Jack Sprat, sua moglie e la dieta Atkins

Ti ricordi la vecchia filastrocca? Jack Sprat non mangiava grasso, sua moglie non mangiava magro, e tra loro, leccavano il piatto pulito. La signora Sprat era a dieta a basso contenuto di carboidrati / grassi? Stava riempiendo il suo piatto di colesterolo alto, proteine ​​ad alto contenuto di grassi come pancetta, salsiccia, tuorli d'uovo e formaggio? Se è così, la povera signora Sprat potrebbe ora essere in una unità di terapia intensiva cardiaca in ripresa da un attacco di cuore.

Secondo un team di ricerca greco che ha seguito la salute e lo stile di vita di oltre 43.000 donne svedesi per più di 15 anni, l'aumento dell'assunzione di proteine ​​e la diminuzione del consumo di carboidrati è associato a un significativo aumento di malattie cardiache, ictus e arteriopatie periferiche insieme ad altre malattie cardiovascolari i problemi. Questo studio è stato segnalato online sul British Medical Journal . L'editoriale del giornale di accompagnamento suggeriva che la dieta a basso contenuto di carboidrati probabilmente contribuiva a un consumo inadeguato di cereali integrali, frutta e verdure amidacee e la mancanza di fibre, vitamine e minerali poteva essere associata a malattie cardiache.

Le donne hanno assunto un regime alimentare a basso contenuto di carboidrati e proteine, tentando di perdere peso o mantenere la perdita di peso? Lo studio non ci dice. Ma la decennale popolarità dei carboidrati sfavorevoli a favore delle proteine ​​ad alto contenuto di grassi potrebbe essere stata la motivazione per abbandonare cereali, patate e pane.

Alcune prove molto recenti suggeriscono che potrebbe essere un leggero vantaggio seguire una dieta ricca di proteine ​​e povera di carboidrati per perdere peso. David Ludwig, direttore di un centro per la prevenzione dell'obesità presso il Childrens 'Hospital di Boston, è stato autore di uno studio che ha confrontato diverse diete sulla spesa energetica. In questo studio, pubblicato sul Journal of American Medical Association , mangiare una dieta ricca di proteine ​​ha aumentato il dispendio energetico di circa 300 calorie al giorno (un po 'meno delle calorie in un bagel).

Ma prima di nutrire le patate e le briciole di pane con gli uccelli locali del tuo vicinato, considera un altro risultato di questo studio. L'aumento del consumo di proteine ​​ha anche causato l'aumento dell'ormone dello stress cortisolo insieme ad un'altra sostanza chimica, la CRP, che aumenta con l'infiammazione. L'aumento di queste due sostanze è associato a un rischio maggiore di sviluppare sia malattie cardiache che diabete. Questo potrebbe essere stato il motivo della maggiore incidenza di malattie cardiovascolari tra le donne svedesi che consumavano una dieta ricca di proteine? Una dieta ricca di proteine ​​ti lascia magro ma a rischio di morire giovane?

La signora Sprat, ora magra e a rischio di malattie cardiache, secondo entrambi questi studi, potrebbe anche soffrire di un persistente caso di scontrosità. I nostri studi, pubblicati diversi anni fa sul Journal of Nutrition, hanno trovato il "buon umore" chimico, la serotonina, diminuito nel cervello dei topi di laboratorio quando gli sono stati negati i carboidrati. Le diete che riducono drasticamente i carboidrati amidacei e limitano la loro assunzione di frutta e verdure non amidacee limitano la capacità del cervello di produrre nuova serotonina. Il cervello delle donne ha meno serotonina del cervello degli uomini per iniziare e una dieta a basso contenuto di carboidrati può lasciare la signora Sprat vulnerabile ai cattivi stati d'animo associati a troppa serotonina, che includono rabbia, stanchezza, confusione, tensione e depressione. (Povero Mr. Sprat ).

Sfortunatamente lo studio delle donne svedesi non riportava la prevalenza di depressione, sindrome premestruale grave o depressione invernale, quindi non sappiamo se quelle donne che seguivano diete a basso contenuto di carboidrati / proteine ​​fossero più inclini a questi disturbi dell'umore correlati alla serotonina rispetto a i loro carboidrati mangiano i coetanei. Ma sia gli studi svedesi che quelli di Boston fanno notare che i cambiamenti alimentari adottati come mezzo per perdere peso potrebbero avere rischi per la salute inaspettati e non intenzionali.

La letteratura scientifica è ricca di studi che confrontano la dieta X con la dieta Y e Internet è piena di numerose testimonianze su un modo particolare di perdere peso. Alla fine niente di questo è molto utile a qualcuno che deve perdere 50 o più chili e semplicemente non può perderlo o perderlo e tenerlo fuori. La perdita di peso deve soddisfare le esigenze nutrizionali e psicologiche individuali di dieter, non solo per le 12 o 16 settimane di dieta, ma in modo permanente. Possiamo leggere i risultati dello studio svedese femminile o dello studio David Ludwig ma non sappiamo ancora come utilizzare queste informazioni per i nostri obiettivi di perdita di peso.

Forse il modo per iniziare è capire perché mangiamo più del necessario e perché non esercitiamo tanto quanto dovremmo. Le risposte non si trovano nelle diete ad alto contenuto di grassi rispetto a quelle a basso contenuto di grassi, nel cibo crudo rispetto a quello cotto, nel camminare contro lo yoga o nel sollevamento pesi rispetto alle bande di resistenza. Perché la signora Sprat mangiava solo grasso? Era infelice con suo marito e si consolava con pancetta e formaggio? Si è esercitata in seguito o il grasso l'ha resa troppo letargica per spendere energia su qualcosa di diverso dal mangiare?

Tutti noi abbiamo le nostre ragioni per eccesso di cibo e sotto esercizio. Capire cosa sono e ottenere aiuto nel cambiarli è la chiave per il successo della perdita di peso e una vita sana, anche per la signora Sprat.

Solutions Collecting From Web of "Jack Sprat, sua moglie e la dieta Atkins"