Joe Paterno: hai molto da imparare da Steve Jobs

Steve Jobs era chiaro: era il bambino sfavorito che è stato rifiutato dai suoi primi due gruppi di genitori prima di trovare una casa amorevole. Essendo sopravvissuto a questo primo rifiuto, Jobs aveva una base psicologica per superare il suo prossimo profondo rifiuto, essendo stato licenziato da Mac, la compagnia da lui fondata. Quei primi anni dopo il licenziamento furono difficili per Jobs ma emerse da loro più forte che mai. Non ha fatto un brutto scherzo su cosa pensasse la gente. Era più determinato a perseguire ciò che pensava per se stesso. Fortunatamente, aveva una bussola morale interna che lo guidava.

Quando fu diagnosticato un cancro terminale, Jobs non chiuse gli occhi e cercò di ignorare la verità. Non ha tentato di riscrivere ciò che era ovvio. Jobs ha affrontato la sua malattia frontalmente preparandosi anche alla sua morte. Ha combattuto per la sua vita, sopravvivendo a un trapianto di fegato, assicurando anche un piano di successione in Apple. Ha continuato a vivere la sua vita in privato, ma sapeva che alla sua morte, la sua vita sarebbe stata sezionata e analizzata. Così ha fatto quello che Jobs ha fatto così bene: ha preso il comando.

Volendo che la sua biografia fosse un riflesso fedele di chi fosse – il buono, il brutto e il cattivo – Jobs contattò Walter Isaacson per scrivere la sua storia di vita. Isaacson ha riferito che Jobs ha collaborato alla stesura del libro. Era onesto e avanti come solo un bambino sfavorevole poteva essere. Non c'era nessuno stato speciale da proteggere o la relazione ambita da mantenere. Jobs non fece alcun tentativo di girare la sua immagine, nascondere i suoi demoni o controllare ciò che era stato scritto. Incoraggiò le persone che conosceva a parlare onestamente con Isaacson. Nel fornire questa visione non maculata, a volte non soddisfacente di Jobs, c'è la realtà nella rappresentazione di Isaacson di questo eroe americano.

Steve Jobs ha vissuto la sua vita da uomo senza nulla da perdere. Comprendeva che non era particolarmente accattivante per le persone e sembrava relativamente libero dai bisogni o dalle aspettative degli altri. Jobs non si aspettava un trattamento preferenziale. Ha imparato dolorosamente che le regole si applicano a lui. Ha descritto un processo di verifica con se stesso ogni giorno per essere sicuro di vivere la vita che voleva.

Joe "Joe Pa" Paterno, il figlio prediletto di Penn State, ha vissuto la sua vita in netto contrasto con Steve Jobs, il figlio sfortunato. Lo stato di figlio preferito di Paterno dipendeva dal fatto che i suoi ammiratori nella comunità della Penn State si sentissero bene. La sua vita consisteva nel compiacerli; in cambio ha scritto il suo biglietto. Col passare del tempo, Paterno perse la sua strada, dimenticando che le regole – legali e morali – si applicavano a lui.

Per gli studenti e gli alunni della Penn State, Joe Paterno era il volto dello spirito della scuola, un punto di riferimento per il loro orgoglio nei Nittany Lions. Questa squadra di calcio era rispettata a livello nazionale; i suoi giocatori hanno vinto record sul campo ed erano accademicamente forti. Questa combinazione di accademici e atletica è stata ammirata universalmente.

L'allenatore Paterno, un decano degli allenatori del college, ha dato prestigio alla Penn State. Era venerato come uno dei migliori allenatori di football universitari degli Stati Uniti, vincendo innumerevoli premi nazionali. Le sue opinioni influenzarono le decisioni sulla maggior parte delle questioni del calcio collegiale. Ha riflettuto bene sull'università.

Le capacità di raccolta fondi di Paterno erano un consiglio di reggenti e il sogno del presidente. Ha raccolto denaro con l'esempio, contribuendo con 4 milioni di dollari del proprio denaro alla Penn State. Si rallegrava per il fatto che la biblioteca fosse nominata in suo onore mentre l'arena sportiva prendeva il nome da un ex presidente universitario. Questo alimentava l'immagine che lui e l'università amavano: un allenatore di football impegnato in accademici.

