La caduta di Petraeus: Illusion of the Good Man

Mentre emergono nuovi dettagli sul rapporto extraconiugale che ha portato alle dimissioni di David Petraeus dal suo incarico di direttore della Central Intelligence Agency, è interessante vedere come le persone sembrano scioccate da questi eventi.

Per essere chiari, Petraeus ha fornito un servizio importante al nostro paese, abilmente servendo come comandante della coalizione multinazionale di forze militari in Iraq prima di accettare il suo nuovo incarico presso la CIA. Nominato dal presidente George W. Bush e mantenuto e promosso dal presidente Barack Obama, Petraeus era ammirato dalle persone indipendentemente dalle loro tendenze politiche (cosa non da poco in questi giorni ed età).

Eppure, le persone ora sono lasciate a grattarsi la testa. Come poteva un illustre generale di quattro stelle con più di 37 anni di servizio nell'esercito degli Stati Uniti intraprendere comportamenti che così rapidamente portarono al disfacimento della sua illustre carriera? Come può un uomo affidato al comando centrale degli Stati Uniti fare scelte così povere? Come poteva qualcuno molto ammirato per il suo candore e il buon giudizio essere abbattuto dal suo "giudizio estremamente povero" (le sue stesse parole)? Parte della difficoltà nel cogliere la situazione riflette un'ingenuità riguardo alla personalità e alla nostra capacità di prevedere il comportamento in tutti i contesti.

Personalità: più limitata di quanto pensiamo

È naturale per le persone presumere che un uomo come Petraeus che è diventato noto per il suo servizio militare onorevole avrebbe agito onorevolmente in tutti gli aspetti della sua vita. Tuttavia, farlo riflette una visione troppo ampia della personalità.

La maggior parte delle persone rivela alcune consistenze nei loro comportamenti. Un introverso tende a essere tranquillo e timido in molte situazioni. Una persona coscienziosa ha probabilmente sia una scrivania ben organizzata al lavoro che una cucina relativamente ben organizzata a casa. Tuttavia, tali aspettative possono essere eccessivamente generalizzate. A volte, apprendiamo anche che un collaboratore organizzato ha una casa che sembra debba apparire in un episodio della serie TV Hoarders .

Come sottolineano Ross e Nisbett (1991) nel loro eccellente libro The Person and the Situation , c'è sorprendentemente poca coerenza nel predire il comportamento delle persone in tutte le situazioni (la quantità di consistenza prevedibile, basata sulla ricerca sperimentale, è in media intorno al 10%).

In breve, la situazione può dettare comportamenti sulle disposizioni delle persone. Ogni giorno le persone amministrano shock elettronici a persone incoscienti perché uno sperimentatore lo ordina (Milgram, 1974), gli studenti del seminario ignorano un uomo ferito quando hanno fretta di tenere una conferenza su "The Good Samaritan" (Darley & Latane, 1973) e gli uomini anziani soccomberanno al fascino delle donne giovani e attraenti che sono attratte dal loro status e potere (Petraeus & Broadwell, 2012)

Auto-presentazione: è difficile conoscere davvero qualcuno

Un'altra dimensione importante della situazione è che le persone di successo, specialmente quelle in strutture politiche come l'Esercito americano o a Washington DC, sono efficaci perché sono abili nell'arte dell'auto presentazione.

Cioè, sapere come proiettare la propria immagine in modo appropriato per il pubblico chiave è il cuore di ciò che rende le persone di successo. Questa abilità, nota come auto-monitoraggio (Snyder & Gangestad, 2000), è una parte fondamentale del toolkit di gestione delle impressioni. Le persone di successo sono molto abili nell'autocontrollo, e non si sviluppano posizioni potenti come Petraeus senza essere molto abili nel modulare l'aspetto sia davanti alle telecamere che ai leader politici di tutto il mondo.

Chiaramente, parte dell'appello di Petraeus è stato il suo candore percepito in varie udienze e conferenze stampa, specialmente durante i momenti difficili della guerra in Iraq. Ad esempio, Monica Crowley ha nominato Petraeus per "La persona più onesta dell'anno" nel 2008 sul programma televisivo della McLaughlin Group perché non ha mai "rivestito di zucchero" la verità.

Ma ancora una volta, percezioni come queste fanno parte della propria personalità, e essere abili nella presentazione selettiva è essenziale per qualcuno che si eleva al vertice del potere nel mondo politico. Tuttavia, l'impressione della gente di Petraeus non poteva che derivare da ciò che era esposto per il consumo pubblico e queste opportunità erano certamente considerate e prodotte da una personalità politica competente.

Il sé: dipendente dal contesto piuttosto che globale

Infine, è importante capire che anche la natura del proprio concetto di sé è strutturata intorno all'espressione differenziale come funzione del contesto. Cioè, la ricerca mostra che il proprio concetto di sé è organizzato in memoria per contesto piuttosto che essere un insieme monolitico di convinzioni, comportamenti e sentimenti auto-pertinenti. In breve, non sarebbe sorprendente vedere che il senso di sé di Petraeus potrebbe avere rappresentazioni discrete (e potenzialmente incompatibili) per "soldato", "amministratore", "padre" e "marito".

In effetti, la ricerca del nostro laboratorio ha dimostrato che le azioni e i sentimenti delle persone sono molto specifici del contesto piuttosto che globali e generali (McConnell, 2011). Ad esempio, le persone che apprezzano fortemente un concetto come "onestà" e la usano come metro per valutare se stessi e gli altri, spesso lo fanno in modo selettivo solo in contesti specifici piuttosto che trasversali (Brown & McConnell, 2009). Pertanto, anche gli attributi core non sono invarianti in tutti i contesti, ma sono espressi in situazioni specifiche e non in altri.

Nel complesso, i tratti più centrali e fondamentali non sono "sempre attivi", ma invece sono attivati ​​in determinati contesti. Quando si presentano obiettivi e circostanze particolari, gli attributi principali possono essere estinti piuttosto che gettare luce sul giudizio e sulle azioni.

Sommario

In questa analisi, non sto cercando di mettere in discussione il servizio di Petraeus al nostro paese o al suo personaggio. Al contrario, affermerei che ognuno di noi è in grado di mostrare alcune delle stesse debolezze che Petraeus ha in questo episodio. Inoltre, lo studio della personalità e delle differenze individuali è molto importante e fornisce spunti considerevoli per la psicologia.

Invece, quello che vorrei suggerire è che le persone sono troppo spesso sorprese quando "le brave persone vanno male" come se una persona onorevole dovesse essere onorevole in tutti i contesti. La letteratura di ricerca ci ha insegnato questa lezione in vari modi da oltre 50 anni. L'affare Petraeus è solo l'illustrazione più recente del mondo reale.

Solutions Collecting From Web of "La caduta di Petraeus: Illusion of the Good Man"