La compassione è potere

Penso spesso alla mia defunta madre, ma soprattutto durante le vacanze – lei adorava il Natale così. Ha superato una storia di gravi abusi emotivi e violenza domestica per benedirmi con la convinzione che la compassione sia l'emozione umana più potente.

Prima avevo 11 anni, mia madre aveva lasciato mio padre 13 volte. Questo è noto come l'effetto elastico in cui le donne maltrattate escono ripetutamente, solo per tornare dai loro molestatori. Mia madre cercò di tornare indietro per la 14a volta, ma a quel punto aveva trovato un'altra donna. Così, ancora ventenne, divenne una madre single, lavorando in una fabbrica per sostenere la figlia. Negli anni '50 c'era poca simpatia per le madri che "fallivano i loro matrimoni" per qualsiasi motivo; Ero l'unico ragazzo nelle scuole cattoliche a cui partecipavo che era "da una casa distrutta".

Le pressioni su mia madre erano enormi. Ha bevuto e fumato pesantemente. Ma anche nei giorni più bui, ogni volta che qualcuno nel vicinato o nella nostra famiglia allargata aveva bisogno di aiuto, era lì per offrirlo. Sebbene avessimo a malapena abbastanza cibo per noi, ha preso amici, parenti e sconosciuti che avevano meno di noi. Nella mia cinica adolescenza, pensavo che lei volesse solo che qualcuno si lamentasse di quanto fosse ingiusto il mondo, perché lei e le persone che lei prendeva facevano molto di questo. Ma molto più tardi ho visto la verità: nel simpatizzare con il dolore delle altre persone, lei stava guarendo la sua. Quando divenne più compassionevole, il suo risentimento svanì. Ha smesso di bere e fumare e ha aiutato centinaia di persone nel corso della sua vita.

Compassione contro fiducia
Un giorno del Ringraziamento tornai a casa dal college per scoprire che mia madre aveva preso un paio di lontani cugini che erano senza lavoro. Non ero sorpreso di vedere qualcuno che vive nella sua casa. Ciò che mi ha scioccato è stato che tutti i nostri armadi e cassetti nella mia stanza erano chiusi a chiave. Ho chiesto di sapere perché. Ha spiegato, con imbarazzo, che i miei cugini – i suoi nipoti – avevano rubato denaro, alcuni pezzi della sua piccola bigiotteria e persino alcuni dei suoi vestiti. Certo, ero pronto a buttare fuori i criminali ingrati, carismatici e meschini, ma lei mi fermò.

"Non è difficile mantenere le cose bloccate", ha detto. "Sarebbe più difficile farli andar via quando non hanno nessun posto dove andare."

Ho usato ripetutamente la lezione di mia madre, nella mia vita e nel mio lavoro con le coppie che hanno subito il tradimento di abuso o infedeltà: puoi essere compassionevole senza aver fiducia.

È estremamente difficile ricostruire la fiducia una volta che è stata tradita. La vera fiducia richiede di abbassare le difese e il sistema emotivo ferito non lo permetterà con coerenza. Non importa quanto tu ci provi, il dubbio e il sospetto si riflettono di riflesso sul tuo desiderio di fidarti di una persona cara che ti ha ferito.

La compassione per i propri cari dovrebbe essere incondizionata, ma la fiducia, in particolare una volta tradita, deve essere guadagnata. Le coppie che riescono a mettere la fiducia nel dimenticatoio e si concentrano invece sulla compassione, si svegliano un giorno e realizzano che, dopo un periodo di compassione, la fiducia è tornata, cioè è stata guadagnata nel tempo. I miei cugini alla fine si sono guadagnati la nostra fiducia; Non penso che sarebbero stati in grado di farlo, senza la compassione di mia madre.