Secondo alcune stime, Paterno ha raccolto oltre $ 1 miliardo per la scuola. Ha paragonato la raccolta di fondi al reclutamento di atleti. Una volta disse: "Prima o poi, devi chiedere al ragazzo:" Vieni o no? " Non vedo molta differenza. Tu fai il caso. E tu dici che ci piacerebbe, ea volte direbbero, 'Beh, sì, posso gestirlo.' A volte diranno: 'Non posso farlo adesso. Cosa ne pensi di questo?' Va bene."

Nel 1984, l'università lanciò la sua prima campagna, fissando un obiettivo da $ 200 milioni, l'obiettivo più alto mai stabilito da un'università pubblica all'epoca. Ha raccolto $ 352 milioni, in gran parte attribuibili ai rapporti di Paterno con gli alumni e il suo carisma. Nella campagna capital che si è conclusa nel 2003, Paterno ha incoraggiato i fiduciari a fissare un miliardo di dollari come obiettivo. La campagna ha raccolto $ 1,4 miliardi. È accreditato con l'impegno di Frank Pasquerilla di $ 5 milioni per il centro di affari etici e religiosi nel campus dello State College.

Joe Paterno sembrava prosperare sulle lodi accumulate su di lui dalla Penn State, e l'università ha beneficiato del successo del suo parleying sul campo di calcio per il bene della comunità del college. Durante i suoi 62 anni nello staff tecnico della Penn State, 46 come capo allenatore, è cresciuto a credere di aver fatto le regole, possibilità dimenticando che anche le regole fondamentali della condotta morale si applicavano a lui. Potrebbe aver creduto che se avesse trascurato le questioni che potevano riflettersi sfavorevolmente sul suo amato Penn State, stava facendo un favore alla scuola. Potrebbe aver immaginato che dal suo potere, sarebbe stato incontestato, che altri avrebbero seguito l'esempio. Quel poco attraente andrebbe via.

Mentre lo scandalo sugli abusi sessuali ha cominciato a svolgersi, la sua risposta al Board of Trustee della Penn State ha mostrato un uomo non abituato ai rigori della responsabilità. Paterno ha preso la situazione nelle sue mani, indicando che si sarebbe dimesso al termine di questa stagione e dedicherà il resto della sua vita a fare tutto il possibile per aiutare l'università. Inoltre, ha detto che il Board of Trustees "non dovrebbe passare un solo minuto a discutere del (mio) status. Hanno cose molto più importanti da affrontare. "

Come figlio prediletto, Paterno potrebbe aver creduto di essere autorizzato a chiamare gli scatti senza preoccuparsi delle conseguenze. I conseguenti sentimenti di potere, e la possibile paura di perdere quel potere, potrebbero averlo lasciato cieco alla sua responsabilità morale nei confronti dei ragazzi maltrattati, dei suoi calciatori e allenatori, della comunità universitaria, di tutti quelli che lo guardavano come leader.

C'è poca domanda che Joe Paterno amasse Penn State e Penn State lo amasse. Questa adorazione istituzionale alimenta la cecità istituzionale necessaria per preservare l'accordo: Joe Paterno ha fatto sentire la comunità della Penn State sentirsi bene e orgogliosa, e in cambio, la comunità gli ha dato una maggiore libertà di scrivere e giocare secondo le proprie regole. In definitiva questo accordo – che col tempo tiene il figlio prediletto responsabile per sempre meno contribuisce al suo tragico disfacimento.

La forma di eroismo di Joe Paterno è guidata dal suo status di figlio preferito. In quel ruolo impara che la chiave del successo è di piacere agli altri. Ciò è in netto contrasto con la forma di eroismo di Steve Jobs che si basa sull'essere sfavoriti. In quel ruolo impara che la chiave del successo è essere il padrone del suo destino, il capitano della sua anima. Non c'è nessun altro da apprezzare. È più facile mantenere saldi fondamenti morali.

Solutions Collecting From Web of "Joe Paterno: hai molto da imparare da Steve Jobs"