Jon Mills trova le sue risposte

Jon Mills è stato messo su questa terra per perseguire i suoi obiettivi atletici e per aiutare le persone a fare lo stesso.

 Jon Mills
Fonte: Jon Mills

Ma Mills ha impiegato molto tempo per trovare il suo scopo. Una volta un atleta promettente, Mills ha affrontato povertà, depressione, dipendenza e, in definitiva, un tentativo di suicidio.

In una miracolosa svolta del destino, Mills è stato salvato dal suo tentativo di suicidio e ha avuto una seconda possibilità di scegliere la vita, intraprendere una nuova strada e trovare il suo scopo. Attraverso la sua attività di coaching / lifestyle coaching personale e il suo film, "Peak Physique", che documenta il suo percorso per diventare un modello di fitness, mira a condividere ciò che ha imparato attraverso queste esperienze per aiutare gli altri a perseguire una vita sana e propositiva.

Gli psicologi positivi hanno proposto che condurre una vita "significativa" o "propositiva", in cui si persegue uno specifico obiettivo di vita, sia una chiave per il benessere. E la ricerca suggerisce che le persone con un maggiore senso dello scopo vivono vite più lunghe e più sane. Ad esempio, uno studio di ricerca ha seguito più di 6.000 persone nel corso di 14 anni e ha scoperto che coloro che avevano un più alto senso dello scopo vivevano più a lungo di quelli che conducono una vita meno propositiva.

Crescendo, Mills ha trovato il suo scopo nell'atletica. "Ho avuto una carriera atletica molto promettente, potenzialmente come nuotatrice olimpica. Ero in porta per potenzialmente competere per la Gran Bretagna. "

Ma quando la madre di Mills ebbe due divorzi – uno dal padre biologico di Mills quando Mills aveva quattro anni e l'altro dal patrigno di Mills quando Mills aveva 13 anni, la famiglia fu messa in povertà. In particolare, la famiglia perse la casa e si trasferì in alloggi a basso reddito, conosciuti in Inghilterra come "proprietà". Mills aveva difficoltà ad adattarsi al suo nuovo ambiente.

"Tutto è stato scosso quando abbiamo perso la casa", ha spiegato Mills. "Il mio intero ambiente sociale e tutto ciò che ho vissuto è cambiato. Stavo cercando di essere due persone. C'era l'atleta e il ragazzo che andava davvero bene a scuola. E poi c'è stato il ragazzo che si è trasferito in una tenuta, dove ha fatto tutto il necessario per sopravvivere. "

La sopravvivenza non è stata sempre facile, poiché Mills ha affrontato la minaccia di violenza nella sua nuova casa. "Nel giro di pochi mesi dall'ingresso in questa tenuta, sono stato malmenato da un gruppo di ragazzi che erano una grande e famosa famiglia nella proprietà." Spiegò Mills. "E mia madre ha provato a caricare la famiglia. Ha detto alla polizia. E hanno finito per portarli in giro a casa nostra e farli scusare perché erano informatori per la polizia nella tenuta ".

"Così abbiamo iniziato a imparare le regole della strada e vivevamo in un ambiente diverso, e per me è stato un disastro."

La nuova scuola di Mills non si è rivelata un rifugio. "La scuola è stata molto dura per me perché sono stato vittima di bullismo. Non era un posto dove sono stato nutrito. Era una scuola londinese nel centro città con un sacco di problemi con gli insegnanti che avevano lezioni fuori controllo ".

Vivendo in un ambiente così stressante e dovendo operare secondo un nuovo set di regole per la sopravvivenza, Mills ha iniziato a perdere il senso dello scopo e si è rivolto alle droghe ricreative come una forma di coping.

"Ho voltato le spalle alla mia carriera atletica e ho iniziato a trovare altri modi per tenermi occupato fuori dalla casa. Penso che sia stato parte del motivo per cui ho scelto un percorso diverso e ho scelto di auto-medicare ", ha detto Mills. "Perché dovevo essere qualcun altro per sopravvivere in quella tenuta. Dovevo diventare più street-saggio per sopravvivere. "

Alla fine, Mills ha sofferto di un ciclo di consumo di droga e depressione. "Ho sofferto di depressione per tutta la mia giovinezza. Ho iniziato ad auto-medicare ed ero in compagnia di familiari depressi. Quindi puoi insegnarti anche i comportamenti. Ho finito per andare all'università, ma lottando – lottando nelle relazioni, creando cicli in cui avrei inevitabilmente distrutto relazioni intime, e non ho mai veramente capito chi fossi. "

La depressione è una delle forme più comuni di malattia mentale, con circa il 20% della popolazione che sperimenta qualche forma di disturbo dell'umore (ad esempio, depressione maggiore, distimia, disturbo bipolare) ad un certo punto della loro vita. La depressione può essere una condizione cronica, con persone depresse a rischio di ricaduta nelle loro vite. E le persone che lottano con la depressione possono sperimentare una significativa perdita di funzionamento fisico, sociale e di ruolo paragonabile o peggiore di quella di altri problemi medici cronici.

