Jasmine: The Smell of Revolution

L'identità di gruppo è forgiata in molti modi diversi, compresi gli stimoli sensoriali. Nel regno visivo, simboli comuni di lealtà, come la bandiera nazionale, consolidano la nostra connessione con un gruppo più ampio. Aurally, la musica funziona allo stesso modo: lo Star-Spangled Banner, ad esempio, scatena forti reazioni emotive e patriottiche in contesti diversi, e diversi generi di musica costruiscono sotto-comunità. L'olfatto non è meno uno stimolo per le risposte collettive. Esistono collegamenti intrinseci tra posizioni geografiche, odori ambientali e comportamenti umani in tutto il mondo. Il profumo di un semplice fiore può connettere le persone in modi inaspettati, lavorando come inni inconsci, invisibili e inudibili della mente di gruppo. La chimica di un profumo floreale si imprime inconsciamente nelle menti di persone a lungo esposte alle sue strutture molecolari, portando in definitiva a una memoria collettiva e identità forgiata attraverso il profumo stesso.

Anni fa, ho deciso di trovare i più importanti profumi naturali per gli esseri umani, al fine di rendere quello che io chiamo un "odore del mondo". Qual è stato il più popolare? Gelsomino. Gli arbusti di gelsomino, con il loro profumo complesso e profondo, sono una pianta dominante del Medio Oriente e del Nord Africa. Il profumo è parte della chimica sensoriale comune della popolazione, una familiarità impressa nella memoria a lungo termine.

In tutto il Medio Oriente e oltre, le molecole di odore del gelsomino, che fioriscono quasi continuamente in quella parte del mondo, sono significative e significative in vari modi. Un attributo notevole dell'essenza intensa e dolce emessa dai grappoli di fiori bianchi a forma di stella è la sua proprietà chimica che produce una ben nota risposta euforica. Molte persone con cui ho parlato in anni di ricerche etnobotaniche mi hanno assicurato che Jasmine manda messaggi olfattivi ispiratori che comunicano speranza, fiducia e ottimismo. Questo è qualcosa che la popolazione di questa regione condivide e fa parte del suo potere unito.

Per quanto riguarda il cervello olfattivo, la mente e l'ambiente circostante sono un unico ecosistema. Gli odori naturali che sono diventati iconici in una cultura sono associati a esperienze e modi di vita; quindi, questi profumi assicurano associazioni di luogo positive. Le sensazioni che producono fungono da stimoli della memoria culturale e spesso diventano più evidenti quando un individuo spostato o trasferito percepisce quell'odore in un contesto o ambiente diverso e automaticamente pensa al loro luogo di origine: la loro casa.

L'emergere e l'uso del nome, The Jasmine Revolution, per descrivere il movimento in corso in Nord Africa e Medio Oriente e ora in Cina (la parola Jasmine è stata bloccata sul più grande micro blog su Twitter della Cina) è sia simbolico che spontaneo, è un'indicazione della sua autenticità e promessa. Definisce un forte senso di gruppo, aggiungendo significato al tipo di collettivo umano che vuole trascendere pacificamente alla libertà e al controllo del proprio destino. L'ammassamento di decine di migliaia rappresenta un meccanismo chemosensoriale sottostante di conoscenza condivisa, ma inconscia, per cui le persone sono confluite emotivamente. L'uso del termine indica e rende omaggio alla coesione dei rivoluzionari e al loro numero come mezzo di cambiamento. Nell'un l'altro, e nella loro chimica di gruppo feltro, vedono la speranza per una nuova e migliore regione.

Nel 1998, mentre stavo lavorando alla creazione del profumo mondiale, World Sensorium, ho installato la mostra One Billion, Four Hundred Ninety-Five Million, Eight Hundred Fifty-Five Thousand, Twenty-Four (1.495.852.024) in una galleria in New York City. Il numero rappresenta la popolazione totale nell'anno 2000 di Cina, Pakistan, Algeria, Kenya, Arabia Saudita, Tunisia, Paraguay, Macao e Gibuti, i paesi che identificavano il gelsomino come il loro profumo più significativo dal punto di vista culturale. Proprio come il 1.495.852.024 rappresenta il 24,5862% della popolazione mondiale nel 2000, il gelsomino costituisce il 24,5862% della formula della scultura mondiale sociale-olfattiva. Nell'installazione, la composizione di diverse specie di gelsomino, formulate sulle percentuali di popolazione dei paesi, è stata diffusa nello spazio della galleria.

