La colpa dei genitori è inevitabile?

Il senso di colpa è una buona cosa. È un'emozione morale associata alla simpatia e una volontà di correggere i torti. La ricerca suggerisce che le persone inclini a sensi di colpa sono più propensi a gestire la loro rabbia in modi costruttivi. Le persone che non provano sensi di colpa sono sociopatiche.

Ma molti genitori-genitori che sono coscienziosi, responsabili e premurosi si sentono appesantiti dal troppo senso di colpa.

Senso di colpa per le cose di tutti i giorni. Come l'asilo nido. Arrangiamenti per dormire Televisione. Pasti in famiglia Disciplina.

Questa sorta di senso di colpa quotidiano sembra molto comune. È universale? È inevitabile?

Non lo so, ma sospetto di no. Voglio dire, non metto in dubbio che i genitori coscienziosi provino dappertutto sensi di colpa quando pensano di non soddisfare i bisogni dei loro figli. Ma non è chiaro che i genitori di tutto il mondo siano ugualmente colpiti dalla colpa.

Considera questi punti:

Ba-Aka madre e figli

1. I genitori di culture diverse possono non sentirsi in colpa per le stesse cose.

Se sei un foraggiatore Baka, ad esempio, non ti sentirai in colpa per far stare sveglio il tuo bambino la sera tardi. Né ti sentirai male se non passi il tempo ogni giorno a giocare con i tuoi figli.

È difficile trovare persone che sono più premurose e indulgenti nei confronti dei bambini piccoli rispetto ai Baka. Ma non vedono alcun motivo per far rispettare l'ora di andare a letto regolarmente. E non si aspettano che gli adulti giochino con i bambini. Questo è ciò che i bambini fanno l'uno con l'altro.

O paragoniamo due nazioni moderne e industriali.

Secondo un'etnografia condotta negli anni '80, molti genitori nella Cina comunista si sentivano meno colpevoli di quanto non avessero fatto i genitori americani sul collocare i loro figli all'asilo o all'asilo. Perché?

I genitori cinesi erano più propensi ad accettare l'asilo nido come necessità. Credevano anche che l'asilo per tutto il giorno avrebbe portato benefici speciali. Aiuterebbe a contrastare gli effetti dei genitori e dei nonni che stavano rovinando i loro figli a casa.

2. Culture diverse possono promuovere atteggiamenti drammaticamente differenti su genitori e figli.

Come osserva l'antropologo David Lancy, gli occidentali moderni e benestanti spesso considerano i bambini come dei cherubini. Il compito del genitore è di amare e servire il cherubino, renderlo felice e prepararlo per una vita di felicità adulta.

In altre società, in particolare nelle società agricole tradizionali, la relazione è diversa. I genitori amano i loro figli e si prendono cura di loro. Ma non sono al servizio dei loro figli. I bambini dovrebbero servire i loro anziani.

Puoi immaginare come ciò potrebbe influenzare i sensi di colpa di un genitore. Non stai cercando di progettare l'infanzia ideale e spensierata. E tu non stai cercando di costruire un superumano. Sei un genitore indaffarato, con più figli, e si suppone che i bambini contribuiscano economicamente alla famiglia.

3. I genitori realistici si ricordano del quadro generale ed evitano viaggi di colpa irrazionali.

Come scrittore che diffonde la ricerca sullo sviluppo infantile, sento spesso i genitori che vogliono creare l'ambiente ideale per i loro figli.

Non è un brutto obiettivo. In realtà, è probabilmente un obiettivo razionale se si vive in una società fluida e basata sull'informazione in cui persone più sane e istruite salgono al vertice.

Ma non è realistico pensare che possiamo massimizzare i benefici per i nostri figli in ogni settore. Che possiamo dare tutto ai bambini.

Anche se fossimo disposti a fare ogni possibile sacrificio per i nostri figli, dovremmo ancora fare delle scelte. Il nostro tempo e la nostra energia sono limitati. Non possiamo comprarci tutto ciò che vogliamo. E non possiamo dare ai nostri figli tutto ciò che è buono e utile.

Sì, puoi insegnare a tuo figlio ad essere un atleta olimpico o un pianista da concerto o un mago della matematica. A seconda delle circostanze, quello potrebbe essere il miglior corso per il tuo bambino. Ma ci sarà meno tempo, energia e denaro da spendere per altre cose.

Questo vale praticamente per tutto. Dovresti cacciare i bambini dal tuo letto? Dovresti lasciare che i tuoi figli guardino la TV? Dovresti comprare quella pizza surgelata?

Se prendiamo una visione irrealistica, unilaterale delle cose, etichettiamo ogni compromesso come negativo. E ci sentiamo colpevoli.

Ma è nostro compito fare questi compromessi. Anche se fossimo i genitori più competenti del mondo, dovremmo ancora fare dei compromessi. E questo è davvero un universale umano.


Più lettura

Per un'affascinante prospettiva sui modi in cui l'infanzia moderna moderna si differenzia dall'infanzia nelle culture tradizionali non occidentali, leggi il libro di David L. Lancy che apre gli occhi e che è spettacolare, L'antropologia dell'infanzia: i cherubini, i castelli e i changeling. A nessuno che sia seriamente interessato al comportamento umano dovrebbe mancare. E non dimenticare di dare un'occhiata al blog affascinante di Lancy per Psychology Today, "Benign Neglect".

Per ulteriori discussioni sulle aspettative irrealistiche di alcuni genitori, vedi il mio post "Genitori: l'apprendimento è uno spreco – quindi passiamo oltre".

Altre referenze:

Tangney JP, Wagner PE, Hill-Barlow D, Marschall DE e Gramzow R. 1996. Relazione tra vergogna e senso di colpa per reazioni costruttive e distruttive alla rabbia nel corso della vita. J Pers Soc Psychol. 70 (4): 797-809.

Tobin JJ, Wu DYH e Davidson DH. 1989. Scuola materna in tre culture. Yale University Press.

Questo articolo apparve originariamente nel post, "Genitori di colpa e raccolta di superkids", per il Blog di BabyCenter. Testo © 2012 Gwen Dewar, Ph.D., tutti i diritti riservati.

<i> immagine di Ba-Aka madre e figli copryright L. Petheram / wikimedia commons </ i>

Solutions Collecting From Web of "La colpa dei genitori è inevitabile?"