Katie Mottram on Spirituality and Mental Distress

Eric Maisel
Fonte: Eric Maisel

La seguente intervista fa parte di una serie di interviste sul "futuro della salute mentale" che durerà per oltre 100 giorni. Questa serie presenta diversi punti di vista su ciò che aiuta una persona in difficoltà. Ho mirato ad essere ecumenico e ho incluso molti punti di vista diversi dal mio. Spero che vi piaccia. Come per ogni servizio e risorsa nel campo della salute mentale, si prega di fare la dovuta diligenza. Se desideri saperne di più su queste filosofie, servizi e organizzazioni menzionati, segui i link forniti.

**

Intervista a Katie Mottram

EM: Hai scritto un libro intitolato Mend the Gap: Un viaggio trasformativo dalla profonda disperazione al risveglio spirituale. Puoi parlarci di quel libro e del viaggio che descrive?

KM: Mend the Gap è la mia storia personale di rimediare al divario dentro me stesso; lo stesso divario che ora ha bisogno di riparare tra psichiatria e spiritualità.

Ci colleghiamo attraverso storie condivise e il dolore nelle nostre storie ha il potenziale per aiutarci a guarire se lo permettiamo. Avere il coraggio di affrontare il mio dolore si è rivelata la mia più grande benedizione. Mend the Gap riguarda il mio viaggio verso l'integrità attraverso la crisi.

Quando ero un bambino ho avuto varie esperienze anomale. Mi sentivo strano. Non ero adatto. Ero estremamente sensibile e tutto mi sembrava falso. La mia autostima precipitò sempre più a fondo dietro una falsa maschera di felicità mentre cercavo disperatamente di essere qualcuno che non ero. Non avevo idea di chi fossi. Oltre a questo ho profondamente sepolto il dolore intenso che ho sentito dopo aver provato mia madre ad allungarsi su un reparto psichiatrico dopo aver tentato di pugnalarmi nel cuore quando avevo 17 anni. Fu allora che scoprii che aveva avuto problemi psicologici sin dalla mia nascita, e tutta la mia vita mi è sembrata una bugia.

Mi sono unito alla professione di salute mentale per cercare di proteggermi dalle stesse conseguenze di mia madre, in modo che potessi nascondermi dietro un'etichetta di "professionista" e distanziarmi dal mio trauma dotandomi di conoscenza. Ma non ha funzionato. E ho potuto sentire che molti dei miei colleghi stavano cercando di fare la stessa cosa.

So cosa vuol dire avere troppa paura di ammettere vulnerabilità o qualcosa di un po 'fuori dal comune, specialmente in un sistema dove ironicamente anche quelli che incoraggiano l'esposizione delle vulnerabilità nei loro clienti, hanno troppa paura di parlare di le proprie esperienze ed emozioni umane naturali.

So cosa si prova a provare tanta vergogna per la tua professione che ti porta a desiderare di toglierti la vita.

So cosa vuol dire cadere vittima del mio passato e permettere che mi distrugga quasi.

Per fortuna, so anche quanto di sollievo si senta di arrendersi. Fu allora che accadde: rinunciai alla lotta per nascondermi e scoprii che non c'era nulla da nascondere. Nascondere era stato ciò che aveva prodotto il mio dolore. La facciata che avevo tentato disperatamente di mantenere mi aveva staccato dalla mia vera natura. Ho sperimentato un risveglio per me stesso e per il fatto che il modo in cui patologizziamo l'angoscia mentale è la vera follia.

Durante la mia esperienza di "coscienza di unità" ho ricevuto un messaggio molto chiaro che "la malattia mentale sarà ridefinita in termini di esperienza spirituale". Non avevo idea di cosa significasse in quel momento.

EM: Sei coinvolto in uno studio pilota sulla salute mentale il cui obiettivo è quello di "normalizzare" il disagio mentale. Puoi parlarci di questo studio e cosa intendi normalizzando il disagio mentale?

KM: Alla fine di "Mend the Gap", giungo alla conclusione che il modo migliore per sostenere qualcuno che sta vivendo un'esperienza di crisi è attraverso la fornitura di una compassionevole convalida da parte di un peer experiencer e uno spazio sicuro per parlare apertamente dei sentimenti legati a quelle esperienze senza paura di recriminazioni.

Successivamente sono stato sincronizzato con il dott. Russell Razzaque, che ho scoperto stava progettando di lanciare un innovativo progetto pilota di ricerca per i medici della salute mentale in Open Dialogue supportato da Peer. Ci siamo incontrati e ci siamo resi conto che saremmo giunti alla stessa conclusione su quali cambiamenti fossero necessari nel sistema di salute mentale da estremità completamente opposte dello spettro; me stesso come uno sperimentatore e Russell uno psichiatra consulente.

