La connettività migliorata del cervelletto aumenta la capacità creativa

Life Science Databases/Wikimedia Commons
Cervelletto (in latino per "piccolo cervello") in rosso.
Fonte: banche dati Life Science / Wikimedia Commons

Nel 1504, Leonardo da Vinci fece dei getti di cera del cervello umano e coniarne il termine cervelletto (latino per "piccolo cervello") per descrivere due piccoli emisferi cerebrali che sono ordinatamente nascosti sotto gli emisferi relativamente colossali del cervello (latino per "cervello" ). Cerebellar è la parola sorella per cerebrale e significa "relativo o localizzato nel cervelletto".

Il cervelletto è solo il 10% del volume del cervello, ma contiene quasi l'80% dei neuroni totali del cervello. Al contrario, il cervello è il 90% del volume del cervello, ma contiene solo circa il 20% dei neuroni totali del cervello. Qualunque cosa stia facendo il cervelletto, ne sta facendo un sacco.

Life Science Databases/Wikimedia Commons
Cerebrum (in latino per "cervello") in rosso.
Fonte: banche dati Life Science / Wikimedia Commons

Storicamente, i neuroscienziati hanno considerato il cervelletto come sede di attività non mentali come coordinare e mettere a punto i movimenti muscolari. Tuttavia, negli ultimi anni, una vasta gamma di studi ha dimostrato (per la prima volta) che il cervelletto gioca un ruolo importante in molti dei nostri processi cognitivi, emotivi e creativi.

I ricercatori della Stanford University stanno conducendo ricerche pionieristiche sulla base neurale del potenziamento della creatività. Le loro scoperte suggeriscono che il cervelletto potrebbe essere la principale forza trainante dei nostri processi creativi.

Infatti, i ricercatori di Stanford hanno scoperto che sopprimendo i centri di controllo esecutivo del cervello e consentendo al cervelletto di essere il "controllore", aumenta la capacità creativa spontanea. Questo è un concetto rivoluzionario che sfida il dubbio costrutto del "cervello destro" che è il nostro epicentro creativo.

Il cervelletto può essere la sede della creatività

Ho riportato per la prima volta la ricerca di Stanford che collega il cervelletto e la creatività in un post del blog Psychology Today del maggio 2015, "The Cerebellum May Be the Seat of Creativity." Dopo aver scritto quel post, ho contattato Manish Saggar, Ph.D., dello Stanford Center for Interdisciplinary Brain Sciences Research, Dipartimento di Psichiatria. Siamo rimasti in contatto.

Il primo studio di Saggar sulla creatività e sul cervelletto ha rilevato che la capacità creativa "eccessiva" è compromessa. Saggar ha riassunto queste scoperte dicendo: "Più ci pensi, più lo incasini." Questo è esattamente ciò che la leggenda del tennis Arthur Ashe definirebbe "paralisi per analisi".

La scorsa settimana, in una corrispondenza via email, Saggar mi ha fatto sapere che il suo secondo articolo sulla neuroscienza del potenziamento della capacità creativa è stato recentemente accettato dalla rivista Cerebral Cortex e sarebbe stato presto pubblicato …. Sono stato elettrizzato all'idea di svegliarmi stamattina e di aprire un'e-mail da Saggar che mi ha fatto sapere che la sua ultima ricerca è stata pubblicata ieri sera.

Lo studio del giugno 2016, "Cambiamenti nell'attivazione cerebrale associata a improvvisazione spontanea e creatività figurativa dopo l'allenamento basato sul pensiero progettuale: uno studio fMRI longitudinale", appare sulla rivista Cerebral Cortex .

Per la prima volta, questa ricerca mostra che il potenziamento della capacità creativa basato sull'improvvisazione è stato associato a un ridotto coinvolgimento delle regioni di funzionamento esecutivo del cervello e ad un maggiore coinvolgimento dell'elaborazione implicita spontanea del cervelletto.

All'inizio dell'ultimo studio, i partecipanti sono stati divisi in due gruppi. Un gruppo ha partecipato a un Creative Capacity Building Program (CCBP) di cinque settimane basato sull'ideazione del design, l'altro gruppo è stato iscritto in un Language Capacity Building Program (LCBP). Dopo aver esaminato i cambiamenti longitudinali dell'attività cerebrale di entrambi i gruppi, i ricercatori hanno scoperto che è stata osservata una maggiore connettività cerebellare-cerebrale nei partecipanti al CCBP post-intervento rispetto ai partecipanti al LCBP.

Questa evidenza empirica aggiunge ad altre ricerche che hanno scoperto che la connettività cerebellare-cerebrale è associata alla messa a punto dei nostri pensieri generali e del pensiero creativo. I ricercatori concludono

"I nostri dati suggeriscono un ridotto coinvolgimento del monitoraggio cognitivo e del controllo volitivo e connettività cerebrale cerebrale putativamente più elevata associata ad un allenamento di creatività basato sull'improvvisazione.