Molte persone depresse si impegnano in pensieri negativi fino al punto in cui non sentono di avere il controllo dei loro pensieri. Mills ha descritto questa esperienza. "Abbiamo tutti dei dubbi su se stessi. Tutti abbiamo sentimenti negativi. È solo che quando qualcuno è depresso, corre la rivolta. Non ne hai il controllo e permetti alle tue emozioni di prendere il controllo delle situazioni. E poi il tuo comportamento è in risposta a quelle emozioni. "

Alla fine, le cose sono diventate così brutte che Mills ha tentato il suicidio. "Ha avuto un enorme successo nel 2005, quando mi sono ritrovato a Tower Bridge. Non sapevo come vivere la mia vita ed essere felice ", ha spiegato. "E non ho capito quale fosse il mio scopo. Stavo distruggendo le relazioni. Avevo lasciato farmaci ricreativi molto tempo fa, ma l'alcol era diventato qualcosa che stavo usando più spesso. Mi sentivo come un peso per tutti. Non sapevo cosa fare e sono arrivato a un punto in cui ero tipo, 'Ecco fatto'.

"Non potevo liberarmi di questa nuvola scura che sembrava spingermi giù, qualunque cosa facessi."

So Mills ha tentato di saltare da Tower Bridge – ma il destino è intervenuto, ed è stato salvato da un passante. "Non lo sapevo, ma c'era un tipo che camminava, e ovviamente stava guardando la situazione. Ricordo di aver pensato: "Colpirò l'acqua e poi colpirò il cemento", ha spiegato Mills. "Il ragazzo è praticamente saltato mentre andavo. Non l'ho visto, ma era evidentemente alle mie spalle. Mentre andavo a saltare, saltò. E se mi avesse mancato, sarebbe entrato con me, ma è riuscito a farmi cadere all'indietro e cadere di lato.

"Non riesco a capire come sia riuscito a farlo. Quindi questo ragazzo è volato via dal nulla, e fino ad oggi, non so chi sia. A quel tempo, penso che in realtà mi sono imbattuto in lui perché ero così fuori di testa. Qualcuno mi aveva tolto questa scelta, ed è quello che volevo fare. E poi ho dovuto convivere con quello.

"Non sono stato in grado di ringraziarlo."

Questa seconda possibilità fu la prima opportunità di Mills di cambiare il corso della sua vita. "E il processo di guarigione – ti è stata data un'altra possibilità, e penso che sia così che vedo la mia vita ora. Ogni giorno che mi sveglio è un dono che qualcun altro mi ha dato ", ha detto.

Ma Mills è stato frustrato dalle opzioni di valutazione e trattamento presentate dal suo medico di base (GP). La ricerca suggerisce che i medici generici potrebbero non essere altrettanto efficaci nel rilevare la depressione come valutazioni standardizzate. Mills pensava che il suo medico minimizzasse la sua depressione.

"Sono andato al mio GP per ricevere aiuto. Era come, 'Hai un lavoro. Hai una ragazza. Sei all'università. " E gli stavo dicendo, 'Questa situazione veramente reale è accaduta.' Mi guarda come, 'Beh, in realtà non cadi in nessuno dei criteri per essere suicida o ad alto rischio' ", ha spiegato Mills. "Sono stato mandato a ping da una persona all'altra dall'altra, e mi sono sentito così frustrato. Qualcuno come me che non è stato etichettato e non ha ricevuto l'aiuto di cui avevo bisogno, inizialmente, sentivo che il sistema mi stava abbandonando. "

Mills pensa che sia difficile per le persone che non sono state depresse, anche per i professionisti, capire quanto può essere potente la depressione. "Penso che quello con cui qualcuno stia lottando è che non lo capiscono. Non hanno mai permesso a quei pensieri e quelle voci di prendere il controllo. Forse sono sempre stati in grado di parlare da soli, o non hanno mai avuto pensieri così negativi ", ha detto.

