La bellezza porta felicità?

Dopo aver perso 100 sterline e godendosi il suo nuovo look "naturale", l'attrice 60enne Kirstie Alley ha dichiarato la scorsa settimana: "Non ho avuto chirurgia plastica e questo è il motivo: non penso che ti faccia sembrare più giovane. Penso che possa farti sembrare più strano. "

Non è così, secondo il famoso chirurgo plastico che ha condiviso il palco con me di recente per discutere di "Invecchiare con grazia" – lui, dal punto di vista medico, e io, quello psicologico. Ha detto: "Quando si tratta di invecchiamento, la chirurgia estetica è meno legata alla bellezza e più a migliorare il modo in cui i pazienti si sentono rispetto a se stessi".

Le sue parole suonavano alla grande, ma mi hanno fatto pensare al commento di Alley. Così ho chiesto: "Come sappiamo che le alterazioni chirurgiche portano a emozioni positive?" A cui ha risposto, "Se non credessi che il mio lavoro rendesse le persone più felici, non sarei in questa professione." Ancora curioso, I ha chiesto, "La felicità viene dall'aspetto più giovane o dall'aspetto migliore? Fornisce felicità a breve o lungo termine? Per alcune persone o per la maggior parte di tutti? "Tante domande! Questo medico sembrava particolarmente articolato e appassionato del suo lavoro, quindi ho pensato che sarebbe stata una grande persona con cui parlare di queste aree grigie inerenti al suo campo. Volevo andare più a fondo. Era felice di accontentarsi. Ecco un riassunto della nostra discussione post-panel.

Il suo commento sul fatto che "la chirurgia era meno sulla bellezza" mi ha incuriosito. Se è vero, allora perché le donne superano di gran lunga gli uomini nella scelta delle procedure cosmetiche elettive? Escludendo quelli che ripuliscono lo sfregio, a causa di lesioni, malattie e deformità congenite, le statistiche mostrano che il 91% di tutti gli altri interventi chirurgici opzionali sono eseguiti su donne. Se la chirurgia estetica non riguarda la bellezza, è difficile capire questa ingiustizia. Ad esempio, come spieghiamo le "vagine da designer", la recente tendenza tra le donne a perfezionare chirurgicamente l'aspetto delle loro labbra? Non è questa l'estetica all'estremo?

Volevo anche conoscere le riflessioni di questo chirurgo su "anti-aging"? Questa frase non ha mai avuto senso per me, a meno che tu non sia Benjamin Button! Mi chiedevo se credesse che la chirurgia estetica fosse la migliore soluzione all'ossessione della nostra cultura di mantenere un aspetto giovanile. E se sì, quando dovrebbero iniziare tali sforzi? Proattivamente durante l'adolescenza, 20 e 30 anni? Ho citato il preoccupante aumento dell'uso da adolescente del botox e procedure simili. E l'altra estremità dello spettro? Stavo pensando al numero crescente di anziani di età superiore ai 80 anni che richiedevano sollevatori per il viso e protesi mammarie. Una persona potrebbe mai essere troppo giovane o troppo vecchia per essere ringiovanita chirurgicamente?

Infine, ero interessato alla nozione di "diritto ad essere bello", definito "Vanità necessaria" in un recente articolo di opinione del New York Times . Alexander Edmonds ha scritto che la bellezza, come l'educazione o la salute, dovrebbe essere messa a disposizione di tutti "con l'aiuto di istituzioni e competenze pubbliche. I chirurghi estetici si considerano fornitori di quel diritto? Tutti hanno diritto a realizzare la loro immagine ideale, o la versione culturale di quell'immagine? Ho citato la recente tendenza delle donne asiatiche a modificare chirurgicamente gli occhi per sembrare più occidentali. L'omogeneizzazione della bellezza è stata una tendenza positiva o negativa in tutto il mondo?

Entrambi abbiamo concordato sul fatto che questi problemi fossero interessanti e stimolanti, non solo in relazione alla chirurgia plastica, ma in termini di questioni più ampie sollevate sulla cultura contemporanea.

Prima di andare oltre, abbiamo dovuto prima limitare l'argomento differenziando tra l'ampio spettro di procedure che sono spesso raggruppate sotto il termine chirurgia plastica. Ad esempio, vi è un'evidente differenza tra gli interventi chirurgici che correggono le deformità genetiche (ad es. Tavolozza delle schisi, labbro dei capelli, dita palmate) o il lavoro di ricostruzione (ad es. A seguito di ustioni, cancro al seno) e quelli eseguiti per scopi di "potenziamento". Ci sono anche differenze anche tra gli interventi chirurgici opzionali: un quattordicenne sottoposto a trattamento per ginecomastia (riduzione del seno) dopo anni di umiliazione contro la ragazza di 17 anni che richiede protesi mammarie credendo che le daranno un vantaggio sociale all'università. Abbiamo ristretto la nostra discussione solo alle procedure chirurgiche facoltative e di miglioramento.

Allora perché più donne? Siamo entrambi d'accordo sul fatto che, anche se l'attenzione di un chirurgo non è sulla bellezza, per la maggior parte delle donne, lo è stata. L'aspetto fisico è stato, e continua ad essere una preoccupazione femminile. Anche se molto è cambiato dalla rivoluzione femminista, la bellezza, in particolare quella giovanile, è vissuta come moneta di una donna nella cultura contemporanea. E mentre la chirurgia plastica può essere vista come una soluzione a una vasta gamma di altri problemi, procedure chiaramente facoltative servono all'abbellimento. Fanno appello alle insicurezze delle donne riguardo l'inadeguatezza fisica, dall'adolescenza fino alla vecchiaia. Se così non fosse, sarebbe difficile spiegare i rischi fisici e finanziari che le donne assumono, ma non gli uomini, per alterare la loro immagine. Entrambi abbiamo convenuto che se fossero disponibili opzioni chirurgiche per altri tipi di alterazioni – diciamo per maggiore potenza, altezza o fortuna – le statistiche non sarebbero così unilaterali.

