La crisi dell'identità maschile e il declino della paternità

L'America sta rapidamente diventando una società senza padre, o forse più esattamente, una società paterna assente. L'importanza e l'influenza dei padri nelle famiglie è stata in notevole declino sin dalla rivoluzione industriale e sta raggiungendo proporzioni critiche.

Come sostiene Alexander Mitscherlich in Society Without A Father, c'è stata una "progressiva perdita dell'autorità del padre e una diminuzione del suo potere nella famiglia e sulla famiglia".

"Se le tendenze attuali continuano, scrive David Popenoe, professore di sociologia alla Rutgers University," la percentuale di bambini americani che vivono lontano dai loro padri biologici raggiungerà il 50% entro il prossimo secolo. "Sostiene" questa massiccia erosione della paternità contribuisce fortemente a molti dei principali problemi sociali del nostro tempo … I bambini senza padre hanno un fattore di rischio da due a tre volte superiore a quello dei figli paterni per una vasta gamma di esiti negativi, tra cui abbandonare la scuola superiore, dare alla luce un adolescente e diventare un giovane delinquente."

Secondo David Blankenhorn, autore di Fatherless America, presidente della National Fatherhood Initiative e fondatore / presidente dell'Institute for American Values, organizzazione e ricerca condotta da Popenoe e decine di altri ricercatori:

  • Circa il 30% di tutti i bambini americani sono nati in case monoparentali, e per la comunità nera questa percentuale è del 68%;
  • Secondo il Dipartimento della salute e dei servizi umani, National Center for Health Statistics, i bambini senza padre sono a un rischio drammaticamente più elevato di abuso di droghe e alcol, malattia mentale, suicidio, scarso rendimento scolastico, gravidanze adolescenziali e criminalità.
  • Oltre la metà di tutti i bambini che vivono con una madre single vivono in povertà, un tasso da 5 a 6 volte quello dei bambini che vivono con entrambi i genitori;
  • L'abuso di minori è molto più probabile che si verifichi nelle case monoparentali che nelle famiglie intatte;
  • Il 63% dei giovani suicidi proviene da case senza padre secondo l'Ufficio degli Stati Uniti del Censimento;
  • Il 72% degli assassini adolescenti è cresciuto senza padri. Il 60% degli stupratori americani è cresciuto allo stesso modo, secondo uno studio di D. Cornell (et al.), In Scienze del comportamento e della legge ;
  • Il 63% di 1500 amministratori delegati e direttori delle risorse umane hanno affermato che non era ragionevole per un padre prendere un congedo dopo la nascita di un figlio;
  • Il 71% di tutti gli abbandoni scolastici delle scuole superiori proviene da case senza padre secondo il rapporto dell'Associazione nazionale dei dirigenti sullo stato delle scuole superiori;
  • L'80% degli stupratori motivati ​​dalla rabbia sfollata proviene da case senza padre secondo un rapporto di Criminal Justice & Behaviour;
  • Nelle famiglie monogenitoriali negli Stati Uniti circa il 66% dei bambini piccoli vive in povertà;
  • Il 90% di tutti i senzatetto e i bambini in fuga provengono da case senza padre;
  • I bambini di famiglie a basso reddito e con due genitori superano gli studenti provenienti da famiglie monoparentali ad alto reddito. Quasi il doppio degli alti risultati ottenuti dalle case bipede come case monoparentali secondo uno studio della Charles F. Kettering Foundation.
  • L'85% di tutti i bambini che presentano disturbi del comportamento provengono da case senza padre secondo uno studio del Center for Disease Control;
  • Di tutti i crimini violenti contro le donne commessi dalle persone intime circa il 65% sono stati commessi da entrambi i ragazzi o ex mariti, rispetto al 9% dei mariti;
  • Le ragazze che vivono con padri non natali (fidanzati e patrigni) sono più a rischio di abusi sessuali rispetto alle ragazze che vivono con i padri natali;
  • Le figlie di madri single hanno il 53% in più di probabilità di sposarsi da adolescenti, il 111% in più di avere figli adolescenti, il 164% in più di probabilità di avere un parto prematrimoniale e il 92% in più di probabilità di sciogliere i propri matrimoni.
  • Un ampio sondaggio condotto alla fine degli anni '80 ha rilevato che circa il 20% dei padri divorziati non aveva visto i suoi figli nell'ultimo anno e che meno del 50% vedeva i propri figli più di qualche volta all'anno.
  • Il crimine minorile, la maggior parte dei quali commesso da maschi, è aumentato di sei volte dal 1992;
  • In uno studio longitudinale di 1.197 studenti di quarta elementare, i ricercatori hanno osservato "maggiori livelli di aggressività nei ragazzi da famiglie di sole madri rispetto ai ragazzi nelle famiglie di madri e padre", secondo uno studio pubblicato sul Journal of Abnormal Child Psychology .
  • I punteggi degli Scholastic Aptitude Test sono diminuiti di oltre 70 punti negli ultimi due decenni; i bambini nelle famiglie monoparentali tendono a ottenere punteggi inferiori nei test standardizzati e a ricevere voti inferiori a scuola in base a un rapporto del servizio di ricerca del Congresso.