Prevediamo che questi risultati possano guidare gli sforzi futuri per sviluppare e misurare l'efficacia degli interventi per migliorare la creatività basata sull'improvvisazione negli adulti e nei bambini durante tutta la vita. I nostri risultati suggeriscono ancora che il potenziamento della capacità creativa potrebbe essere associato all'emulazione della funzione "controllore" prefrontale da parte di modelli cerebellari interni. "

Conclusione: "Unclamping" della corteccia prefrontale potrebbe aumentare la creatività

Ho studiato e scritto sul cervelletto per molto tempo. Una decina di anni fa, mio ​​padre (Richard M. Bergland) e io abbiamo creato un modello di cervello diviso chiamato "cervello cerebrale in su" che sedeva l'apprendimento implicito nel cervelletto e l'apprendimento esplicito nel cervello. L'ultima ricerca di Stanford che collega il cervelletto con una maggiore capacità creativa rappresenta una nuova frontiera per comprendere il ruolo che il nostro "piccolo cervello" gioca nella cognizione.

Negli ultimi anni, ho sviluppato un'ipotesi secondo cui la chiave per migliorare l'intelligenza fluida è quella di ottimizzare la connettività funzionale tra entrambi gli emisferi del cervello e entrambi gli emisferi del cervelletto. Chiamo questa superfluidità . Il mio concetto di superfluidità è illustrato in uno schizzo rapido del "Super 8" (sotto). Mi venne in mente la visualizzazione di questo costrutto mentre ruminavo sull'interconnettività cerebrale-cervelletto su un lungo jog. Ho disegnato questa "Mappa del cervello" in pochi minuti, l'istante in cui sono entrato nella porta, ancora coperto di sudore.

Photo and illustration by Christopher Bergland (Circa 2009)
"Unclamping" dei centri di controllo esecutivo della corteccia prefrontale può consentire alla "superfluidità" dei pensieri di fluire senza attrito o viscosità tra tutti e quattro gli emisferi cerebrali. Questo processo potrebbe migliorare sia l'intelligenza fluida che il pensiero creativo.
Fonte: foto e illustrazione di Christopher Bergland (Circa 2009)

Credo che colmare le lacune tra tutti e quattro gli emisferi cerebrali crei una connettività cerebellare-cerebrale ottimale. Inoltre, oltre alle scoperte empiriche di Saggar sulla base neurale dell'accrescimento della creatività mediante l'allenamento CCBP, ho l'impressione che il regolare allenamento aerobico e l'esercizio fisico ottimizzino anche la connettività cerebellare-cerebrale, aumentando così la capacità creativa.

Ad esempio, Albert Einstein ha detto di E = mc2, "Ci ho pensato mentre guidavo la mia bicicletta". Sebbene l'associazione tra esercizio aerobico, cervelletto e "Aha!" Sia ancora un'ipotesi teorica e istruita da parte mia. . . se guardi alla routine quotidiana dei grandi creativi, c'è un modello storico di persone che hanno momenti eureka quando camminano, vanno in bicicletta, camminano, fanno jogging, ecc.

So per esperienza personale che ho la maggior parte delle mie scoperte creative quando sono impegnato in qualche tipo di attività aerobica. Si spera che la futura ricerca empirica sul cervelletto confermerà prove aneddotiche che collegano esercizio e creatività.

Per molto tempo, ho sentito che il cervelletto è stato sottovalutato dalla struttura medica tradizionale. È entusiasmante (e rivendicativo) vedere ricercatori come Manish Saggar alla Stanford University e Jeremy Schmahmann alla Harvard Medical School, mettendo il cervelletto sotto i riflettori e dando al nostro "piccolo cervello" l'attenzione che merita. Restate sintonizzati per una ricerca cerebellare all'avanguardia in arrivo!

Per saperne di più sul cervelletto, controlla i miei post sul blog di Psychology Today ,

  • "5 motivi per cui il cervelletto è la chiave per crescere in un'era digitale"
  • "Il cervelletto influenza profondamente i nostri pensieri ed emozioni"
  • "Perché camminare stimola il pensiero creativo?"
  • "Il cervelletto può essere la sede della creatività"
  • "Perché Overthinking sabota il processo creativo?"
  • “Eureka! Decostruire i meccanismi del cervello di Aha! Moments”
  • "Il danno al cervelletto può essere la radice del PTSD in combattenti veterani"
  • "La neuroscienza di calmare un bambino"
  • "Le cellule di Purkinje scoppiano in vita con l'eccitazione dipendente dallo stato"
  • "Ulteriori collegamenti di ricerca autismo e il cervelletto"
  • "Un pensiero troppo cristallizzato riduce l'intelligenza fluida"
  • "In che modo le regioni motorie del cervello trasmettono l'intelligenza del fluido?"
  • “Aha! L'esercizio aerobico facilita il libero flusso del pensiero "
  • "La neuroscienza dell'immaginazione"
  • "Superfluidità: decodifica l'enigma della flessibilità cognitiva"

© 2016 Christopher Bergland. Tutti i diritti riservati.

Seguitemi su Twitter @ckbergland per gli aggiornamenti sui post del blog The Athlete's Way .

The Athlete's Way ® è un marchio registrato di Christopher Bergland.

Solutions Collecting From Web of "La connettività migliorata del cervelletto aumenta la capacità creativa"