Open Dialer (POD) sostenuto da pari è uno studio multicentrico sullo sviluppo e sull'adattamento di Open Dialogue, pioniere in Finlandia, nel NHS. Ciò che distingue questo approccio è che una risposta alle crisi viene offerta entro 24 ore e che ciò si concretizza in una serie di "incontri di rete" – in cui la persona, i familiari e gli amici e i membri del team di professionisti si riuniscono tutti insieme. per dare un senso a ciò che sta accadendo e capire come meglio aiutare la persona nella sua crisi. È un approccio meno gerarchico e più olistico, in cui tutti sono visti come un partner nel processo fin dal primo giorno. La crisi è vista come un bisogno di un viaggio di scoperta, non qualcosa che deve essere "eliminato" il più rapidamente possibile.

Ora so come ci si sente a sedere con un gruppo di coraggiosi tutor e coetanei alla salute mentale alla fine di un anno di allenamento POD e non vergognarsi di piangere lacrime di felicità e gratitudine che le cose stanno finalmente iniziando a cambiare – quella comune il senso sta finalmente iniziando a prevalere in psichiatria. Quelle emozioni umane naturali come il dolore, la paura intensa e l'euforia si stanno normalizzando di nuovo, invece che patologizzate. Infine, siamo in grado di deludere le nostre facciate e ricollegarci alla nostra vera natura, e tra noi. Questo cambiamento ha un potenziale profondo per la trasformazione positiva dei servizi di salute mentale.

EM: hai anche lavorato all'interno del sistema di salute mentale nel Regno Unito. Quali sono alcuni dei tuoi pensieri principali su come funzioni quel sistema?

KM: l'attuale sistema di salute mentale crea paura e disconnessione. Per molti anni ho intuito che, lavorando al suo interno, la psichiatria stava effettivamente producendo l'effetto opposto a quello che sperava di ottenere. Di conseguenza ho resistito al completamento di qualsiasi allenamento perché il mio cuore mi ha detto che non era giusto. All'epoca mi sentivo un ingenuo fallimento, ma quello che ho imparato durante le mie ricerche negli ultimi anni è che il cuore ha un'intelligenza; il cuore ha il suo sistema nervoso, che in realtà invia più informazioni al cervello, rispetto al contrario. I nostri sentimenti contengono tali informazioni vitali e la psichiatria ci sta paralizzando i nostri sentimenti; lavoratori e clienti allo stesso modo, quindi diventiamo sempre più separati dalla totalità.

Voglio sottolineare qui che sebbene io sia stato estremamente arrabbiato per il modo in cui il sistema ha trattato, e in molti modi continua a trattare, le persone vulnerabili, so che la rabbia è futile. Come diceva Socrate; "Il segreto del cambiamento è focalizzare tutta la tua energia, non sul combattere il vecchio, ma sulla costruzione del nuovo" Nessuno va al lavoro nel sistema di salute mentale perché vuole causare danni; è una sfortunata conseguenza del paradigma scientifico-dominante. Qualcosa sta accadendo attualmente nella psichiatria per colmare il divario tra i vecchi e nuovi paradigmi. Il paradigma emergente accetta che TUTTE le esperienze siano valide, anche quelle anomale. È un mondo in cui possiamo essere tutti accettati nella nostra unicità 'umanità'. Non c'è differenziazione, non c'è bisogno di etichette o scatole.

EM: Quali sono i tuoi pensieri su questo paradigma emergente?

KM: Questo è estremamente significativo nel nostro tempo di crisi globale, perché è la prima volta che la psichiatria promette di sostenere la razza umana per attraversare le nostre crisi spirituali individuali al fine di evolvere, piuttosto che reprimere i sintomi come segni di qualcosa di sbagliato. Allo stesso modo in cui la crisi offre un'opportunità di crescita per l'individuo, lo stesso si può dire a livello macro; storicamente ci sono stati cambiamenti culturali nella percezione iniziata dalla crisi, e siamo sull'orlo di un altro.

Eliminare le etichette di TUTTI i tipi, non solo quelli patologici, ma anche le etichette di identità dell'Io incapsulate nel "professionista" è necessario perché questo cambiamento avvenga. È tempo di abbassare le difese e arrendersi se vogliamo sopravvivere attraverso la riconnessione e accettare che non esiste una road map per essere umani; la realtà è soggettiva.

Un crescente corpo di ricerca ci mostra che avere un quadro non patologico in cui comprendere le esperienze anomale riduce la possibilità che una persona entri in crisi.