Alla fine, a Mills fu prescritto un antidepressivo, che lui prese, ma ancora non sentiva di aver compreso la sua depressione. "Volevo risposte. Volevo scoprire perché non potevo disattivare questi pensieri negativi ", ha detto. "Perché avevo questa nuvola che mi spingeva giù, e perché non potevo controllarla. Tutti pensavano che avrei dovuto saperlo, e non potevo. "

Alla ricerca del suo percorso, Mills viaggiò in Tailandia. "Così ho viaggiato per un po 'in Thailandia, e questo mi ha davvero aiutato. Sono stato in Tailandia per tre mesi e ho finito per andare in un ritiro buddista, che era qualcosa di veramente insolito ", ha spiegato. "E ho trascorso 13 giorni in silenzio, imparando solo il buddismo e le tecniche di meditazione."

La ricerca suggerisce che vi sono prove che gli approcci alla consapevolezza sono efficaci nella gestione di una serie di problemi di salute mentale, tra cui depressione, ansia e disturbi da abuso di sostanze.

Alla fine, attraverso questa esperienza, Mills ha riscoperto il suo scopo. "Quando stavo per scegliere di vivere, dovevo cercare di capire chi ero e qual era il mio scopo nella vita", ha detto Mills.

"E onestamente sentivo che il mio scopo era essere un atleta. Quando ero in piscina, e io ero l'atleta, quello era il mio scopo. C'era l'intenzione e lo scopo dietro tutto quello che stavo facendo in piscina. È stato lì che ho capito che avevo bisogno di tornare nel mondo atletico, e avevo bisogno di lavorare in questo. E ho iniziato ad allenarmi nella mia stanza, nella giungla. "

Tuttavia, questo tentativo iniziale di riprendere l'attività atletica non ha funzionato per Mills, e ricadde in un ciclo di alcolismo. "Sono tornato e ho iniziato a lavorare come allenatore in questa grande palestra. E mi sono ritrovato ad affrontare i movimenti e ancora non credevo veramente in me stesso ", ha ricordato. "Mi sono ritrovato a tornare alla vecchia routine di andare al pub e di essere single a Londra e di creare vecchi cicli di nuovo fino a quando ho deciso di lasciare quella palestra e aprire la mia attività".

Fu a quel punto che Mills si salvò di nuovo, quando incontrò la persona che sarebbe stata la sua guida, Angie Dowds. Dowds era un personal trainer che ha partecipato al programma televisivo "The Biggest Loser" come istruttore di fitness.

"Mi sono imbattuto in Angie Dowds, che poi è diventato il mio mentore, che da allora si è suicidato. Si è suicidata nel 2011. Ma è diventata la mia guida e in pratica ha visto qualcosa in me ", ha spiegato Mills. "Ha visto che fondamentalmente stavo facendo abbastanza e non avevo una vera fiducia in se stessi. Mi ha dato un amore duro e mi ha fatto conoscere uno stile di allenamento duro. "

"E durante quel periodo, siamo diventati ottimi amici e in realtà siamo diventati dei confidenti. Si stava allenando per la seconda stagione come allenatrice di celebrità femminile in "The Biggest Loser". E lei ha avuto problemi molto simili a me – depressione, droghe ricreative e dipendenza – quindi avevamo molto in comune.

"La maggior parte delle persone la vedevano come un individuo potente e forte che ha ispirato e motivato le persone. E poi quando la conoscevo un po 'meglio, mi resi conto che stava davvero lottando con alcune cose serie. E ricordo che mi ha detto: "Dovrei fare la seconda stagione di" The Biggest Loser "?" "

"E io ero tipo, 'Assolutamente – se è qualcosa che vuoi fare, e pensi di poterlo gestire.' Non mi rendevo conto di quanto la sua salute mentale fosse stata colpita in quel momento ", ha detto Mills. "Si scopre che lo spettacolo è stato qualcosa di troppo stressante per lei. Ha finito per togliersi la vita. "

Questa è stata una grande perdita per Mills, ma uno che ha rafforzato il suo impegno per il suo scopo. "È stato devastante e qualcosa a cui penso quotidianamente", ha spiegato. "Cerco la mia formazione, i miei progetti e tutto ciò che faccio – cerco di fare proprio lei e dalla sua memoria. Era dura e dura.

"Così, quando mi sento debole e mi sto dando una facile via d'uscita, la sento dire:" Un altro rappresentante! "

Alla fine Mills incontrò un'altra luce guida nella sua vita – Jana – che divenne sua moglie e socio in affari. Insieme si sono trasferiti in Canada e si sono concentrati sullo sviluppo di un'attività di formazione personale e di coaching dello stile di vita che cerca di ispirare le persone a trovare uno scopo nella salute e nella forma fisica. Per aiutare le persone a sviluppare metodi di allenamento sani, Mills ha avuto l'idea di "Peak Physique", un documentario che ha seguito lo stesso Mills mentre si allenava per un modello di fitness.

