La connessione tra teorie del complotto e ambivalenza

È un buon momento per essere nel business della teoria della cospirazione, e non solo perché il luogo di nascita del Presidente degli Stati Uniti è stato verificato solo 72 volte. Grazie a Internet, è più facile che mai rintracciare informazioni potenzialmente sospette e discuterne con gumshoes dalla mentalità simile.

Mentre certe persone possono essere predisposte a credere in certi tipi di teorie del complotto, ci sono sicuramente dei fattori contestuali a breve termine che influenzano l'eventualità che qualcuno possa cancellare il loro soggiorno per costruire una gigantesca tavola di sughero con pezzi di filo che collegano varie foto e documenti. Secondo un nuovo studio di un gruppo di ricercatori dell'Università di Amsterdam, uno di questi fattori è la sensazione di ambivalenza. Il ragionamento è che sentirsi in conflitto per qualcosa è spiacevole. Quindi cerchiamo di compensare cercando l'ordine, e questo può portarci a trovare significato o scopo nell'ambiguità.

L'ambivalenza è un'esperienza presumibilmente spiacevole, e venire a patti con essa è una parte complessa dell'esistenza umana. Si sostiene che i titolari di atteggiamenti ambivalenti affrontano la loro ambivalenza attraverso percezioni compensative dell'ordine. Per prima cosa dimostriamo che l'ambivalenza porta ad un aumento delle percezioni dell'ordine (visive) (Studio 1). Nello studio 2 riproduciamo concettualmente questa scoperta mostrando che l'ambivalenza aumenta anche la credenza nelle teorie cospirative, una forma cognitiva della percezione dell'ordine. Inoltre, questo effetto è mediato dalle emozioni negative che sono suscitate dall'ambivalenza. Nello studio 3 dimostriamo che un maggiore bisogno di ordine sta guidando questi effetti: le affermazioni di ordine annullano l'effetto e le implicazioni sociali sono discusse.

Nel secondo esperimento i partecipanti hanno scritto di un argomento su cui erano ambivalenti o poco noti. A loro fu poi detto di immaginarsi in due scenari ambigui. Nel primo, sono in possesso di un lavoro che prevede il tracciamento dell'uso dell'email da ufficio e il giorno prima inaspettatamente rifiutato per una promozione, notano un aumento del numero di e-mail tra il loro capo e il collega che siede accanto a loro. Nel secondo scenario, notano i proprietari di imprese concorrenti che lasciano un bed and breakfast insieme. Successivamente, tutte le aziende aumentano i loro prezzi, portando a maggiori profitti. Ai partecipanti viene detto che possiedono azioni in queste attività, e quindi a differenza del primo scenario, la potenziale collusione ne beneficia.

La scoperta chiave è che i partecipanti che hanno scritto su sentimenti conflittuali o ambivalenti erano più propensi a credere che le azioni di altre persone (le email dei colleghi e l'incontro B & B) fossero collegate ai loro risultati personali (non ottenere una promozione e guadagnare profitti). Affermare che l'ambivalenza accresce le credenze nelle teorie cospirative così come sono definite colloquialmente può esagerare un po ', ma è giusto concludere che l'ambivalenza aumenta almeno la nostra attribuzione dei risultati a specifiche azioni e motivazioni.

Più in generale, lo studio evidenzia un punto importante sulla necessità di gruppi e polarizzazione. Avere una comprensione così sfumata di qualcosa che sei sinceramente in conflitto su questo è fantastico in astratto. Se tutti i nostri politici comprendessero entrambi i lati di una politica abbastanza bene da provare un vero disagio, avremmo probabilmente una politica pubblica molto migliore.

Ma in pratica una comprensione sfumata può sembrare terribile. Vedi gli svantaggi su entrambi i lati del problema. Diventi marginalmente più insicuro di te stesso e delle tue convinzioni, e diventi spinto a trovare ordine in posti dove potrebbe non esistere. E così può sentirsi meglio per convincerti che il mondo esiste in bianco e nero. Se le tasse danneggiano sempre la crescita economica, non devi preoccuparti delle persone senza assicurazione sanitaria perché aumentare le tasse per espandere l'assistenza sanitaria non ha alcuna possibilità di aumentare il benessere.

La motivazione a trovare ordine nell'ambiguità è una conseguenza sorprendente dell'ambivalenza. Ma se esaminate le convinzioni e il comportamento umani, la necessità di evitare sentimenti conflittuali può spesso entrare in gioco.

(cross-postato da peer-reviewed dai miei neuroni)

—————————–

Seguimi su Twitter

Solutions Collecting From Web of "La connessione tra teorie del complotto e ambivalenza"