Jeffrey Dickemann è arrivato per primo

Chronicle/Kendra Luck
Fonte: Chronicle / Kendra Luck

"La luce sarà gettata sull'origine dell'uomo e della sua storia".

-Charles Darwin, 1859, 1871

Durante la maggior parte degli ultimi 80 anni dispari, Jeffrey Dickemann ha faticato via nell'oscurità. Non sempre spiacevole. È cresciuto, in parte, nelle Hawaii e nelle Samoa; andò a scuola all'Università del Michigan (una digressione inclemente) e all'Università della California a Berkeley; ha insegnato antropologia e sociologia, per decenni, alla Sonoma State University; poi è tornato nel suo giardino a Berkeley e ha fatto viaggi in Costa Rica per visitare sua sorella.

Ma il lavoro è stato fatto da solo. In una serie di articoli – in particolare, in 3 articoli pubblicati dal 1979 al 1981 – Jeffrey Dickemann divenne il "padre" della storia darwiniana. Fu il primo ad applicare le teorie centrate sui geni della metà del ventesimo secolo dalla biologia – il lavoro di George Williams, Bill Hamilton e, soprattutto, di Bob Trivers – alla millenaria storia scritta di società umane. La sua predilezione per la teoria globale e la grande biblioteca ha fatto sì che Dickemann iniziasse – in senso letterale – ad adempiere alla profezia di Darwin: far luce sull'uomo e sulla sua storia, dalla lunga visione della vita sulla terra.

Ha iniziato con un semplice fatto. La maggior parte delle società umane, come la maggior parte delle società animali, sono gerarchie. E poiché la fine evoluta dell'esistenza umana, come la fine evoluta dell'esistenza di altri animali, è la riproduzione, le opportunità di allevamento si concentrano in alto. Ciò scatenò una reazione a catena. Le donne nate verso il basso, i cui fratelli avevano opzioni di riproduzione più povere, avrebbero gareggiato per avere accesso agli uomini in escheloni più alti. Le loro famiglie metterebbero insieme enormi doti e andrebbero a elaborare lunghezze per garantire la loro fedeltà. Ma le donne nate al vertice, i cui fratelli avevano opzioni di allevamento più forti, sarebbero state discriminate. Le loro famiglie li mandavano in convento o, peggio.

Dickemann ha estratto prove da tutto il Vecchio Mondo. Parlò di monasteri taoisti e buddisti, stipati di figlie di famiglie aristocratiche, attraverso la Cina medievale; e sui monasteri cristiani, pieni di altre figlie nobili, attraverso il Medioevo europeo. Ha parlato dei mezzi architettonici, sartoriali, chirurgici e morali usati universalmente per impedire alle donne di cinguettare i loro mariti: claustrazioni, velature, legature, test di verginità nuziale, clitoridectomia e infibulazione, uso di eunuchi, passaggi in testi religiosi, persino matrimoni anelli, sono meccanismi di assicurazione di paternità. Parlava dei seriveri dei califfi abassidi e dei sultani ottomani; sulle zenanas dei maharaja indiani; e sugli enormi harems della dinastia Zhou e della dinastia Tang – dove ai re era permesso una regina, 3 consorti, 9 mogli di secondo grado, 27 mogli di terzo rango e 81 concubine nel millennio prima dell'era attuale; e accumulato 10.000 donne o più nel millennio successivo. "Mentre gli antropologi come Irons e Chagnon sono impegnati a dimostrare agli scettici che il maschile RS * è effettivamente una funzione dello status socioeconomico, lo considero un dato di fatto", ha scritto.

E non ha mai dovuto scusarsi. "Non ho provato nulla in questo mélange errante di nozioni biologiche e di curiosità storiche ed etnografiche. Ho semplicemente ipotizzato, creando, spero, un modello coerente, seppur ipersensibile, "scrisse nella coda al suo primo trio di carte. Ma lo seguì, quasi 20 anni dopo, con questo. "Dopo un altro decennio e più osservando inchiostro versato e fondi sprecati (in campi diversi come la genetica umana, la demografia e il confronto interculturale) a causa della mancata partenza dalla storia naturale di base dei soggetti a portata di mano, che ha portato all'isolamento di variabili significative, devo riaffermare la mia dedizione a questo metodo di fare scienza. "

Negli anni dopo che Dickemann mi ha entusiasmato con la sua trilogia, altri storici darwiniani hanno preso la sua materia. L'antropologo evoluzionista, Jim Boone, aveva già iniziato a fare domande sulle dinamiche familiari nelle popolazioni del passato; e lo storico della scienza, Frank Sulloway, stava iniziando a usare l'evoluzione per rispondere alle grandi domande sulle rivoluzioni scientifiche. Altre storie darwiniane avrebbero seguito, con altri appassionati di storia, la conquista del Nuovo Mondo, il declino della violenza e l'ascesa dell'Occidente.

Ma prima dei grandi libri con un vasto pubblico, e prima dei demografi darwiniani, c'erano 3 documenti, pubblicati in luoghi oscuri, che riducevano l'intero edificio umano – dalla politica all'ideologia, alla religione e al matrimonio – alla competizione genetica. Per quanto ami leggere Jim Boone, Frank Sulloway e i loro successori, la bilancia mi cadeva dagli occhi quando leggevo quel lavoro. La storia è diventata scienza, e io sono stato impostato sul mio corso.

Perché Jeffrey Dickemann è venuto per primo.

RIFERIMENTI:

Dickemann, M. 1979. L'ecologia dei sistemi di accoppiamento in società di dote ipergynous. Informazioni sulla scienza sociale, 18, 163-195.

Dickemann, M. 1979. Infanticidio femminile, strategie riproduttive e stratificazione sociale: un modello preliminare. In NA Chagnon e WG Irons, eds., Biologia evoluzionistica e comportamento sociale umano: una prospettiva antropologica. North Scituate MA: Duxbury Press.

Dickemann, M. 1981. Fiducia paterna e competizione di dote: un'analisi bioculturale di purdah. In RD Alexander e DW Tinkle, eds., Selezione naturale e comportamento sociale: ricerca recente e nuova teoria. New York: Chiron Press.

FOTO CREDITS:

http://www.sfgate.com/bayarea/article/STORIES-FROM-THE-CAMPUS-CLOSET-UC-Berkeley-s-3237627.php

http://bancroft.berkeley.edu/ROHO/projects/rosie/

* Successo riproduttivo

Solutions Collecting From Web of "Jeffrey Dickemann è arrivato per primo"