La biologia della psicoterapia

Alcuni appassionati di farmaci psichiatrici sono pronti a liquidare la terapia come un intervento discutibile, non necessariamente più utile o più trasformativo che parlare con un buon amico. Con il grande aumento delle opzioni di psicofarmacologia nell'ultimo decennio e nelle risorse di marketing che li hanno promossi, è diventato de rigueur pensare che la terapia sia inefficace, dispendiosa in termini di tempo e costosa. Di conseguenza, molti pazienti i cui problemi psicologici potrebbero trarre beneficio dalla terapia non lo stanno prendendo in considerazione. Tuttavia, la crescente evidenza proveniente dalla ricerca sull'imaging cerebrale suggerisce che la forma di terapia nota come terapia cognitivo-comportamentale, o CBT, produce cambiamenti nel cervello simili a quelli prodotti dai farmaci quando funzionano. Questa "prova" di come il cervello di una persona può essere trasformato dalla terapia sta dando credito a ciò che i terapeuti e molti pazienti hanno da tempo riconosciuto: gli interventi psicologici possono cambiare profondamente i sintomi di una persona.

La terapia comportamentale cognitiva sottolinea il ruolo che i nostri pensieri giocano nel modo in cui ci sentiamo. Anche se le situazioni esterne stressanti non cambiano, cambiare il modo in cui pensiamo a loro può impedire una risposta emotiva negativa come la depressione. Il ruolo del terapeuta è quello di aiutare i pazienti ad essere più razionali nella loro valutazione di tali situazioni e di non fare ipotesi di scenario peggiore ingiustificato su di loro. È una terapia a tempo limitato che implica una collaborazione attiva tra paziente e terapeuta. Le condizioni psichiatriche dalla depressione al disturbo di panico possono trarre beneficio dalla CBT, ma è la ricerca del suo ruolo nel trattamento del disturbo ossessivo-compulsivo che ha prodotto i risultati più affascinanti.

Disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) è caratterizzato da pensieri intrusivi carichi di ansia e comportamenti ripetitivi che hanno lo scopo di ridurre l'ansia. Circa il 60% dei pazienti affetti da disturbo ossessivo compulsivo risponde ai farmaci della famiglia Prozac, o CBT, o una combinazione di entrambi. L'esatta base chimica per il disturbo ossessivo compulsivo rimane scarsamente comprensibile, ma l'iperattività a livello dei neuroni o delle cellule cerebrali è costantemente vista in alcune parti del cervello dell'OCD. Un modo in cui questa iperattività viene misurata è attraverso l'aumento del metabolismo del glucosio osservato nei pazienti con DOC in imaging cerebrale, specialmente in una parte del cervello chiamata nucleo del caudato. Su una nota più intrigante, il trattamento di successo con entrambi i farmaci Prozac-like o CBT sembra invertire questo. In uno studio che ha confrontato la CBT con il Prozac, i ricercatori hanno utilizzato una tecnica di scansione del cervello chiamata tomografia ad emissione di positroni (PET) per misurare la velocità del metabolismo del glucosio nel cervello del DOC dopo il trattamento con Prozac da solo e dopo il trattamento terapeutico. I risultati erano sostanzialmente identici: entrambi gli interventi riducevano il tasso di metabolismo del glucosio a livelli osservati in soggetti sani senza DOC e il tasso di diminuzione sembrava proporzionale al grado di miglioramento dei sintomi del DOC. Studi come questo fanno del CBT un trattamento biologico simile ai farmaci, perché anche questo può essere visto lavorare sul cervello in modi che siano oggettivi e misurabili. Ed è privo di effetti collaterali.

Non può essere sottovalutato, tuttavia, che per molti pazienti con malattie psichiatriche i farmaci rimangono assolutamente essenziali, anche salvavita – in molti casi di depressione e panico, ad esempio, gli psichiatri devono prescrivere farmaci se non altro per portare i pazienti a un punto in cui possono portarlo agli appuntamenti di terapia e impegnarsi in un'esperienza di terapia significativa. La terapia non sta per sostituire i farmaci, ma, soprattutto con le prove biologiche che emergono, la reazione istintiva contro di essa sembra giustificata come la reazione istintiva di uno scientologist contro il Prozac.

(Il dott. Elias Aboujaoude dirige la Clinica dei Disordini del Controllo dell'Impulso presso la Stanford University ed è autore di "Atti Compulsivi: i racconti del rituale e l'ossessione di uno psichiatra").

Solutions Collecting From Web of "La biologia della psicoterapia"