La chiave per smettere: Parte 1 di fiducia in se stessi, esaurimento dell'Io

Alcuni mesi fa mi sono reso conto di avere qualcosa di importante da dire ai tossicodipendenti che volevano smettere di fumare ma non avevano ancora capito come. Sono stato invitato a partecipare a un evento TEDx sul tema della fiducia. Per me questo significava fiducia e dipendenza. Hmmmm …. Cosa posso dire a riguardo? Che nessuno si fida di un tossicodipendente? Non esattamente notizie … I tossicodipendenti non possono fidarsi dell'industria del trattamento? Ho ronzio. Poi mi ha colpito: il ruolo cruciale della "fiducia in sé" nel recupero. Questo è ciò che ha funzionato per me, 32 anni fa, quando alla fine ho rotto la mia dipendenza psicologica dagli oppiacei. Potrebbe non funzionare per gli altri?

Mi ero ripromesso di aver finito con le droghe molte altre volte, e mi ero lasciato cadere dal carro altrettante. Come è tipico dei tossicodipendenti. Circa 200 volte in quattro anni, e questa routine yo-yo mi stava uccidendo. Poi, una volta, qualcosa è cambiato nel modo in cui l'ho detto a me stesso. Invece di dire "solo nei fine settimana" o "semplicemente non iniettare", ho detto "mai più". E questa volta mi sono fidato. All'improvviso ho sentito un nuovo tipo di calore, coinvolgente, gentile e intelligente. Invece di dire "certo, l'ho già sentito prima", un sé superiore (o almeno un senso di sé che si estendeva nel futuro) mi circondò con un braccio e disse: "noi" ce la faremo stavolta. Siamo così forti

Ma perché è stato così difficile fino ad allora? Perché è così difficile per i tossicodipendenti "semplicemente dire di no?". Possiamo rispondere a questa domanda solo se possiamo spiegare che cos'è la dipendenza che funziona contro la fiducia in se stessi.

Ci sono due fenomeni psicologici che sono centrali. Ne parlerò uno ora e salverò l'altro per il mio prossimo post.

L'esaurimento dell'Io si riferisce alla nostra fondamentale incapacità di mantenere il controllo degli impulsi per un lungo periodo di tempo.

Le aree della corteccia prefrontale (PFC dorsolaterale e cingolato anteriore) che sono responsabili dell'autocontrollo rimangono senza carburante. Come i muscoli, queste aree si indeboliscono e si deformano con l'uso continuo. Quindi, puoi mantenere l'autocontrollo per un po ', ma non per molto tempo.

In un classico esperimento dello psicologo Roy Baumeister, i soggetti arrivano

il laboratorio affamato. Viene detto loro di non mangiare da una ciotola di biscotti con gocce di cioccolato (un gruppo) o una ciotola di ravanelli (l'altro gruppo) seduti proprio di fronte a loro. Dopo alcuni minuti, devono completare i compiti cognitivi che richiedono l'autocontrollo. Coloro che hanno dovuto sopprimere il loro impulso a mangiare i biscotti hanno fatto meno bene su quei compiti. (Nessuno aveva un forte impulso a mangiare i ravanelli). Avevano consumato parte di quella preziosa risorsa cognitiva – il controllo inibitorio.

L'esaurimento dell'Io è un problema serio per i tossicodipendenti di tutte le strisce: perché la cosa che stai cercando di controllare è sempre presente. Il bar all'angolo, il numero di telefono del tuo rivenditore, il flacone nel cassettone della medicina – spunti associati alla tua dipendenza sono sempre presenti.

E i tossicodipendenti devono controllare i loro impulsi, non solo per i minuti, ma per ore, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana. Quindi, esauriscono la capacità e si arrendono.

Ricerche recenti mostrano che le persone che credono nella loro capacità di autocontrollo sono meno colpite dall'esaurimento dell'Io. Perché dovrebbe essere? Come può uno stato soggettivo, un sentimento, avere una tale influenza su un meccanismo cerebrale fondamentale?

Penso che sia perché, se non credi di poterlo fare, il compito è in realtà di due compiti. Devi controllare non solo l'impulso ma anche il tuo stesso dubbio. Cercando di mantenere quella doppia inibizione, per mantenere la tua sicurezza mentre controlli le tue azioni … esaurisce le tue risorse il prima possibile.

Ciò rende molto difficile per i tossicodipendenti. Perché dovrebbero fidarsi del loro controllo degli impulsi? Hanno fallito di volta in volta. Quindi, ogni volta, l'esaurimento dell'Io è come un veleno che aspetta solo di avere effetto. E ogni volta che falliscono, la loro capacità di fiducia in se stessi è ulteriormente indebolita. Tutta la loro fiducia viene alla fine investita nella droga, nella bevanda o nel comportamento su cui sono venuti a fare affidamento. E questo finisce per tradirli anche loro.

Sono sempre colpito da una certa ironia: le persone pensano che i tossicodipendenti siano deboli e pigri. In effetti è il contrario. Le persone affette da dipendenza lavorano più duramente di chiunque altro per mantenere le cose insieme.

Il secondo fenomeno è lo sconto del ritardo . Questa è la tendenza a svalutare i premi a lungo termine in favore di ricompense immediate. Il che sembra essere uno sfortunato effetto collaterale dell'impatto della dopamina sull'attenzione e sulla motivazione. Il metabolismo della dopamina è la cosiddetta via comune alla dipendenza.

Altro su quel prossimo post. Per ora, diciamo solo che l'impoverimento dell'Io e la fiducia in se stessi sono reciprocamente incompatibili. Il che significa che l'impoverimento dell'Io perde il suo insidioso potere di sabotarti quando alla fine ti rendi conto di come fidarti di te stesso. Non devi stringere i denti e dire "no" ancora e ancora – se davvero credi nella tua decisione. E quel momento, quando cambi i lati e diventi il ​​tuo allenatore, senti così bene … che sai già che funzionerà prima della fine del primo giorno.

Solutions Collecting From Web of "La chiave per smettere: Parte 1 di fiducia in se stessi, esaurimento dell'Io"