La bellezza può essere nell'occhio di chi guarda, ma gli occhi vedono ciò che la cultura socializza

Ho appena condotto uno studio che ha rilevato che le donne nere sono più attraenti delle donne di altri gruppi razziali / etnici. Mi sono interrogato, 3 volte diverse in 5 ore. I risultati sono statisticamente significativi e dimostrano una forte affidabilità del test-riposo. Ho dei grafici carini che riassumono i dati.

Non convinto?

Certo che non lo sei. La mia opinione non rappresenta nessuno diverso da me, non importa quante volte decido di fare un sondaggio (e per la cronaca, non credo che le donne di nessun gruppo razziale siano più attraenti delle donne di qualsiasi altra)

Ovvio?

Forse! Ma il blogger di Psychology Today, Sutoshi Kanazawa, non sembra pensarla così.

Nel caso lo avessi perso, Kanazawa, nel suo post PT più recente (che è stato rimosso dal sito) Perché le donne nere sono meno attraenti fisicamente delle altre donne? ha riferito che

… le donne di tutte le razze sono in media più attraenti dal punto di vista fisico rispetto alla media "Add Health respondent", tranne che per le donne nere. Come mostra il grafico seguente, le donne di colore non sono statisticamente differenti dal "normale" addetto alla salute e molto meno attraenti delle donne bianche, asiatiche e native americane. (leggi l'articolo completo qui)

Ecco la bella tabella:

Kanazawa's data

Media attrattiva fisica latente

Ma peggiora:

Questa differenza (in quella che chiama attrattiva "oggettiva") non è, spiega, "a causa delle differenze di razza nell'intelligenza".

Quindi, in pratica, Kanazawa vorrebbe farci sapere, le donne nere sono più brutte e più stupide delle donne di altri gruppi razziali.

La prova?

Kanazawa ha riferito che

Aggiungi la salute misura l'attrattiva fisica dei suoi rispondenti sia oggettivamente che soggettivamente. Alla fine di ogni colloquio, l'intervistatore valuta l'attrattiva fisica del rispondente in modo oggettivo sulla seguente scala a cinque punti: 1 = molto poco attraente, 2 = poco attraente, 3 = medio, 4 = attraente, 5 = molto attraente. L'attrattiva fisica di ciascun partecipante aggiunto alla salute è misurata tre volte da tre intervistatori diversi nell'arco di sette anni.

Sembra scientifico. Ed è possibile che lo sia, ma Kanazawa non ci fornisce abbastanza informazioni per sapere, e quando mancano le informazioni necessarie, tendo a pensare che l'autore stia cercando di nascondere qualcosa.

Chi sono gli intervistati Add Health, parlando razzialmente? E chi sono gli intervistatori? E perché non c'è discussione dello Zeitgeist razziale in cui si è svolto lo "studio"?

In un diverso "studio", questo potrebbe non avere importanza. Qui, è di cruciale importanza.

A parte le affermazioni di Kanazawa, non esiste un singolo standard "obiettivo" di bellezza. Sappiamo tutti, ad esempio, che "la bellezza è negli occhi di chi guarda". Tuttavia, anche questa saggezza popolare è incompleta. Certo, ci sono differenze individuali. Non penso per un momento che Kanazawa negherebbe questo.

Il punto è che ci sono anche differenze di gruppo , non in attrattiva (come sostiene Kanazawa), ma in messaggi culturali su ciò che è e non è attraente. Gli standard di bellezza, come la maggior parte delle altre convinzioni, sono socializzati e cambiano non solo da un luogo all'altro ma anche nel tempo. Sia negli Stati Uniti che in Inghilterra (dove Kanazawa vive e lavora), gli standard di bellezza sono essenzialmente standard "bianchi", perché i bianchi costituiscono la maggioranza della popolazione e hanno un controllo sproporzionato su entrambi i media e la moda. E mentre non sono solo gli intervistati bianchi a essere socializzati in questo modo (il razzismo interiorizzato è stato ben documentato), è certamente il caso che i bianchi americani e gli europei (che hanno meno probabilità di ricevere messaggi più positivi sulla bellezza nera) mostrino il il più forte pregiudizio anti-nero.

Finché questo viene compreso e inquadrato di conseguenza, non vi è alcun problema con i dati relativi ai rapporti di Kanazawa. Ciò che mostrano è che, poiché i volti e i corpi neri non si adattano agli standard White tradizionali di attrattiva fisica, sia gli intervistati che gli intervistatori mostrano un pregiudizio anti-nero. Sfortunatamente, Kanazawa non considera gli errori di campionamento o di socializzazione. Anche se crede, come sembra, che il comportamento umano sia interamente "evolutivo", una buona scienza richiede un'attenta analisi dei bias dei campioni e un'esplicita discussione sulla generalizzabilità dello studio. Senza questo tipo di analisi metodologica, l'intera premessa di Kanazawa – che esiste una cosa come un unico standard oggettivo di attrattiva – è fatalmente (e tragicamente) imperfetta.

Vale la pena notare che Kanazawa ripete questa stessa imperfezione di omissione quando spiega che i risultati di attrattiva non sono dovuti alle differenze di gruppo di razza nell'intelligenza, come se non ci fossero critiche accademiche alle misure del QI in generale e alla loro inclinazione razziale in particolare.

Queste non sono omissioni banali. Sono il contesto necessario che fornisce ai lettori le informazioni di cui hanno bisogno per trarre le proprie conclusioni.

Coloro che hanno seguito la storia sapranno che il post originale di PT di Kanazawa ha suscitato un indignazione su Twitter. Ero parte dell'indignato. Penso che sia stato ben meritato. Allo stesso tempo, sia come blogger che come scienziato, non voglio che il contenuto della mia ricerca o della mia scrittura sia deciso dal voto popolare. Apprezzo la libertà accademica, così come la mia libertà di parola, e non sosterrei mai la restrizione di entrambi. Gli editori di Psychology Today hanno rimosso il post di Kanazawa, e avevano ragione a farlo, non perché Kanazawa avesse espresso un'opinione impopolare, ma perché non era riuscito a sostenere la sua opinione impopolare con prove sufficienti e a fornirgli il contesto necessario.

Kanazawa ha mantenuto uno standard più elevato rispetto ad altri blogger? Questo post è stato scelto per un trattamento speciale? Queste sono domande a cui solo gli editori possono rispondere, ma immagino che questo post sia stato, infatti, individuato e meritatamente!

Affermazioni straordinarie (specialmente quelle che feriscono e danneggiano i gruppi emarginati) richiedono prove straordinarie e supervisione editoriale. Questa non è censura – nessuno sta contestando il diritto di Kanazawa di pubblicare questo sul proprio sito – È editoria e modifica socialmente responsabile e sono orgoglioso di scrivere per una pubblicazione che lo riconosca.

___________________________________________

Per un'analisi più razziale delle notizie e della cultura popolare, iscriviti al Tra le linee | Pagina Facebook e segui Mikhail su Twitter.

Licenza Creative Commons Questo lavoro è concesso in licenza con licenza Creative Commons Attribution-NoDerivs 3.0 Unported.

Solutions Collecting From Web of "La bellezza può essere nell'occhio di chi guarda, ma gli occhi vedono ciò che la cultura socializza"