La brutta verità è bella

In un articolo recente, ben studiato e superbamente realizzato a Newsweek, il 29 giugno 2009, l'autore Sharon Begley discute l'intero campo della psicologia evolutiva. Intitolato "Perché ci stupiamo, uccidiamo e dormiamo intorno?", Il pezzo è un incendiario dannoso di principi fondamentali che cercano di spiegare istinti, pulsioni e impulsi umani, e anche quelli che marcatamente differiscono tra uomini e donne.

In realtà è piuttosto convincente fino a un certo punto. Sarebbe un peccato vedere un corpo di conoscenza che sembra spiegare chiaramente non solo il non verbale, nascosto, illogico e altrimenti inspiegabile sul comportamento umano in generale. Anche le differenze tra uomini e donne che nella nostra attuale cultura della correttezza politica creano un divario di comunicazione tra i sessi, non c'è da meravigliarsi che sia difficile trovare una persona felice e felicemente sposata in questi giorni.

Convincere fino a un certo punto, fino a quando non indulgere in qualcosa di semplice come una commedia romantica dolce-zuccherosa chiamata The Ugly Truth. Visto intuitivamente, cancella i suoi argomenti contro la psicologia evolutiva. Mentre il "lato animale" della nostra natura produce molti danni, è anche assolutamente necessario trovare il dono più grande della vita: l'amore.

Come molti campi della psicologia, si potrebbe essere tentati di avvolgere una serie di principi attorno a ogni singolo comportamento ed esperienza umana, quindi trovarsi faccia a faccia con le specifiche eccezioni che non spiega. Invece, non sarebbe sensato vedere ogni modello che emerge come un pezzo di un grande puzzle, un amalgama o una sintesi di tutta la teoria precedente che è stata chiamata "teoria dell'unificazione" – a questo punto, un patchwork o uno stufato di modelli che , raccolti, fanno del loro meglio per spiegare il maggior numero possibile di meccanismi interni.

Che cosa succede se la psicologia evolutiva parla in modo abbastanza preciso, e solo, alla "natura animale" degli esseri umani, all'istinto e agli impulsi, alle pulsioni e alle pressioni e motivazioni inconsce che, no, non sono logiche in senso classico, ma solo nella misura in cui pressioni degli ambienti attraverso la storia esercitata sulla specie umana.

E persino trovato uno scopo biologico per uomini e donne di coltivare abitudini, preferenze, tratti, motivazioni, desideri e passioni differenti rispetto agli altri.

Enter The Ugly Truth – un film pieno di colpi di scena prevedibili e una trama formidabile ma piacevole. Eppure, così onesto e genuino nel dialogo, nelle questioni e nel realismo di genere.

Chadwick, il padrone di casa di uno spettacolo di accesso via cavo a tarda notte sulla psicologia e il genere maschile interpretato da Gerard Butler, incontra il raffinato produttore sessualmente impoverito interpretato da Katherine Heigl.

È tutto animale mascolino, pieno di passione e di verità che parla degli istinti reali e illogici che governano il comportamento di uomini e donne. In effetti è un maestro dell '"animale" in noi, mentre il personaggio di Heigl è la donna matura, sofisticata e super-logica-a-colpa che non riesce a capire perché non possa attrarre l'uomo dei suoi sogni .

Alla fine, insegna a Butler il valore e il potenziale dell'amore e dell'impegno, e le insegna il potere umanizzante delle passioni, le pulsioni inconsce e la primitiva bellezza dell'animale dentro tutti noi.

"Dentro" noi siamo la chiave per capire.

Forse hai sentito parlare di "Bambole russe di nidificazione", chiamate Matryuschka Dolls. Sono le figurine laccate in legno che, una volta aperte, rivelano un'altra bambola, all'interno della bambola, all'interno della bambola.

Uno dei primi precetti della psicologia evolutiva è la nozione di Triune Brain Theory di Paul McLean – che nel corso dell'evoluzione, il cervello delle specie si è evoluto da un più primitivo, survivalista, "Cervello Rettile", a germogliare su di esso, il circuito emotivo di animali sociali chiamati mammiferi, con "Cervelli dei mammiferi". Poi, con l'aumento della specie umana, gli "animali più avanzati", che hanno una neocorteccia ben sviluppata capace di pensiero razionale, ragionamento astratto e un senso di senzienza , diritti, responsabilità, limiti, etica o moralità. "L'animale morale".

Se questi dovessero essere visti come una sorta di triplo pacchetto software della mente anziché essere semplicemente posti in posizione anatomica nel cranio, si potrebbero immaginare come le bambole russe, la somma totale del nostro comportamento come qualcosa di più della somma delle sue parti con una mente razionale capace di diplomazia in superficie, emozione sotto e al centro, ancora lì dopo eoni, "animale".

Begley sta studiando la psicologia evolutiva e i comportamenti che spiega come se sposasse che "gli animali" sono tutti gli esseri umani sono capaci di essere. La sua legittima preoccupazione che i devianti nella società potrebbero citarla come una scusa per un comportamento criminale o non etico è fondata.

Ma siamo più che semplici animali. Non dobbiamo dimenticare la "bambola" matura, morale, diplomatica, cortese della neocorteccia "Higher Brained", che copre la bambola del circuito emozionale "Mammalian Brained", che copre la bambola che è il Cervello Rettile – le pulsioni, la riproduzione e la sopravvivenza istinti, passioni dell'inconscio.

Nel senso comune di una semplice commedia romantica, vediamo e riconosciamo qualcosa di vero e universale su uomini e donne e su come si comportano, si sentono e si comportano con passione. Scopriamo di essere molto più degli animali.
Siamo capaci di amore, maturità, impegno, lavoro di squadra e abbiamo un senso naturale di storia, trama e significato nelle nostre storie d'amore.

Ma non dobbiamo buttare fuori la "natura animale" che spara le passioni al genere opposto, ignorandolo o fingendo che non ci sia, come ha fatto il personaggio di Heigl per così tanto tempo, e a scapito della sua qualità di vita.

Come tutte le esperienze autentiche e le autentiche storie d'amore, questa fiaba ci ricorda che ciò che sembra così complesso in noi, e alcune cose in quella complessità, se fossero tutto ciò che siamo, sarebbe terrificante. Eppure, visto come un mosaico di comportamento e bisogni, desideri, passioni, logica, personalità, carattere, maturità e narrativa della vita, siamo belli.

Anche il lato animale.

Solutions Collecting From Web of "La brutta verità è bella"