Anti età? Persino il chirurgo ha detto che il termine in sé non aveva senso. Non esiste un vero modo per fermare l'orologio o tornare indietro nel tempo. Ma entrambi abbiamo convenuto che ci sono molte cose che possiamo fare per apparire al meglio per la nostra età, soprattutto perché viviamo più a lungo che mai. La chirurgia non è per tutti. Una buona assistenza sanitaria, l'esercizio fisico e il rimanere attivi e vitali fanno anche molto. Ma ci sono alcune procedure che aiutano le persone a sentirsi e ad avere un aspetto migliore di se stesse quando vengono attentamente seguite e eseguite con attenzione. Per alcuni i risultati sono di breve durata, problematici e portano a più procedure di follow-up. Ma per gli altri la chirurgia ha un impatto più duraturo sulla loro autostima ed è vista come un'esperienza molto positiva. Per la maggior parte, è una soluzione temporanea alle sfide che affrontiamo durante il processo di invecchiamento.

Per quanto riguarda i limiti di età, quando è troppo presto e troppo tardi? Anche qui siamo d'accordo. In primo luogo, le persone con distorsione dell'immagine corporea (a volte diagnosticata come Disordine Dismorfatico del Corpo o BDD) dovevano essere escluse come candidati poveri per la chirurgia plastica a qualsiasi età. Ma, entrambi abbiamo riconosciuto la difficoltà a distinguere tra questo disturbo diagnosticabile e una risposta naturale all'ossessione della cultura per la giovinezza e la bellezza. Molti giovani – tra i 20 ei 30 anni – hanno paura di sembrare più grandi. Vedono la paura nei loro anziani genitori e nonni e la nostra cultura lo rafforza. Entrambi abbiamo concordato, la soluzione non sta nel nutrire la paura, ma piuttosto nell'insegnare alle persone di tutte le età come prolungare la salute dei loro volti e dei loro corpi. Anche se ai chirurghi piace dire "l'età è solo un numero", abbiamo concordato che ciò non aveva senso. Allo stesso modo, quando gli psicologi ribattono con "è ciò che è dentro che conta", anche questo ha poco senso. L'età conta. Dentro e fuori importa anche. Abbiamo concluso che l'uso moderato di procedure cosmetiche sicure richiedeva uno screening accurato da parte di professionisti autorizzati a qualsiasi età, ma in genere sono più adatti a pazienti di età compresa tra 25 e 75, con poche eccezioni.

Il diritto al bell'aspetto e l'omogeneizzazione della bellezza? Questo problema ha conseguenze così grandi e complesse, non sapevamo da dove iniziare. Entrambi abbiamo sentito che il problema risiede nella credenza popolare secondo cui la bellezza si basava su un'unica immagine ideale. La bellezza, abbiamo concordato, è più complicata, soggettiva, variabile e in continua evoluzione. Sentirsi bene con se stessi dipende da molteplici fattori: fisico, psicologico, evolutivo, ambientale. Se fosse radicata principalmente sull'auto-immagine, uomini e donne che sono nati con bellissime caratteristiche – modelli di moda, icone di bellezza – sarebbero assicurati la felicità, che sappiamo non è vera. Oppure, preso da una prospettiva diversa, qualcuno che ha successo non desidererebbe alterazioni fisiche, prendi Michael Jackson per esempio. Come chirurgo plastico e psicologo, entrambi ritenevamo importante sottolineare la differenza tra bellezza e bellezza.

Altri problemi sono stati sollevati e forse saranno discussi in un futuro articolo o panel, ma abbiamo concluso la nostra discussione con questa domanda teorica: se la ricerca futura dimostra che la felicità e il successo sono associati a determinati standard fisici, ad esempio con l'essere maschi, alti e bianchi – i chirurghi sarebbero disposti a fare quelle modifiche? Effettuare quelle trasformazioni, se fosse possibile chirurgicamente e psicologicamente, renderebbe i praticanti complici di un sistema sociale che svaluta le differenze naturali? Sembra quasi un episodio di Twilight Zone – ricorda, "Il numero dodici sembra proprio come te?" Dove questa finzione è diventata una realtà spaventosa. Problemi complicati che richiedono più riflessione e discussioni.

Chiaramente, anche le tendenze odierne nella chirurgia plastica sollevano di più le problematiche della pelle. Per Jane Fonda, che ha un ottimo 78, la chirurgia sembra continuare a soddisfare i suoi bisogni. Ci sono 11 milioni di americani che stanno facendo scelte cosmetiche simili e dovrebbero porsi le domande psicologiche che sono state sollevate sopra. Per Kirstie Alley, la chirurgia non sembra soddisfare i suoi bisogni attuali o le dimensioni attuali. Avendo reso segreto il suo percorso lungo e tortuoso fino a dove si trova oggi, Alley potrebbe aver imparato una lezione importante – che la bellezza può essere trovata in diverse forme ed età – e che la felicità parte dall'interno.

Cosa ne pensi delle recenti tendenze nella chirurgia estetica? Risultano in bellezza, felicità o nessuno dei due?

Solutions Collecting From Web of "La bellezza porta felicità?"