Jack the Ripper identificato

Jack the Ripper, Wicked Deeds, Dr. Scott Bonn

La storia di Jack lo Squartatore coinvolge cinque brutali uccisioni di prostitute tra l'agosto e il novembre del 1888 nella zona di Whitechapel a Londra, in Inghilterra. La leggenda narra che il perpetratore si chiamava Jack lo Squartatore in lettere che aveva inviato alla polizia di Londra, prendendo credito per i crimini. Si credeva comunemente che lo Squartatore fosse un medico a causa del taglio significativo dei corpi delle vittime.

Il caso Ripper è stato il primo caso di serial killer della storia a causare una diffusa frenesia mediatica e ciò è stato causato dalla proliferazione di giornali economici in grande formato nella Londra vittoriana alla fine del XIX secolo. Nell'autunno del 1888, all'apice della follia omicida dello Squartatore, ogni giorno venivano venduti un milione di giornali con storie aggiornate sul caso, una circolazione senza precedenti di giornali all'epoca.

Il caso Jack lo Squartatore ha generato un eccesso di teorie cospirative sulla sua identità nel corso degli anni. In realtà, ci sono almeno 100 diverse teorie sull'identità di Jack lo Squartatore. Uno dei più colorati riguarda una famiglia reale britannica e i massoni. In effetti, gran parte della leggenda di Jack lo squartatore è pura mitologia, compresa l'immagine iconica del cappello a cilindro che indossa questo gentiluomo che accompagna questo articolo.

Credo che Jack lo Squartatore fosse in realtà un povero ebreo polacco pazzo con tendenze omicide chiamato "David Cohen" che fu ammesso al manicomio di Colney Hatch a Londra, nel dicembre 1888. Morì nel manicomio nell'ottobre del 1889. Il nome David Cohen è uno pseudonimo simile a "John Doe" che gli è stato dato perché il suo vero nome non è mai stato determinato o almeno non registrato.

Ecco la mia motivazione per identificare David Cohen come Jack lo Squartatore. Innanzi tutto, le prove forensi supportano questa conclusione. In quella che viene spesso citata come la prima applicazione delle tecniche di profilazione criminale, i medici londinesi George Phillips e Thomas Bond hanno usato i risultati dell'autopsia e le prove del crimine nell'autunno del 1888 per fare previsioni rudimentali ma informate sulla personalità, le caratteristiche comportamentali e lo stile di vita di Jack lo Squartatore.

Nella sua relazione scritta dopo aver esaminato le prove forensi disponibili, compresi i corpi, il dottor Thomas Bond ha concluso che "tutti e cinque gli omicidi sono stati commessi senza dubbio dalla stessa mano … le donne devono essere state sdraiate quando sono state uccise e in ogni caso la gola era Per prima cosa, il dottor Bond ha dichiarato che Jack lo squartatore non aveva alcuna preparazione medica o conoscenza dell'anatomia, nonostante l'estensiva riduzione e mutilazione delle sue vittime da parte dell'assassino.

Questa audace affermazione del Dr. Bond si oppose direttamente a ciò che le autorità di polizia avevano precedentemente concluso: che Jack lo Squartatore era un medico o aveva una formazione medica a causa del fatto che aveva rimosso gli organi interni da alcune delle sue vittime. Il dottor Bond raggiunse le sue conclusioni dopo aver notato che le ferite aperte dallo Squartatore non erano coerenti con l'addestramento di un esperto medico o "anche le conoscenze tecniche di un macellaio o di un macellaio di cavalli".

Secondo l'opinione del dottor Bond, l'assassino deve essere stato "un uomo dalle abitudini solitarie, soggetto a periodici attacchi di mania omicida ed erotica, e il carattere delle mutilazioni che probabilmente indica" satiriasi "o desiderio sessuale incontrollabile.

Basato su un approccio stabilito dall'FBI per classificare i predatori seriali, lo Squartatore era un killer "disorganizzato". I crimini disorganizzati non sono pianificati e il criminale lascia tipicamente prove come impronte digitali o sangue sulla scena dell'omicidio. Spesso non c'è alcun tentativo di spostare o altrimenti nascondere il cadavere dopo l'omicidio. I criminali disorganizzati sono spesso pazzi. Hanno anche carenti capacità comunicative e sociali.

Gli assassini disorganizzati spesso "blitz" le loro vittime – cioè, usano la forza improvvisa e travolgente per catturarli e ucciderli. Il corpo della vittima di solito è lasciato dove è avvenuto l'attacco e l'assassino non fa alcun tentativo di nasconderlo. In tutti questi aspetti, Jack lo squartatore è un classico esempio del serial killer disorganizzato.

Lo Squartatore aveva anche quella che è nota come firma. La firma non è richiesta per commettere il crimine. Piuttosto, serve i bisogni emotivi o psicologici del colpevole. La firma proviene dalla psiche del reo e riflette una profonda necessità di fantasia che l'assassino ha sulle sue vittime. La firma può comportare mutilazione o smembramento del corpo della vittima.

La firma di Jack lo Squartatore fu l'estensivo hacking e mutilazione dei corpi delle sue vittime che caratterizzarono tutti i suoi omicidi. Inoltre, Jack lo Squartatore pose a volte i corpi nudi delle sue vittime con le gambe divaricate per colpire gli spettatori e la polizia nell'Inghilterra vittoriana.

David Cohen si adatta perfettamente al profilo di Jack lo squartatore. Fu ammesso al manicomio di Colney Hatch solo un mese dopo l'omicidio di Mary Kelly, la vittima finale dello Squartatore. I documenti del manicomio mostrano che Cohen aveva "tendenze omicide e un grande odio per le donne".

Cohen avrebbe manifestato tendenze violente e distruttive durante il manicomio e dovette essere trattenuto in ogni momento. Coerentemente con il profilo di un killer disorganizzato, David Cohen era praticamente non comunicativo.

Anche il riferimento a David Cohen è il fatto che una teoria di spicco di Scotland Yard in quel periodo, e persistente fino ad oggi, dice che Jack lo Squartatore era un "ebreo polacco di basso livello e un maniaco sessuale che viveva a Whitechapel". Come notato dall'autore e Ripper lo storico Martin Fido, David Cohen è l'unico pazzo ebreo polacco che è stato impegnato in un manicomio al momento giusto per gli omicidi di fermarsi come hanno fatto, e l'unico povero pazzo registrato ammesso a Colney Hatch tra il 1888 e il 1890 che si adatta al sospetto descritto di Scotland Yard.

Il profiler del leggendario FBI John Douglas ha anche affermato che David Cohen si adatta al profilo comportamentale dello Squartatore.

Signore e signori, incontrate Jack lo Squartatore. Era un pazzo omicida conosciuto solo come David Cohen che morì in un manicomio nel 1889.

Offro informazioni scioccanti sulle motivazioni, le fantasie e le cattive azioni dei serial killer nel mio nuovo libro "Why We Love Serial Killers: The Curioso Appello degli assassini più selvaggi del mondo." Per leggere le recensioni e ordinarle ora, fare clic su: http: //www.amazon.com/dp/1629144320/ref=cm_sw_r_fa_dp_B-2Stb0D57SDB

Dr. Scott Bonn è professore di sociologia e criminologia presso la Drew University. È disponibile per la consultazione e per i commenti sui media. Seguilo @DocBonn su Twitter e visita il suo sito Web DocBonn.Com

Solutions Collecting From Web of "Jack the Ripper identificato"