La condizione tecno-umana

Diversi anni fa siamo stati sfidati a intraprendere uno studio su come le potenti tecnologie emergenti (ovvero i Cinque Cavalieri: nanotecnologia, biotecnologia, robotica, tecnologia dell'informazione e della comunicazione e scienza cognitiva applicata) influenzano le capacità umane da un punto di vista ambientale. I risultati di questo sforzo sono catturati nel nostro libro The Techno-Human Condition. Non ci ha sorpreso scoprire che l'ambientalismo ha avuto poco da dire sul fatto che gli umani dovrebbero o non dovrebbero usare queste tecnologie emergenti per aumentare le loro prestazioni mentali e fisiche – una domanda che si è rivelata più interessante per la sua capacità di suscitare un dibattito appassionato piuttosto che gettare luce su gran parte di qualsiasi cosa. Ma cercare di dare un senso a quel dibattito ci ha condotto a un'osservazione più profonda e molto più importante della tecnologia, della verità, del controllo e di cosa significa essere umani in un mondo in cui l'umano, il naturale e il tecnologico sono sempre più indistinguibili.

Pensa: oggi vai in un'aula universitaria. Tu, e ogni altro studente, apri i tuoi computer e automaticamente ti accoppi con Google, dandoti così accesso ai detriti effettivi accumulati dell'esistenza umana così come la conosciamo (quando un marchio diventa un verbo, conosci qualcosa con seri braci culturali sta succedendo). Apri una discussione laterale su Facebook o IM e, quando una domanda difficile viene posta alla classe, sei fortunatamente online con quella ragazza carina di fisica che conosce la risposta (lo fa sempre). Ma hai un backup, perché hai appena ricevuto un'app per iPhone che copre bene il materiale di oggi – e in due minuti, piuttosto che l'ora laboriosa che il prof sta prendendo in considerazione. Con diapositive, niente di meno.

O, sfortunatamente, sei in combattimento in AfPak. Fortunatamente, hai ricevuto molti dati dai robot sempre più autonomi che abitano il tuo spazio, reali e virtuali. Sfortunatamente, è troppo per il tuo cervello cartesiano. Ecco perché i sistemi tecnologici prendono sempre più in mano: sorvegliano il campo di battaglia in modi che non puoi; identificare potenziali minacce; verificare e dare la priorità a loro (spesso correttamente! -ma non sempre); controlla i tuoi input sensoriali per determinare quelli che non sono sovraccarichi; e fornirti le informazioni di cui hai bisogno per rimanere in vita quando ne hai bisogno. Tu speri.

In breve, cognizione aumentata. Oppure, in un altro modo, in un mondo in cui la complessità è già schiacciante, eppure continua ad accelerare, la cognizione in rete sta diventando sempre più critica: la cognizione come una proprietà emergente di reti tecno-umane, piuttosto che i singoli cervelli cartesiani che siamo tutti così fiero di. (Una discussione anticipata di questa intuizione si può trovare nella classica Cognition in the Wild di Hutchin del 1995). L'idea della cognizione come una funzione emergente, in rete, solleva alcune grandi domande, praticamente su tutto ciò di cui siamo arrivati ​​a dipendere nel mondo di oggi- come la razionalità, l'agenzia morale individuale e l'idea che la conoscenza è potere. Per esempio, i componenti di una rete cognitiva tecno-umana (le persone individuali, cioè) possono comprendere i prodotti cognitivi emergenti di quella rete? Possono sperare di modificare l'output della rete in modi che potrebbero preferire, ad esempio per perseguire e raggiungere fini moralmente desiderabili?

Messo al suo livello più elementare, qual è la psicologia di una rete tecno-umana? E, come urlo al mito sempre più disfunzionale dell'individuo cartesiano, qual è l'effetto sulla psicologia umana della realizzazione che, in qualche modo fondamentale, il mondo è divenuto troppo complesso per noi per capirlo come individui?

Solutions Collecting From Web of "La condizione tecno-umana"