La battaglia del bagno transgender

Diversi stati e distretti scolastici stanno intentando una causa per protestare contro la direttiva dell'amministrazione Obama secondo cui gli studenti transgender possono utilizzare il bagno di loro scelta (e in caso contrario avere accesso uguale). Poiché questi casi si fanno strada attraverso le corti d'appello federali, sembra sempre più probabile che la Corte Suprema possa in definitiva decidere il dibattito sulle leggi sui bagni transgender.

Il precedente legale precedente ha stabilito che le persone transgender possono utilizzare il bagno che corrisponde alla loro identità di genere (Lambda Legal). A sostegno di ciò, l'amministrazione Obama ha recentemente emanato una direttiva che chiarisce che agli studenti transgender è concesso l'accesso a strutture adeguate al genere, cioè a strutture che corrispondono alla loro identità di genere, piuttosto che al sesso che sono stati assegnati alla nascita. Ciononostante, la North Carolina's House Bill 2 (HB 2), la legge sulla privacy e la sicurezza delle strutture pubbliche, impone alle persone di usare bagni e spogliatoi in accordo con il sesso elencato nel loro certificato di nascita. Diversi stati e distretti scolastici stanno sfidando le linee guida dell'amministrazione Obama che garantiscono un accesso equo. Non sorprendentemente, questo ha scatenato un dibattito polemico.

Nel mio prossimo post indagherò perché questo tema è diventato così controverso, cioè perché c'è una così forte opposizione alla parità di accesso per le donne e gli uomini transgender e come ciò sia motivato da credenze sociali comunemente condivise su sesso e genere. In questo post affronterò le preoccupazioni di superficie per la sicurezza e la praticità.

Che mi dici della sicurezza?

Gli studenti transgender sono più sicuri quando le scuole trattano gli studenti transgender e cisgender (non transgender) allo stesso modo, consentendo sia di utilizzare gli spogliatoi che i servizi igienici che corrispondono alla loro identità di genere (Lambda Legal). Inoltre, consentire o impedire alle persone transgender di entrare nel bagno di loro scelta non ha alcun impatto sulla sicurezza delle donne e delle ragazze cisgender (o uomini o ragazzi cisgender, se è per questo). Essere transgender non rende qualcuno un violentatore. Molte persone transgender che "passano" come cisgender stanno già utilizzando i loro bagni preferiti senza che i co-utenti siano più saggi. Negli stati che già proteggono l'uguaglianza dei transgender, non ci sono state segnalazioni di individui transgender che hanno aggredito o molestato altre occupazioni nei bagni (Frank 2016). Come gli utenti di bagni cisgender, gli utenti transgender sono davvero lì solo per utilizzare le strutture.

Un'altra preoccupazione comune è che le leggi che consentono alle persone di entrare nel bagno corrispondenti alla loro identità di genere consentiranno agli uomini cisgender di reclamare un'identità transgender per entrare in un bagno femminile e stuprare, oltraggiare o molestare le donne. Ma se un uomo cisgender è determinato a molestare le donne, sembra improbabile che sarebbe scoraggiato dalle leggi che vietano ai maschi biologici di entrare nei bagni delle donne. Un tale uomo sarebbe riluttante a commettere un crimine minore entrando in bagno quando intenta un crimine più grave una volta entrato? Sembra molto improbabile.

Vantaggi generali

Un altro vantaggio nel permettere agli individui di scegliere il bagno da loro scelto è che le donne e gli uomini cisgender non conformi alle norme di genere dovrebbero affrontare meno disagi. Attualmente, chiunque (compresi gli uomini e le donne cisgender) la cui presentazione di genere si discosta da convenzioni strettamente definite, incontra difficoltà nei servizi pubblici in cui il loro diritto di accesso può essere messo in discussione (Lucal 1999). Ad esempio, una donna cisgender che a volte viene scambiata come maschio può sperimentare scontri sul suo diritto di usare un bagno femminile. Riconoscere il diritto delle persone di selezionare il bagno appropriato per se stessi equivale all'accesso per chiunque non sia il genere convenzionale, il transgender o il cisgender.