"Per me, avevo perso il mio atleta interiore anni fa, e in realtà, attraverso questo processo l'ho riacceso. Ho trovato questa nuova fiducia in se stessi – per competere davvero e trovare quel vantaggio competitivo – per vincere e fare tutto ciò che potevo in un sano reame per arrivarci ", ha spiegato Mills. "E non avevo trovato quella parte di me per un tempo molto lungo, e non mi sarei mai aspettato di sentirlo durante questo processo.

"Ho avuto l'idea che se avessi intenzione di fare uno spettacolo, mi occupassi dell'educazione e responsabilizzassi le persone a prendere decisioni informate sulla formazione verso gli obiettivi", ha detto. "Cosa succede al corpo? Quali sono i pro e i contro? Non zuccherarlo. Cosa richiede esattamente? Lasciamo che lo spettatore veda ogni parte di esso. I miei medici sono stati coinvolti. Ho fatto il mio lavoro di sangue fatto all'inizio, nel mezzo e alla fine. Le telecamere erano a casa e tu devi vedere lo stress sulle relazioni, posare e imparare a posare, e intendo tutto. "

Durante le riprese del documentario, Mills ha riconosciuto le potenziali insidie ​​che spera che il film aiuti gli altri a evitare.

"Ogni atleta che è al vertice del proprio gioco sta camminando sul filo del rasoio, è in buona salute o sta spingendo il proprio corpo a un punto in cui è quasi pericoloso?", Ha detto. "Ma è quello che fai dopo, è il piano che hai per la competizione, è la rete di supporto che hai durante e dopo la pubblicazione. È una situazione così isolante, e le persone non capiscono davvero. E tutto ruota attorno all'immagine del corpo e al tuo aspetto. "

Questo iper-focus sull'immagine corporea mette i bodybuilder e i modelli di fitness competitivi in ​​grande pericolo di sperimentare la dismorfismo corporeo – o le opinioni negative e forse distorte del proprio corpo.

Mills sa dalla sua esperienza che circondarsi di persone giuste può fare la differenza. "Ho dovuto interrompere un sacco di relazioni con gli amici e tirarmi fuori dalle situazioni e cambiare le relazioni con i membri della famiglia e costruire altre relazioni", ha detto. "E capisci il tipo di persona con cui devi stare. Senza incontrare mia moglie, non credo che sarei in grado di raggiungere la metà delle cose che sono riuscito a ottenere negli ultimi cinque anni. Perché mi ha permesso di sognare, ma mi dà anche la stanza e l'accettazione per provare a rischiare. Ha una vera fiducia in me, il che mi dà fiducia in se stessi ".

E Mills prende spunto dalla propria esperienza e insegna alle persone che si allena per allenarsi con lo scopo. "Devi ancora allenarti con intento e scopo", ha detto. "Qual'e 'il tuo scopo? Qual è il tuo piano e qual è l'impegno? Sii realista."

Alla fine, Mills è ottimista mentre continua il suo viaggio propositivo. "Posso ottenere tutto ciò a cui ho pensato. Ho avuto alcuni tempi terribilmente bui, e ho superato questo con una vera auto esplorazione e forza mentale ", ha detto. "E puoi fare qualsiasi cosa. Puoi davvero, finché hai uno scopo, la fiducia in se stessi, l'impegno e fai le cose con intento. "

E incoraggia gli altri che potrebbero avere difficoltà a trovare il loro scopo di non arrendersi. "La vita è un dono e le tue scelte quotidiane influenzano il tuo futuro a lungo termine", ha detto Mills. "Inizia con le piccole cose: idratazione, sonno, luce solare, cibo denso e nutriente. Ma con le cose più grandi, rilassati! Essere pazientare. Credi in te stesso. Tutto accade per una ragione. Una potente lezione di vita attende di essere appresa. "

E proprio come Mills ha avuto un po 'di fortuna nella sua vita, spera che possa essere in giro per dare a qualcun altro un colpo di fortuna.

"Penso che tutti nel loro viaggio abbiano bisogno di un po 'di fortuna."

Michael Friedman, Ph.D., è uno psicologo clinico a Manhattan e membro del comitato consultivo medico di EHE International. Segui Dr. Friedman onTwitter @DrMikeFriedman e EHE @EHEintl.

Solutions Collecting From Web of "Jon Mills trova le sue risposte"