Il nostro passato violento
Mia madre e io non parlavamo mai del nostro passato violento: preferiva concentrarsi sul presente e sul futuro. Ma quando tornai alla scuola di specializzazione per una seconda carriera e mi ritrovai attratto dallo studio degli abusi familiari, dovevo chiederle la sua opinione, come qualcuno che aveva vissuto tutto questo. Le ho detto quello che avevo imparato: gli uomini abusivi usano rabbia e violenza per controllare e opprimere le donne. Ma lei non l'ha comprato.

"Tutti vogliono controllare i loro coniugi quando arrivano fino ad esso", ha detto. "Ciò che blocca la maggior parte delle persone è la compassione: non puoi sopportare di vedere qualcuno che ami ferire o sentirsi male. Gli aggressori sono arrabbiati e controllanti perché non sono compassionevoli. Perché non sono compassionevoli, non possono migliorare. "

"Ma non è stata la compassione a farti tornare indietro tutte quelle volte?" Ho chiesto.

"No", disse enfaticamente. "Era un ego – non mi sarei riposato fino a quando non ci avessi fatto una famiglia felice. Se fossi compassionevole, avrei visto che si sentiva così male perché pensava che non potesse essere un marito e un padre migliori. Il mio amore gli ricordava solo l'insuccesso che pensava di essere. Se fossi compassionevole, non sarei tornato indietro; Lo avrei lasciato guarire da solo. "

Mia madre mi ha insegnato il significato del potere personale, che ho cercato di insegnare a persone risentite, arrabbiate e violente da allora: raggiungi in profondità, sotto ego, risentimento e dolore, per toccare la parte del tuo spirito che vuole crescere, migliorare, creare, apprezzare e connettersi con il bene nelle altre persone; e hai sufficiente compassione per non aggravare la vergogna di chi non ha ancora imparato a restituirlo. Mi ha insegnato che la compassione è potere.

  • The Angry Asian Showdown presso il Corral social media
  • Underrecognition of PTSD II: i clinici sono presi in considerazione
  • Persuadere gli altri con pensieri amorevoli
  • The Hasan Shootings: Method, Madness o Both?
  • Quindi vuoi scrivere / modificare un libro di arteterapia
  • Calci un Abuser dalla tua vita e dalla tua testa
  • Collegato: esperienze infantili avverse, salute + dipendenza
  • Quiz: Sarò più sicuro se compro una pistola?
  • Bere sul posto di lavoro: Cool Perk o Pendenza scivolosa?
  • Tragedia spettacolare in un mondo giusto: la forza di "Perché?"
  • Ha senso diagnosticare diagnosi psichiatrica?
  • Quando l'abuso di relazione è difficile da riconoscere
  • Smetti di incolpare i bambini, inizia a incolpare le cattive politiche sociali
  • Un addio al bar combatte
  • Porno, una riflessione sulla nostra cultura
  • Un modo potente per crescere i bambini si concentra sul forte
  • La tua relazione sembra una maledizione o un curriculum?
  • "Gestione della rabbia:" Un concetto difettoso
  • Sui bambini ...
  • Politici dei ladri: funzionari pubblici che vivono in alto e proteggono i propri
  • Servizio Apprendimento come attivismo sociale
  • Transizioni da lavoro a casa
  • Il legame tra violenza e animali non umani e umani
  • Non tutti gli aggressori sono creati uguali
  • Abusanti di animali femminili
  • Preferisci lasciare che i tuoi ragazzi giochino a calcio o guidino un'auto?
  • Dare forma alle vite delle donne: i nostri corpi, noi stessi
  • Chi lo fa? Parte 2
  • Non puoi insegnare agli uomini (oa chiunque altro) come dovrebbero sentirsi
  • Perché la violenza domestica può passare da genitore a figlio?
  • Il legame tra violenza e animali non umani e umani
  • Come ti decidi?
  • Dipendenza da oppiacei: un racconto prudente e un caso di discussione
  • The Sub-Story: Il ciclo di abuso che si perpetua attraverso il caso Baby Vanessa
  • Attraversare la linea
  • Applicare alla Scuola di specializzazione per i Cambiamenti di carriera Parte 2