"Kristallnacht:" La notte che ha distrutto l'umanità

Settantacinque anni fa, nella notte tra il 9 e il 10 novembre 1938, il mondo cambiò. Questa notte rappresenta la chiave di svolta che ha portato all'olocausto, l'omicidio sistematico di circa 6 milioni di ebrei e 5 milioni di altri. La Kristallnacht ("la notte dei vetri rotti") è il nome dato a questa "notte che ha distrutto l'umanità".

Rispondendo alle sparatorie di protesta di un diplomatico tedesco, i nazisti di tutta la Germania e dei territori annessi distrussero 267 sinagoghe, frantumarono le vetrine di circa 7.500 imprese di proprietà ebraica e dissacrarono molti siti e manufatti sacri ebraici. Gli ebrei furono uccisi e violentati e fino a 30.000 ebrei furono inviati in alcuni dei primi campi di concentramento, i primi ebrei arrestati per il semplice fatto di essere ebrei.

L'anniversario della Kristallnacht dovrebbe indurci a fermarci, a riflettere su quali fattori hanno contribuito al pregiudizio e all'odio che hanno reso possibile l'Olocausto, ea considerare cosa si può fare per promuovere l'accettazione e la pace oggi.

Un fattore che sembra giocare un ruolo critico nel pregiudizio e nell'odio è la tendenza delle persone a creare "ingroup" e "outgroup". Ciò si verifica quando le persone si identificano con alcuni gruppi, ma resistono all'identificazione con gli altri. A volte, questo può spingersi fino al punto di percepire i membri degli outgroup come in qualche modo meno che umani. Ad esempio, Hitler scrisse, già nel 1919, "Ovunque andassi, cominciai a vedere gli ebrei, e più vedevo, più acutamente mi si distinguevano dai miei occhi dal resto dell'umanità."

Al contrario, molti dei nostri più grandi eroi sociali hanno mostrato la capacità di estendere il loro ingroup percepito per includere tutti gli umani. Il sopravvissuto all'Olocausto e il sociologo Samuel Oliner hanno intervistato circa 1.500 persone che hanno aiutato a salvare gli ebrei durante la guerra. Ha concluso che la chiave di questi atti altruistici può risiedere nella capacità di entrare in empatia con gli altri che, in superficie, possono apparire diversi. Oliner crede che questo tipo di empatia possa essere nutrita dai genitori e da altri adulti che accettano l'accettazione e la cura del modello verso persone che sembrano diverse da loro e in insegnamenti religiosi che enfatizzano l'onore e l'aiuto a persone di ogni estrazione (per esempio, la parabola di Gesù Buon Samaritano).

Un secondo fattore che contribuisce a spiegare l'Olocausto riguarda la tendenza per gli individui a "stare a guardare" passivamente di fronte al pregiudizio e all'odio. Ad esempio, mentre gli eventi della Kristallnacht si svolgevano, il comportamento di molti spettatori era caratterizzato dall'indifferenza o dall'inazione. I cittadini locali a volte disapprovavano, ma rimanevano per lo più silenziosi. La polizia e i vigili del fuoco hanno impedito la diffusione del fuoco solo a proprietà non ebraiche. In seguito, molti ebrei cercarono di emigrare, ma paesi come gli Stati Uniti lo rendevano spesso difficile o impossibile. Senza questo tipo di passiva risposta da parte degli astanti, è improbabile che l'Olocausto sia mai accaduto.

Ci sono forze sociali che rendono facile rimanere passivi in ​​risposta al pregiudizio e all'odio. Ad esempio, la ricerca psicologica suggerisce che le persone tendono a diffondere responsabilità verso gli altri in tali situazioni e confondono gli atteggiamenti calmi degli altri come sintomatici che in realtà non sta accadendo nulla di male. Tuttavia, è possibile resistere a tali pressioni e essere attivamente provocatori di pregiudizi e odio in questi momenti. Gli eroi parlano e difendono i bisognosi, spesso dando una risposta simile a quelli che li circondano. Come sopravvissuto, Robert Fisch, dice: "Dobbiamo rimanere umani anche in circostanze disumane".

Andy Tix insegna al Normandale Community College a Bloomington, Minnesota. Per favore considera anche di seguire il blog di Andy su mistero e soggezione.

Solutions Collecting From Web of ""Kristallnacht:" La notte che ha distrutto l'umanità"