La biforcazione sulla strada del successo

Word clip art
Fonte: Word clip art

Tutte le avventure, specialmente in un nuovo territorio, fanno paura.
-Sally Ride, astronauta

Come discusso nel mio precedente blog, le persone di successo presumono che ogni volta che fanno qualcosa di importante, la paura si manifesti. Sono consapevoli e accettano la paura. Proprio come i bambini parlano apertamente di essere spaventati dall'uomo nero, di mettersi nei guai a scuola o di perdere un genitore, gli adulti di successo parlano facilmente delle loro paure di rifiuto o insuccesso, di problemi sanitari o finanziari o di perdita di una persona cara. Il loro riconoscimento e accettazione della paura impedisce loro di diventare spaventati dalla risposta alla paura, che può creare ansia, e impedisce loro di arrabbiarsi o di negare le loro paure, che possono portare all'ansia e alla depressione.

C'è un'altra potente ragione per etichettare la paura con il suo vero nome – la paura – piuttosto che chiamarla "stress, ansia, nervi" ecc. Quando chiamiamo la paura "stress" (o una delle sue alternative), tendiamo a biasimare situazioni e altre persone per le nostre risposte. Questo porta a sentimenti di impotenza e ci incoraggia a lamentarci piuttosto che agire. Tuttavia, quando chiamiamo la paura per nome, siamo portati naturalmente ad agire per affrontare la risposta alla paura e le sfide nel modo che molto probabilmente porterà al successo.

La "risposta alla paura" umana ha origine in una piccola parte del cervello a forma di mandorla chiamata amigdala. Quando attivato, avvisa tutti i sistemi del corpo della necessità di agire immediatamente. Condividiamo questo stesso meccanismo di paura con tutti gli altri mammiferi. Questo porta a una domanda interessante. Se ogni mammifero ha una risposta integrata e salutare alla paura, qual è la nostra? Il cervo corre, l'uccello vola, il topo tana e il leone carica. La risposta di ogni animale alla paura è essenziale per la loro sopravvivenza. Quindi, se ogni altro mammifero ha una risposta specifica quando è spaventato, dobbiamo averne uno anche noi, giusto? Sarebbe difficile sostenere che solo una specie riesca a inventare la propria strategia di sopravvivenza! Quindi, cosa pensi che sia la risposta umana ottimale alla paura? Tieni presente che stai scommettendo sulla tua vita sulla risposta (nessuna pressione)!

Ho fatto questa domanda in tutto il mondo a un pubblico brillante e altamente istruito, e finora nessuno ha trovato la risposta giusta. La risposta umana ottimale è stata riscontrata ripetutamente negli studi di bambini e di altri primati. Cosa fa un bambino quando viene svegliato da un incubo o dal suono terrificante del tuono? Il bambino, senza un giorno di allenamento, corre verso il letto di sua madre. La mamma tiene il bambino tremante e dice: "E 'solo un incubo", come se quella parola significasse qualcosa per un bambino! E cosa succede dopo? Il bambino si riaddormenta tra le braccia della madre. Questa è la risposta ottimale. Come per tutti i primati, la risposta umana incorporata alla paura è di raggiungere un altro per il supporto. La ricerca su questo è drammatica e coerente.

Quando un cervo fugge da un odore straniero, una volta sicuro, l'amigdala si spegne e il suo corpo ritorna allo stato di riposo. Raggiungendo il supporto, noi umani abbiamo spento anche il nostro amigdala. Questa è la risposta salutare. L'efficacia di questa strategia per il successo umano è ben documentata. Per esempio, i due cardiologi che hanno scoperto la "personalità di tipo A" hanno riferito che le persone che erano ansiose o depresse (nel senso di paura o tristezza), che cercavano l'aiuto degli altri piuttosto che affidarsi ai propri poteri di coping, erano "straordinarie probabilità di ridurre il colesterolo sierico a livelli insolitamente bassi. "Altri ricercatori hanno scoperto che il rischio di morte per cancro è maggiore nelle persone che hanno riferito di avere una relazione distante-ostile con i genitori. In altri studi, le donne incinte che inizialmente sono venute in ospedale hanno sperimentato tempi di lavoro più brevi quando hanno fornito un volontario che offriva sostegno tenendo la mano della donna o facendo conversazione durante il processo lavorativo. Infine, uno studio che ha seguito 268 studenti del secondo anno di Harvard per settanta anni ha rilevato che l'elemento critico nel predire il successo a lungo termine di questi soggetti nel corso della loro vita era la qualità delle loro relazioni con gli altri.

Così ora sappiamo che la risposta umana ottimale alla paura è quella di raggiungere gli altri per il supporto. Ma la consapevolezza deve venire prima. Quindi, cerca un'opportunità per provarlo. Se ti accorgi che il tuo cuore sta battendo un po 'troppo velocemente, se il tuo stomaco è instabile, o ti ritrovi a "sentirti stressato" o ad arrabbiarti in qualche situazione oggi, chiediti: "Di cosa ho paura?" Poni la domanda ripetutamente finché non scopri cosa sta provocando la tua amigdala. Quindi chiediti: "Di quale supporto ho bisogno e a chi posso rivolgermi per il supporto?"

Nel mio prossimo blog, condividerò un "menu" dei molti diversi tipi di supporto che una persona potrebbe aver bisogno o potrebbe voler fornire agli altri. E nei blog futuri, esploreremo il ruolo di raggiungere e fornire supporto come mezzo per garantire il successo nei settori della salute, delle relazioni e del lavoro, oltre all'importanza di continuare a raggiungere gli altri per ottenere supporto una volta che il successo è stato raggiunto .

Solutions Collecting From Web of "La biforcazione sulla strada del successo"