Un nuovo entusiasmante progetto di collegamento che supporta anche questo concetto è l'International Spiritual Emergence Network (ISEN). ISEN mira a fornire un hub centrale in cui tutte le reti di tutto il mondo che offrono supporto alle persone che attraversano crisi spirituali, possono connettersi, collaborare, educare e innovare per normalizzare il fenomeno all'interno della psichiatria tradizionale. ISEN ha la visione di:

"Un mondo in cui tutti i popoli di tutte le culture possono abbracciare l'emergere spirituale per manifestare un cambiamento positivo verso la coscienza superiore per tutta l'umanità"

ISEN sta lavorando in stretta collaborazione con la Fondazione Grof, continuando l'eredità di Stan e Christina Grof. Ci siamo uniti attraverso una guida intuitiva condivisa nella nostra missione dallo spirito e le nostre passioni per alleviare la sofferenza di chi è in crisi spirituale.

Questi cambiamenti nell'approccio al disagio mentale sostengono l'idea che TUTTE le crisi siano potenzialmente trasformative. Fanno tutti parte di uno spettro di un'espressione del viaggio verso l'interezza. Sembra che la malattia mentale stia iniziando a essere ridefinita in termini di esperienza spirituale.

EM: Se tu avessi una persona amata nel disagio emotivo o mentale, cosa suggeriresti che lui o lei faccia o provi?

KM: Lo faccio – mia madre continua a cercare di nascondersi dalla sua sofferenza emotiva; a volte può funzionare con la sua pretesa che tutto va bene, ea volte la pressione del nascondersi diventa troppo forte da sopportare, come ha fatto per me. La differenza tra noi è che ho smesso di nascondermi e mia madre non può; il danno che ha subito dalla psichiatria è troppo radicato. Gli effetti di essere stati informati di avere una "malattia mentale grave e duratura", di essere stato sottoposto a trattamenti dannosi per l'elettro-convulsivazione e di farmaci tossici per anni e anni, l'hanno svalutata al di là del credere di avere la capacità di guarire.

Per anni ho fatto "suggerimenti" su cosa avrebbe potuto fare per aiutarsi a guarire, ma le voci più forti dei "professionisti" che le hanno detto che sapevano che cosa era meglio per lei affogava il mio. Ha fatto parte del mio doloroso viaggio accettare che non possiamo "suggerire" a nessuno di provare qualcosa se non è pronto a smettere di nascondersi. Ci vuole forza per farlo – ironia della sorte è questa forza che il sistema psichiatrico del modello biomedico spoglia di una persona.

Le uniche cose che suggerisco ora, a chiunque conosca chi è in difficoltà emotiva e possa chiedere, è che ciò che sentono li rende umani – per cercare ciò che il loro dolore potrebbe provare a dire loro, perché c'è sempre un messaggio nel nostro dolore Li incoraggio a osare di permettere quelle sensazioni, di parlare e di raggiungere il sostegno piuttosto che nascondersi. Cerco di potenziarli, convalidarli e far loro sapere che se osano affrontare il doloroso viaggio non c'è solo speranza dall'altra parte, ma c'è tanta crescita e liberazione da guadagnare.

**

Katie Mottram si è laureata presso l'Università di Bradford, nel Regno Unito, con una laurea in Studi Umani Interdisciplinari nel 1997 e ha 15 anni di esperienza nel campo della Salute Mentale.

All'inizio del 2012 ha sperimentato un risveglio spirituale e da allora ha lavorato instancabilmente per aumentare la consapevolezza del fenomeno della crisi spirituale.

Katie ha pubblicato il suo primo libro: "Mend the gap, un viaggio di trasformazione dalla profonda disperazione al risveglio spirituale", nel 2014.

Dalla sua nascita nel gennaio 2015, Katie ha lavorato con il dottor Russell Razzaque, consulente psichiatra, per il suo rivoluzionario progetto pilota di salute mentale, Peer-supported Open Dialogue (POD).

Attualmente offre seminari di formazione basati su un elemento di questo addestramento POD con la dott.ssa Natalie Tobert, antropologa medica, in "Cultura, risveglio spirituale e benessere mentale" (http://www.aethos.org.uk)

L'obiettivo di Katie è il networking per incoraggiare la collaborazione tra i progetti all'avanguardia per aumentare la consapevolezza e sostenere le persone che attraversano il processo di emergenza spirituale, ed è uno dei direttori fondatori dell'International Spiritual Emergence Network.

www.spiritualemergencenetwork.org

Segui il blog di Katie sul suo sito Web: http://synchronicityworldwide.com

**

Eric Maisel, Ph.D., è l'autore di oltre 40 libri, tra cui The Future of Mental Health, Ripensare la depressione, Padroneggiare l'ansia creativa, Boot Boot per la vita e The Van Gogh Blues. Scrivi Dr. Maisel a ericmaisel@hotmail.com, visitalo su http://www.ericmaisel.com e scopri di più sul futuro del movimento per la salute mentale su http://www.thefutureofmentalhealth.com

Per saperne di più e / o per acquistare The Future of Mental Health visita qui

Per vedere il roster completo di 100 ospiti intervistati, visita qui:

Interview Series

Solutions Collecting From Web of "Katie Mottram on Spirituality and Mental Distress"