazioni spaziali tra le diverse caratteristiche. Pertanto, l'addestramento di MZ richiedeva che lei osservasse i volti simulati al computer e categorizzasse i volti come appartenenti a uno dei due gruppi a seconda della distanza delle sopracciglia dagli occhi e dalla distanza della bocca dal naso. Dopo solo un giorno, MZ ha mostrato un notevole miglioramento sia in termini di velocità che di precisione quando ha completato questo compito, e dopo 1 settimana di allenamento giornaliero composto da un totale di 4.000 prove, le prestazioni di MZ si sono avvicinate ma non hanno raggiunto i livelli normali. Soprattutto, ha riferito che la sua capacità di riconoscere i volti nella vita quotidiana era migliorata notevolmente.

Tuttavia, l'addestramento fu poi fermato e, dopo un mese, MZ scoprì che la sua nuova abilità nel riconoscere i volti era scomparsa. Ha quindi subito un secondo intervallo di allenamento, sia in laboratorio che con esercizi a casa, e ha ripreso rapidamente e poi ha superato le abilità che aveva sviluppato dopo il primo allenamento. In effetti, la sua performance ha raggiunto livelli normali.

La storia di MZ mi ricorda molto la mia esperienza con l'acquisizione della stereovisione (visione 3D) attraverso la terapia di visione optometrica. Sia MZ che io avevamo 48 anni quando iniziammo la nostra terapia, cioè eravamo entrambi troppo vecchi, si pensava una volta, per acquisire nuove abilità percettive. Tuttavia, un cervello più vecchio conserva ancora la capacità di ricablare e riorganizzare. È tuttavia più impostato nei suoi modi. Cambiare un cervello adulto richiede uno sforzo extra poiché sia ​​io che MZ abbiamo scoperto:

Per MZ imparare a riconoscere i volti, ha dovuto cambiare le vecchie abitudini. Doveva cambiare il modo in cui valutava i volti, e questo cambiamento richiedeva un'ATTENZIONE CONSAPEVOLE. Per me, per sviluppare la stereovisione, ho dovuto imparare come ho abitualmente diretto i miei due occhi quando guardavo un bersaglio visivo, e poi ho cambiato coscientemente il modo in cui li avevo mirati. Più sei vecchio, più difficile sarà cambiare abitudini di vecchia data, ma non è impossibile.

Dopo ogni prova, MZ ha ricevuto FEEDBACK che le diceva se aveva separato i volti nelle categorie appropriate. Allo stesso modo, ho praticato procedure di terapia della vista che mi hanno continuamente fornito feedback su dove stavo puntando i miei due occhi. Il feedback è fondamentale per lo sviluppo di nuovi modi di vedere.

MZ PRACTICED i suoi compiti di riconoscimento facciale ancora e ancora e pratico le procedure di terapia della vista quasi ogni giorno. Come un atleta o un musicista che affina le proprie abilità, non c'è alternativa alla pratica.

Oltre ai suoi compiti standard di riconoscimento facciale, MZ ha anche praticato un compito che implica il riconoscimento di facce rovesciate. È migliorata in questo compito, ma questa abilità non si è tradotta nel riconoscere i volti nel loro normale orientamento verticale. Affinché MZ riesca a riconoscere meglio i volti come normalmente si vedono, ha dovuto lavorare SPECIFICAMENTE a compiti che riguardavano volti dritti. Allo stesso modo, per guadagnare la stereovisione, dovevo lavorare in modo specifico sui compiti che mi richiedevano di fondere o fondere l'input dei due occhi. Se hai un deficit in una certa abilità, devi concentrarti su quella particolare abilità per migliorare.

Le abilità di riconoscimento facciale di MZ sono diminuite quando ha smesso di praticare e la mia stereovisione è diminuita quando ho interrotto le mie procedure di terapia della vista per sei mesi. Questi problemi sono stati rapidamente invertiti quando abbiamo rinnovato la nostra formazione. Se avessi imparato a vedere in stereo da bambino, forse non avrei bisogno di CONTINUARE A PRATICARE le procedure di terapia della vista oggi. Una persona anziana come me, tuttavia, che ha abituato abitualmente a un diverso modo di vedere per molti anni, deve continuamente ricordare al suo cervello di vedere in un modo nuovo.

Le vecchie abitudini, come si suol dire, muoiono duramente ma possono essere infrante. Poiché queste storie di cecità facciale e stereocrindità indicano, con il giusto tipo di terapia, motivazione e pratica, un cervello più anziano può ricablare, riorganizzare e recuperare.

Solutions Collecting From Web of "La cura della Cecità del viso è curabile?"