La cultura digitale ci sta uccidendo?

Ross Douthat ha scritto sul New York Times, domenica 19 maggio 2013, sulle persone sole e sul fatto che il tasso di suicidi tra gli americani 35-54 è aumentato di circa il 30% tra il 1999 e il 2010. Cita un sociologo della Virginia, Brad Wilcox, che collega il suicidio e i legami sociali indeboliti.

Naturalmente, altri fattori potrebbero anche funzionare contro queste persone. La disoccupazione in un'economia marginale ha richiesto un pedaggio. Ciò è particolarmente vero per coloro che dipendono dal materialismo come filosofia di vita. Anche i maschi bianchi hanno perso posizioni occupazionali quando le donne entrano nel mondo del lavoro e le minoranze hanno aumentato il loro accesso ai posti di lavoro.

Douthat cita Judith Schulevitz che afferma che uno su tre americani sopra i 45 anni è cronicamente solo, rispetto a uno su cinque dieci anni fa. Internet promette a una comunità virtuale di sostituire la vera comunità, ma dubito che possa sostituire gli amici a sangue caldo come fonte di supporto in un momento di bisogno.

In realtà, la dipendenza da giochi e Internet potrebbe contribuire a questa tendenza.

Megan McBride Kelly, su The Wall Street Journal, domenica 18 maggio 2013, riporta che l'utente medio di Facebook ha 142 amici. Rivede le definizioni di amicizia di Aristotele e la prima è la necessità di amare. Si domanda se tenere traccia delle persone su Facebook porti ad amare. Suppone che almeno il 90% delle amicizie su Facebook siano quelle di utilità e auto-promozione, in cui mettiamo sempre il nostro miglior volto.

I giochi per computer, Internet e i social network possono tenere alcune persone su un livello narcisistico, mi sembra. Questi contatti sono basati sul piacere, ma è un piacere per noi e non per l'altra persona.

È anche facile trascurare le amicizie autentiche quando siamo così presi dall'egoismo tecnologico. Aristotele parla dell'ultima forma di amicizia, che è virtuosa, che significa preoccupazione per il bene dei nostri amici – e non solo per i nostri. La signora Kelly riferisce che suo padre e suo nonno le hanno detto che il numero di tali veri amici può essere contato da una parte nel corso della vita.

Quando il gioco si fa duro ei posti di lavoro scarseggiano, queste persone depresse hanno amici veri e comunità autentiche su cui fare affidamento? La logica semplice ci dice che la dipendenza che consuma tempo nell'uso del computer e / o nei giochi per computer limita il tempo per le interazioni umane.

Prima di essere trascinati dalla tecnologia incolpevole e da Internet, ci sono una serie di fattori da considerare. In primo luogo, la Grande Depressione degli anni '30 provocò disoccupazione e aumentò significativamente i tassi di suicidio. Difficilmente si può accusare queste persone di essere dipendenti dalla radio o dalla televisione (perché la TV non esisteva e la radio non era interattiva e quindi meno avvincente dei giochi elettronici).

Sappiamo dalla ricerca che i tassi di suicidio sono più bassi tra le persone religiose. (Sean Trende, Real Clear Politics, 28 maggio 2013). (Si potrebbe dedurre che le persone religiose hanno più contatti sociali attraverso le famiglie allargate e la socializzazione della chiesa).

Ma non c'è una ricerca diretta che io sappia che mostra una correlazione tra le persone che sono assorbite nei giochi elettronici e nelle amicizie su Internet – e quelle che mostrano solitudine o suicidio. Se c'è una correlazione, dovremmo prima escludere i problemi usuali con le correlazioni. Trende dà un buon esempio: c'è un'alta correlazione tra un canto del gallo e l'alba, ma il gallo non fa sorgere il sole.

È possibile che individui timidi, inibiti, soli e depressi cerchino i giochi elettronici e si abituino alle relazioni artificiali su Facebook, Twitter e altri social media. Altre variabili includevano il QI, le difficoltà di apprendimento e altri fattori che renderebbero una persona più vulnerabile alle pressioni economiche, con conseguente disoccupazione.

Se prendiamo la popolazione di persone che mostrano le caratteristiche sopra descritte e scopriamo che più di loro sono suicide, dovremmo quindi vedere quante di queste persone sono dipendenti dalla tecnologia e dalle amicizie su Internet. Forse troveremmo che coloro che praticano più tecnologia hanno un livello più basso di solitudine e suicidio perché si collegano – per quanto superficialmente – a molte altre persone, e forse conoscono molto bene la differenza tra la vera amicizia e l'acquiescenza alla pressione dei pari su Facebook.

Ma se scopriamo che queste persone sono su un livello artificioso e narcisistico a causa dell'uso di giochi elettronici e di relazioni Internet e sono davvero più solitarie di persone con identici cosmetici, genetici e personalità, allora sarebbe importante intervenire in questo spirale al ribasso processi. Se le interazioni digitali stanno aiutando le persone a respingere la solitudine e la disperazione, avremmo bisogno di incoraggiarne l'uso.

In ogni caso, è qualcosa di cui dobbiamo essere consapevoli e qualcosa che dobbiamo guardare – prima o poi.

Solutions Collecting From Web of "La cultura digitale ci sta uccidendo?"