La buona gestione psichiatrica è abbastanza buona per curare la BPD?

Seguendo lo sviluppo oltre 20 anni fa della terapia dialettica comportamentale (DBT) come trattamento specifico per il disturbo borderline di personalità (BPD), sono emersi altri programmi specializzati. Terapie standardizzate, come il trattamento basato sulla mentalizzazione (MBT), la psicoterapia focalizzata sul transfert (TFP), il trattamento focalizzato sullo schema (SFT), hanno sviluppato approcci terapeutici precisi e manuali alla BPD. Tutti sono stati sviluppati e valutati per l'efficacia in ambienti molto controllati, come un sistema universitario. I professionisti certificati devono sottoporsi a un addestramento intensivo non disponibile per molti terapeuti. Questi trattamenti richiedono generalmente almeno 2-3 ore di terapia settimanale per periodi di un anno o più. A causa dei limiti di tempo, finanziari e assicurativi, molti di questi programmi devono essere modificati dalle piattaforme rigorose inizialmente proposte. Eppure molti pazienti borderline insistono sul trattamento con una di queste terapie popolari, avvertendo che altre terapie sono inferiori.

John Gunderson, un pioniere nella spiegazione della BPD, ha sviluppato un approccio terapeutico alternativo, Good Psychiatric Management (GPM). Riconoscendo le difficoltà nel fornire trattamenti specialistici intensivi all'interno delle circostanze elaborate che sono state ideate, GPM è progettato per fornire una terapia "abbastanza buona" per la maggior parte dei pazienti. (Manuale di buona gestione psichiatrica per disturbo borderline di personalità – John G. Gunderson, MD Con Paul Links, MD, 2014) La terapia "abbastanza buona" non è inferiore, ma combina semplicemente molti dei principi di altri trattamenti in un formato meno regolamentato. Può essere integrato da altri approcci terapeutici, come la terapia familiare o di gruppo. Non sono previsti limiti di tempo o presentazioni standardizzate; la terapia continua mentre c'è progresso. Tuttavia, sono previsti progressi, in quanto vengono monitorati i miglioramenti della disforia, dell'autocontrollo comportamentale, delle relazioni interpersonali e della funzione sociale.

GPM di solito viene presentato come terapia individuale una volta alla settimana che incorpora la psicoeducazione sulla BPD e come progredisce il trattamento, e stabilendo gli obiettivi per la riduzione dei sintomi. L'accento è posto sulle reazioni del paziente agli stressori interpersonali nella vita di tutti i giorni. Gli studi di confronto tra GPM e DBT e altri trattamenti specifici mostrano esiti positivi comparabili. GPM non intende sostituire altre terapie più intensive, ma può presentare un approccio affidabile e organizzato al trattamento di molte persone che affrontano i sintomi della BPD. Sebbene GPM sia il nome di un modello specifico e prescrittivo per il trattamento della BPD, dovremmo aspettarci che "Buona gestione psichiatrica" ​​sia l'obiettivo di tutti i trattamenti psichiatrici.

Solutions Collecting From Web of "La buona gestione psichiatrica è abbastanza buona per curare la BPD?"