Blankenhorn sostiene che l'America sta affrontando non solo la perdita dei padri, ma anche l'erosione dell'ideale della paternità. Poche persone dubitano dell'importanza fondamentale delle madri, commenta Popenoe, ma viene sempre più sollevata la questione se i padri siano realmente necessari e viene detto da molti come un ruolo puramente sociale che gli altri – madri, partner, patrigni, zii e zie, e nonni, puoi giocare.

"La scala delle fratture coniugali in Occidente dal 1960 non ha precedenti storici che io conosca", afferma Lawrence Tone, noto storico della famiglia dell'Università di Princeton, "Non c'è stato niente di simile negli ultimi 2000 anni, e probabilmente più a lungo". Considera cosa è successo ai bambini. La maggior parte delle stime è che solo circa il 50% dei bambini nati durante il periodo "baby busto" del 1970-84 vivrà ancora con i genitori naturali all'età di 17 anni – un incredibile calo da quasi l'80%.

Nonostante l'attuale interesse per il coinvolgimento dei padri nelle famiglie, una percentuale estremamente ampia di ricerche familiari si concentra su madri e bambini. Le agenzie sanitarie e altre organizzazioni escludono i padri, spesso involontariamente. A partire dalla gravidanza e dal travaglio e dal parto, la maggior parte degli appuntamenti viene fissata per le madri e si svolge nei momenti in cui i padri lavorano. Lo stesso vale per la maggior parte delle visite pediatriche. I registri scolastici e i file delle organizzazioni di servizi familiari hanno spesso il nome del bambino e della madre sull'etichetta, e non su quello del padre. Nella maggior parte degli edifici delle agenzie familiari, le pareti sono in genere di colori pastello, le immagini sul muro sono di madri, fiori e neonati, le riviste nella sala d'aspetto sono per le donne e il personale è prevalentemente femminile. Nella maggior parte degli uffici del welfare, i padri non sono invitati a organizzare riunioni di pianificazione, e quando un visitatore domestico viene accolto alla porta da un uomo, chiede spesso di parlare con la madre. Dati questi scenari, è probabile che i padri ricevano il messaggio di essere invisibili o irrilevanti per il benessere dei loro figli, a meno che non implichino un sostegno finanziario.

Popenoe e altri hanno esaminato il ruolo dei padri nell'educazione dei figli e hanno scoperto che ci sono differenze significative rispetto a quello delle madri. Ad esempio, una dimensione spesso ignorata del padre è il gioco. Dalla nascita dei loro figli fino all'adolescenza, i padri tendono a enfatizzare il gioco più della custodia. Il gioco è sia fisicamente stimolante che eccitante. Spesso assomiglia a un apprendistato o rapporti di insegnamento, e sottolinea spesso il lavoro di squadra e test competitivi delle abilità. Il modo in cui i padri giocano influenza tutto, dalla gestione delle emozioni all'intelligenza e al rendimento scolastico. È particolarmente importante nel promuovere la virtù essenziale dell'autocontrollo.