Alle pareti c'erano numerosi trittici, ciascuno formato da un ritratto di folla scattato da un fotoreporter, giustapposto a una foto ravvicinata di fiori di gelsomino. Al centro c'era una bottiglia di una miscela di olio essenziale di gelsomino incisa con il numero di persone in quel paese. La principale preoccupazione estetica di ogni trittico era la composizione complessiva del massing, cioè il pattern creato dai singoli corpi o fiori. Le immagini del gelsomino sono state scattate nel tentativo di ricreare dalla memoria gli schemi compositivi delle immagini fotogiornalistiche che si ammassano. La natura multimediale dei trittici e il profumo diffuso del gelsomino stabiliscono i legami tra l'umanità e i profumi naturali.

Le componenti individuali di World Sensorium sono definite dagli odori distintivi della memoria culturale mondiale – gli odori che catturano una conoscenza storica fondamentale posseduta dalla cultura di una contea che si è sviluppata attraverso il senso olfattivo e ne definisce parte la sua chimica. Nei risultati della ricerca World Sensorium, i rappresentanti della Tunisia hanno dichiarato ufficialmente: "La Tunisia era l'antico sito di Cartagine e una provincia fondamentale di imperi arabi e turchi … Il gelsomino è l'odore che la gente preferisce. Lo coltivano da soli, quindi ce n'è un sacco in tutto il paese. Il gelsomino non è solo il nostro fiore nazionale; la sua fragranza è una delle preferenze e la tradizionale familiarità regionale ".

Anche l'Algeria ha riconosciuto che "tutti crescono Jasmine". L'acqua del gelsomino viene conservata nelle case e cosparsa sugli ospiti per accoglierli. Sebbene l'Egitto sia rappresentato da Lotus in World Sensorium, la specie Jasminum sambac è stata originaria del paese fin dall'antichità e utilizzata nei primi profumi della civiltà. Oggi alcuni dei migliori oli essenziali di gelsomino disponibili nel mondo provengono dall'Egitto. La Giordania ha offerto una visione più ampia del profumo nel mondo arabo, "La storia della fragranza è forte nell'Islam. Il Corano ha stabilito che devi essere pulito e di buon profumo davanti a Dio. La pulizia fisica è uno dei principi. Sii al meglio dei tuoi vestiti e dei tuoi profumi. Questo è il motivo per cui le case di essenza si trovano accanto alle moschee. I vecchi profumi erano Jasmine e Amber. "

La rivoluzione dei gelsomini è una rivoluzione senza leader del popolo: individui alleati in un unico, determinato movimento democratico formato da massicci cittadini di società arabe, che sono collegati dal profumo impresso di Jasmine. Questa relazione in evoluzione continua a fornire informazioni sia simbolicamente che metabolicamente. I modelli olfattivi e le loro connessioni sono un altro modo di guardare il mondo come una mappa di informazioni. Questi modelli sono influenzati dalla geografia, dalla posizione planetaria, dalle migrazioni e dalla diffusione culturale. Sono intrinseci a una coscienza determinata dal punto di vista ambientale, da cui derivano pratiche culturali e riti di passaggio. Questa non è la prima rivoluzione della gente ad essere identificata con la flora e il profumo iconico: la Rivoluzione dei Cedri del Libano del 2005 e la Rivoluzione dei garofani del Portogallo del 1974 ne rappresentano altri.

L'evoluzione del nostro uso di piante, come il gelsomino, può essere rintracciata attraverso la medicina, la mitologia, la religione e l'antropologia. Gli odori naturali sono potenti e la nostra lunga associazione culturale con materiali naturalmente aromatici continua a plasmare il nostro mondo. Di tutti i nostri sensi, il nostro senso dell'olfatto dura più a lungo. Si sviluppa prima della nascita ed è il nostro ultimo senso ad andare quando moriamo. Poiché una parte molto grande del nostro cervello è dedicata alla funzione olfattiva, possiamo ricordare un odore per tutta la vita.

Lucrezio, il poeta filosofico romano, ha detto che "con l'olfatto percepiamo l'anima delle cose". Il nostro naso ha un ruolo molto importante in chi siamo e nelle nostre relazioni, compresa la politica mondiale del nostro futuro. Gli ordini sociali sono stati a lungo costruiti con la comunicazione simbolica.

Copyright © 2011, di Gayil Nalls

Solutions Collecting From Web of "Jasmine: The Smell of Revolution"