La compassione è meglio dell'empatia

WHYFRAME/Shutterstock
Fonte: WHYFRAME / Shutterstock

Le persone empatiche sentono il dolore degli altri in modo acuto. È possibile essere troppo empatici? Potresti sentirti troppo profondamente perché il dolore o il dolore di qualcun altro ti feriscono davvero?

In effetti, troppa empatia può essere debilitante. Quando siamo troppo angosciati per la sofferenza degli altri, non abbiamo le risorse cognitive ed emotive disponibili per fare molto per aiutarli. Avere compassione, una comprensione cognitiva di come si sentono, è meglio per il nostro benessere e per il benessere di chi è nel bisogno.

L'idea che possa esserci troppa empatia può essere fatta risalire ai primi insegnamenti buddhisti. Invece di concentrarsi sull'empatia fino al punto di prosciugarci emotivamente, il buddismo insegna la pratica della compassione, chiamata karuna. Questa è l'idea di condividere la sofferenza, di avere interesse per un'altra, ma essenzialmente "provare sentimenti e non sentirsi con l'altro".

I neuroscienziati Tania Singer e Olga Klimecki hanno condotto studi che hanno confrontato empatia e compassione. Due gruppi di esperimento separati sono stati addestrati per praticare l'empatia o la compassione. La loro ricerca ha rivelato affascinanti differenze nella reazione del cervello ai due tipi di allenamento.

In primo luogo, l'empatia ha attivato il movimento attivato nell'insula (collegato all'emozione e all'autocoscienza) e al movimento nella corteccia cingolata anteriore (legata all'emozione e alla coscienza), oltre alla registrazione del dolore). Il gruppo di compassione, tuttavia, ha stimolato l'attività nella corteccia orbitofrontale mediale (collegata all'apprendimento e alla ricompensa nel processo decisionale), nonché l'attività nello striato ventrale (anch'essa collegata al sistema di ricompensa).

In secondo luogo, i due tipi di allenamento hanno portato a emozioni e atteggiamenti molto diversi nei confronti dell'azione. Il gruppo addestrato all'empatia ha effettivamente trovato empatia scomoda e problematica. Il gruppo di compassione, d'altra parte, ha creato positività nella mente dei membri del gruppo. Il gruppo di compassione ha finito per sentirsi più gentile e desideroso di aiutare gli altri rispetto a quelli del gruppo di empatia.

Suggerimenti per evitare l'angoscia empatica

Respira .

Quando vediamo qualcosa di angosciante, attiva la risposta di combattimento / volo e il nostro respiro diventa veloce e superficiale, il che aumenta la nostra ansia e dà il nostro slancio alle emozioni. La ricerca mostra che una respirazione profonda e lenta attiva attiva il nervo vago che proviene dal cervello e controlla il sistema nervoso parasimpatico, che controlla la risposta di rilassamento. Alcuni respiri profondi ti aiuteranno a sentirti più calmo.

Senti il ​​tuo corpo

Quando sei testimone di forti emozioni negli altri, intento a stare con te stesso piuttosto che essere coinvolto nella loro esperienza. Senti i piedi per terra e muovi le dita dei piedi. Piegate leggermente le ginocchia se siete in piedi e sentite il sedere sulla sedia che vi sostiene se siete seduti. Sii consapevole delle sensazioni del corpo e immagina te stesso mentre trattieni le sensazioni e le emozioni mentre si muovono attraverso il tuo corpo. E, naturalmente, mantenere l'opzione aperta per rimuovere fisicamente situazioni che diventano troppo angoscianti.

Suggerimenti per coltivare la compassione

Limitare l'esposizione alla negatività.

Abbiamo una predisposizione percettiva a prestare maggiore attenzione a informazioni negative potenzialmente minacciose. È bene essere consapevoli di possibili minacce e problemi. Ma senza una prospettiva, può portarci a credere che il negativo superi il positivo. Essere consapevoli della quantità di tempo e attenzione che si danno a informazioni dolorose su base regolare.

Pratica meditazione amorevole-gentilezza .

Immaginando deliberatamente te stesso, i tuoi cari, le persone di cui ti senti neutrale, e persino le persone che non ti piacciono, vivendo la felicità e la libertà, rendi il mondo un posto più gentile. La ricerca sulla meditazione amorevole-gentilezza dimostra che esso crea resilienza emotiva e connessioni sociali significative che possono aiutarti a rispondere alle sfide con compassione.

Copyright Tara Well, 2017, tutti i diritti riservati.

Ti invito a unirti al mio gruppo Facebook per discutere di questo blog e leggere ulteriori informazioni sullo sviluppo della compassione per te stesso e gli altri. Inoltre, visita The Clear Mirror per conoscere la meditazione dello specchio che riduce lo stress e aumenta la compassione, seguimi su Twitter e Instagram e porta la Mirror Meditation Challenge consegnata ogni giorno nella tua casella di posta.

Solutions Collecting From Web of "La compassione è meglio dell'empatia"