La cultura dello stupro verrà infine presa seriamente?

Mentre cerco di mettere in evidenza le istanze della cultura dello stupro nei miei articoli in relazione alle notizie attuali, ho esitato a scrivere direttamente alla lista sempre crescente di accuse di molestie sessuali, intimidazioni e stupri contro Harvey Weinstein. L'inarrestabile copertura dei media mainstream mi ha fatto pensare di avere qualcosa di originale da aggiungere al dialogo, mentre a dire il vero, sono anche stato riluttante a scrivere sull'argomento in parte per paura di essere molestato.

Ma ahimè, oltre a non andare via presto, questa storia rivela anche alcune lezioni significative su dove ci troviamo come società quando si tratta della sicurezza e del benessere di tutte le donne. Quindi sono qui per offrire una lezione sulla cultura dello stupro per coloro che sono interessati a capire perché questi crimini sordidi e violenti contro le donne continuano a verificarsi da parte degli uomini al potere e continuano a essere trascinati sotto il tappeto da uomini e donne che proteggono i perpetratori. Sì, ho anche detto che le donne … e no, non mi riferisco alle donne vittime. Mi riferisco alle donne che lavorano in posizioni di potere al fianco degli uomini che stanno abilitando, nascondendo, proteggendo o isolando i perpetratori come Harvey Weinstein dall'esposizione per il predatore sessuale che è.

Questo include anche le donne che hanno votato per Donald Trump dopo che sono stati trapelati i nastri di Access Hollywood, che continuano a difendere il suo comportamento anche mentre persiste nell'emarginazione, nel bullismo e in chi sa cos'altro a porte chiuse contro le donne. La lista include le avvocatesse che sono state ingaggiate per rappresentare e difendere Weinstein, e quelle donne dell'amministrazione Trump in posizioni di alto profilo che danno un aspetto di rispettabilità e legittimità al loro marchio di misoginia permettendo loro di migliorare l'ottica delle loro posizioni anche se il loro ritornello di "Vedi, sostengo le donne" è alquanto dubbio per quelli di noi che vogliono infrangere la superficie della loro retorica. Sia gli uomini che le donne in posizioni di potere devono essere ritenuti responsabili dei ruoli che potrebbero avere la loro complicità nel permettere ai predatori sessuali di farla franca con i loro crimini.

Il genere è una struttura significativa per come comprendiamo e percepiamo il mondo che ci circonda. Con ciò intendo che le nozioni su cosa significhi essere "maschili" rispetto a "femminili" sono una potente lente attraverso cui interpretiamo ed elaboriamo le nostre interazioni sociali. Le nostre idee sul comportamento maschile e femminile appropriato sono fortemente influenzate da potenti agenti socializzanti come i media, il nostro governo, il sistema educativo, ecc. Quindi, naturalmente, l'ironia di un'industria dominata dagli uomini che ha donne sessualmente oggettificate da decenni essere sottoposti a un nuovo scrutinio per la sua complicità nel consentire a un predatore sessuale come Weinstein (o Bill O'Reilly, di usare Fox News come esempio) non è perso dalla maggior parte di noi.

Per coloro che dubitano del dominio dei maschi bianchi in posizioni di potere a Hollywood, Marling (2017) presenta dei fatti quando scrive che "I narratori – le persone con potere economico e artistico – sono, in linea di massima, uomini bianchi. A partire dal 2017, le donne rappresentano solo il 23% della Directors Guild of America e solo l'11% sono persone di colore "(paragrafo 4). Quindi, per quelli di voi che ancora si chiedono perché la diversità è importante sul posto di lavoro, l'eliminazione della cultura dello stupro è solo uno dei suoi potenziali benefici.

La domanda ovviamente diventa: le rivelazioni sull'entità della presunta violenza sessuale di Weinstein sono un vero punto di svolta nella nostra cultura?

Le accuse di Bill Cosby, l'eventuale estromissione di Ailes da Fox News, e in seguito le loro valutazioni, il juggernaut O'Reilly non erano abbastanza. In effetti, il nostro comandante in capo si vantava di essere un predatore sessuale e veniva comunque nominato nella posizione più alta della nazione! Quindi forse siamo un po 'troppo ottimisti nel pensare che in qualche modo le accuse di Weinstein possano invertire la tendenza. Certamente, i cambiamenti richiedono tempo e gli stereotipi radicati sulle donne – in particolare donne professioniste che continuano a penetrare in settori storicamente dominati dagli uomini come i media e la politica – non cambieranno da un giorno all'altro. Inoltre, le barriere istituzionali che restano sul campo che rendono difficile per le donne spingere a posizioni elevate all'interno dei ranghi professionali possono anche contribuire a sentirsi obbligati a rimanere in silenzio quando assistono i loro colleghi maschi o datori di lavoro che molestano altri dipendenti.