Un comitato riunito dal Board of Children and Families del National Research Council, ha concluso: "i bambini imparano lezioni importanti su come riconoscere e affrontare emozioni altamente caricate nel contenuto del gioco con i loro padri. I padri, in effetti, insegnano ai bambini a regolare le proprie emozioni e a riconoscere gli indizi emotivi degli altri ".

Nel gioco e in altri regni, i padri tendono a sottolineare la competizione, la sfida, l'iniziativa, l'assunzione di rischi e l'indipendenza. Le madri, in quanto badanti, sottolineano la sicurezza emotiva e la sicurezza personale. Il coinvolgimento del padre sembra essere legato al miglioramento delle abilità quantitative e verbali, al miglioramento della capacità di risoluzione dei problemi e al conseguimento di risultati accademici più elevati per i bambini. Gli uomini hanno anche un ruolo vitale da svolgere nel promuovere la cooperazione e altre virtù "soft". Padri coinvolti, risulta che secondo uno studio longitudinale di 26 anni può essere di particolare importanza per lo sviluppo dell'empatia nei bambini.

La vita familiare – matrimonio e educazione dei figli – è una forza civilizzatrice per gli uomini. Li incoraggia a sviluppare prudenza, cooperazione, onestà, fiducia, spirito di sacrificio e altre abitudini che possono portare al successo come fornitore economico dando il buon esempio.

Mark Finn e Karen Henwood, scrivendo sulla questione della mascolinità e della paternità, nel British Journal of Social Psychology, sostengono che la visione tradizionale della mascolinità, con il suo focus sul potere, l'aggressività, la sicurezza economica e la "virilità", e l'emergere Una nuova visione della paternità, che incorpora molti aspetti della maternità, è una fonte di lotta per molti uomini che diventano padri.

In uno studio sulla paternità nelle sitcom televisive popolari, Timothy Allen Pehlke ei suoi colleghi hanno concluso che i padri sono generalmente considerati relativamente immaturi, inutili e incapaci di prendersi cura di se stessi rispetto ad altri membri della famiglia. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che i padri spesso servivano come bersaglio delle battute dei membri della famiglia. Tutte queste caratterizzazioni, mentre l'intenzione può essere l'umorismo, raffigurano i padri come socialmente incompetenti e oggetti di derisione.

In uno studio sulle raffigurazioni di padri nei libri illustrati per bambini più venduti, la ricercatrice Suzanne M. Flannery Quinn ha concluso che dei 200 libri analizzati c'erano solo 24 libri in cui il padre appare da solo e solo 35 libri in cui madre e padre appaiono insieme . L'autore conclude, "poiché i padri non sono presenti o prominenti in un gran numero di questi libri, ai lettori viene fornita solo una serie ristretta di immagini e idee da cui è possibile costruire una comprensione delle aspettative culturali della paternità e di ciò che intendo essere un padre."

Mi sembra che la questione del declino della paternità e il problema della crisi dell'identità maschile siano inestricabilmente intrecciati.

Nel mio articolo su Psychology Today , la nostra crisi di identità maschile: cosa succederà agli uomini ?, dissi: "In un mondo postmoderno privo di confini e distinzioni nette, è stato difficile sapere cosa significhi essere un uomo e ancora più difficile sentirsi bene nell'essere uno. I molti confini di un mondo di genere costruito attorno all'opposizione tra lavoro e produzione familiare rispetto alla riproduzione, competizione contro cooperazione, duro contro morbido, sono stati offuscati e gli uomini brancolano nel buio per la loro identità ".