Un'ulteriore soluzione è rendere più bagni unisex. Come discuto in un post precedente, c'è già un movimento che sostiene la realizzazione di tutti i servizi igienici monoutente unisex. (Un movimento più piccolo sta sostenendo la realizzazione di un bagno multiutente unisex, ma questo sembra improbabile che goda di ampio supporto.) I bagni unisex non sono divisi per sesso o sesso, quindi le distinzioni tra cisgender, transgender, conformazione di genere e non-conformazione di genere sono irrilevanti. I bagni unisex eguagliano anche l'accesso a sistemazioni per famiglie come i fasciatii che cambiano i tavoli: la frequente assenza di fasciatii nei bagni pubblici degli uomini istituzionalizza l'iniqua responsabilità dei genitori per uno dei compiti meno piacevoli. I padri chiedono da tempo un accesso paritario alle strutture per l'infanzia (Pawlowski 2014). Allo stesso modo, i genitori di bambini più grandi, in particolare i padri con le figlie, incontrano difficoltà quando un bagno di famiglia non è disponibile (BabyHintsAndTips.com, WhatToExpect.com). Naturalmente, rendere unisex più servizi igienici non ridurrebbe l'importanza di garantire un accesso paritario alle strutture segregate appropriate per genere, come i servizi igienici multi-utente e gli spogliatoi (né ridurrebbe l'importanza di collocare i fasciatii nei bagni degli uomini).

Conseguenze dell'accesso equo

Le preoccupazioni per il fatto che la sicurezza degli utenti di cisgender sarebbe compromessa dalla parità di accesso sono infondate e gli utenti transgender sono più sicuri quando hanno accesso a strutture adeguate al genere. Inoltre, consentire agli individui di utilizzare il bagno che si adatta meglio al loro genere potrebbe avere ampi benefici, rendendo i servizi igienici pubblici più inclusivi per gli utenti di cisgender che non rispettano il genere, così come per la popolazione transgender. Come una questione separata ma correlata, l'eliminazione della segregazione sessuale / di genere superflua, come nelle strutture per utenti singoli, potrebbe anche portare beneficio a molti utenti. Nel complesso, le conseguenze dell'equilibrio dell'accesso al bagno sono inequivocabilmente positive. Allora, cosa sta guidando l'opposizione? Come discuterò nel mio prossimo post, l'opposizione alla parità di accesso è probabilmente motivata dal disagio ideologico con gli utenti transgender, piuttosto che da considerazioni tangibili.

Controlla il mio sito web o seguimi su Twitter @ ElizaMSociology. (Pubblicherò nuovi post sui blog per PT, nuove pubblicazioni, presentazioni imminenti e copertura mediatica della mia ricerca. Al massimo un tweet ogni 2-3 settimane.)

RIFERIMENTI

BabyHintsAndTips.com http://babyhintsandtips.com/dads-public-toilet-duty/

Lambda Legal. "FAQ: risposte ad alcune domande comuni sull'accesso equo ai servizi pubblici." Http://www.lambdalegal.org/know-your-rights/transgender/restroom-faq

Frank, N. 2016. "Liberali: quanto è forte il tuo sostegno per l'uguaglianza transgender?" Http://www.slate.com/blogs/outward/2016/04/27/how_to_respond_to_question…

Campagna per i diritti umani. "Accesso ai servizi per i dipendenti dei transgender". Http://www.hrc.org/resources/restroom-access-for-transgender-dipendenti

Lucal, Betsy. 1999. "Che cosa significa essere generati da me: la vita ai confini di un sistema di genere dicotomico." Gender & Society 13 (6): 781-797.

Carlson, Brady. 2016. "Prima del North Carolina, ci sono stati altri conflitti" Bill del bagno "controversi." Http://www.npr.org/2016/05/28/479766852/before-north-carolina-there-were…

Pawlowski, A. 2014. "Potty Parity: Papà lotta per i tavoli che cambiano i pannolini nelle stanze degli uomini." Today.com http://www.today.com/parents/potty-parity-dads-fight-diaper-changing-tab …

WhatToExpect.com http://www.whattoexpect.com/forums/january-2015-babies/topic/dads-taking…

Solutions Collecting From Web of "La battaglia del bagno transgender"