Nonostante la crescente attenzione che le accuse di Weinstein hanno dato alle questioni legate alla cultura dello stupro che persiste nel nostro paese, non posso fare a meno di sentirmi pessimista sul risultato finale dei suoi sottoprodotti come la campagna #MeToo. Mentre il silenzio ha sempre potenziato i perpetratori e può diventare un secondo trauma per le vittime di molestie sessuali e atti di coercizione e stupro, fino a quando uomini come Weinstein non perdono la loro reputazione o vengono trafugati sui social media, ma in realtà affrontano una pena detentiva per la loro illegittima e il comportamento criminale, un vero punto di non ritorno non sarà stato raggiunto. E come è stato scritto da molti altri giornalisti, femministe, studiosi e blogger, la ricerca del diritto di una donna a lavorare fuori casa senza paura di molestie sessuali o peggio non dovrebbe essere inquadrata come una questione femminile , ma piuttosto, un umano diritti che incidono su tutti.

Porre il peso delle donne nel fermare le proprie molestie o peggio non ha senso perché non sono la causa della cultura dello stupro, ma purtroppo, il più delle volte le vittime. Il problema è la cultura del diritto e del privilegio maschile che continua a permeare la nostra società ed è amplificato in istituzioni dominate dagli uomini come l'industria dell'intrattenimento e la politica. Fino a quando i maschi non capiranno che ci saranno conseguenze per le loro azioni, tale comportamento deviante continuerà a persistere. Trump ha giustificato il suo comportamento volgare come "parlare da spogliatoio". Allo stesso modo, siamo stati tutti socializzati in una certa misura in una cultura dei "ragazzi saranno ragazzi". Infatti, fino a quando i diritti e i privilegi che derivano dall'essere uomini in questo paese saranno messi a confronto e verranno messe in atto misure per una società più egualitaria, #MeToo continuerà anche a persistere.

Non è una coincidenza che con l'eccezione di Bill Cosby, che era probabilmente una delle figure più potenti e amate della comunità afroamericana prima che le accuse sul suo comportamento predatorio fossero prese sul serio, che tutti gli altri esempi di alto profilo di autori di molestie e la coercizione sessuale e lo stupro furono fatti contro potenti maschi bianchi. I privilegi maschili e bianchi si intersecano per creare un ambiente favorevole alla corruzione del potere, con un intero sistema che consente i loro comportamenti mentre mettono a tacere le vittime in modo schiacciante delle donne e li incolpano per la loro persecuzione.

Dove andiamo da qui come società? Non so se qualcuno ha la risposta a questo. Ma spero che si stia verificando un vero cambiamento per creare un ambiente più sicuro per tutti sul posto di lavoro e oltre, così che forse un giorno le nostre giovani ragazze e ragazzi possano crescere raccogliendo con dispiacere che il mondo in cui vivevano i loro genitori aveva la necessità per una campagna #Metoo per sensibilizzare su quanto fossero diffuse molestie sessuali e violenze contro le donne (e alcuni uomini).

Ora non è un sogno a cui aspirare? Creare una società in cui l'hashtag #MeToo non è solo non più prevalente, ma un residuo di un passato lontano in cui le istituzioni non conoscevano meglio e gli astanti avevano troppa paura di esprimersi in modo tale che i perpetratori se la cavavano con i loro crimini sessuali. Speriamo che, per le vittime della vasta gamma di violenze esistenti nella cultura dello stupro, il dialogo aperto dai titoli più recenti di Hollywood e la massiccia campagna di social media da parte degli attivisti consentirà un certo senso di empowerment.

A quelle vittime: non sei solo, la tua campagna per l'uguaglianza vale la lotta e la tua voce non può essere messa a tacere indefinitamente. Sono solidale come alleato e difensore e lo considererò un successo se crescerà la mia nipotina per chiedermi in futuro a cosa si riferisca la campagna di #MeToo, comunque.

Copyright 2017 Azadeh Aalai

Solutions Collecting From Web of "La cultura dello stupro verrà infine presa seriamente?"