In modo schiacciante, il ritratto degli uomini e l'identità maschile nelle società occidentali contemporanee è per lo più negativo. Gli uomini oggi sono ampiamente demonizzati, emarginati e oggettivati, in un modo che ricorda quello che è successo alle donne. Il problema dell'identità maschile è di cruciale importanza perché i maschi sono in ritardo nella scuola, commettono più suicidi e crimini, muoiono più giovani e vengono trattati per condizioni come l'ADHD più delle femmine. C'è stata anche una perdita di paternità nella società, in quanto l'inseminazione artificiale di donatori anonimi è in aumento. Inoltre, esperimenti medici hanno dimostrato che lo sperma maschile può ora essere coltivato artificialmente in un laboratorio. C'è stato un aumento dei tassi di divorzio dove nella maggior parte dei casi, la custodia dei figli è garantita alle madri. Il ritratto negativo continuo degli uomini nei media, insieme alla femminilizzazione degli uomini e alla perdita della paternità nella società, ha causato confusione e frustrazione nei maschi delle generazioni più giovani, poiché non hanno uno specifico modello di ruolo e sono meno in grado di definire il loro ruolo in società.

Da essere visti come i capifamiglia di successo, i capifamiglia e i leader rispettati, gli uomini oggi sono il bersaglio delle barzellette nei media popolari. Un gruppo di ricerca canadese, Nathanson and Young, ha condotto una ricerca sul cambiamento del ruolo degli uomini e dei media e ha concluso che programmi televisivi molto popolari come I Simpson presentano il personaggio del padre, Homer, come pigro, sciovinista, irresponsabile e stupido e suo figlio, Bart, malizioso, maleducato e crudele con sua sorella. In confronto, la madre e la figlia sono presentate come premurose, premurose e di indole mite. La maggior parte degli spettacoli televisivi e degli annunci pubblicitari presenta uomini come stupidi buffoni, o aggressivi tiranni malvagi o insensibili e superficiali "prigionieri" per il piacere delle donne.

Secondo JR Macnamara, nel libro Media and the Male Identity: The Making and Remaking of Men , meno del 20% dei profili dei media rifletteva temi positivi per gli uomini. Violenti crimini, tra cui omicidio, aggressione e rapine a mano armata hanno rappresentato oltre il 55% di tutti i media che riferiscono di attività maschili. Macnamara afferma che oltre il 30% di tutte le discussioni sui media della sessualità maschile era in relazione alla pedofilia e l'eterosessualità dei maschi associata alla mascolinità è vista come violenta, aggressiva e dominante. Gli uomini vengono spesso mostrati in programmi televisivi e film come privi di impegno nelle relazioni e vengono mostrati come spesso imbrogli sulle donne. E con crescente frequenza, le donne vengono mostrate in programmi televisivi e film come madri single indipendenti, non avendo bisogno di un uomo.

Guy Garcia, autore di The Decline of Men: Come il maschio americano si sta sintonizzando, rinunciare e lanciare il suo futuro, sostiene che molti uomini si lamentano di una " frammentazione dell'identità maschile", in cui ai mariti viene chiesto di assumere ruoli familiari non abituati come la cura dei bambini e le faccende domestiche, mentre le mogli portano gli stipendi più grandi. "Le donne sono diventate il genere dominante", afferma Garcia, " ciò che mi preoccupa è che i ragazzi stanno rapidamente perdendo terreno. Le donne stanno diventando più istruite degli uomini, guadagnando più degli uomini e, in generale, non hanno bisogno di uomini. Nel frattempo, come gruppo, gli uomini stanno perdendo la loro strada. "

"La crisi della paternità, quindi, è in definitiva una crisi culturale, un forte declino del senso tradizionale di responsabilità collettiva", sostiene Popenoe; "Ne consegue quindi che per salvare il salvataggio dell'istituto di paternità in via di estinzione, dobbiamo ritrovare il nostro senso di comunità".

Quindi, mentre celebriamo annualmente la festa del papà e riflettiamo sulla sua importanza per la stabilità sociale, più uomini nella nostra cultura hanno bisogno di trovare la loro identità maschile e impegnarsi per l'importanza centrale della paternità.

Puoi seguirmi a Ray Williams Associates o su Twitter.

Solutions Collecting From Web of "La crisi dell'identità maschile e il declino della paternità"