Jack, ci siamo appena conosciuti

All'inizio di questo mese, ho letto della morte di "Dr. Morte "(come la stampa si riferiva così affettuosamente a lui), Jack Kervorkian. Il trapasso di questo uomo così indissolubilmente legato alla mente del pubblico con la morte mi ha spinto a concentrarmi un po 'sulla vita in queste calde e calanti settimane di primavera.

Forse è solo lo spettro del turno di una nuova stagione, o vedere i neolaureati festeggiare al buffet cinese locale, ma ho appena avuto problemi a gettare quel senso dell'inevitabile morte di Kervorkian. È una versione a basso contenuto calorico di ciò che i malati cronici e quelli nel dolore cronico devono sperimentare mentre affrontano l'immediatezza della morte con l'assistenza.

Kervorkian ci ha fatto considerare se la nostra stessa mortalità fosse proprio quella – la nostra. Per alcuni, era un eroe: un sostenitore del diritto dei malati terminali a morire con dignità. Per gli altri, ha approfittato delle persone confuse che soffrono di dolore cronico e depressione, e un rifiuto di esplorare strade che potrebbero potenzialmente portare al benessere; sembrava quindi quasi impaziente di guarire e concentrato sull'uccisione.

Ovviamente, il dibattito, sia esso in sé o tra i più polari dei protagonisti, per quanto riguarda i problemi di fine vita è in corso da secoli. Nella società odierna, il dibattito ha come sfondo la promozione della scelta nei processi decisionali alla fine della vita, l'importanza dell'autodeterminazione e il dono della moderna tecnologia della capacità degli operatori sanitari di sospendere e ritirare le terapie che sostengono la vita. E nella società di oggi, i pazienti hanno il diritto di rifiutare il trattamento, compreso l'utilizzo di terapie che sostengono la vita. Hanno anche il diritto di chiedere un migliore controllo del dolore, anche se li uccide letteralmente.

Hanno anche il diritto all'assistenza nel provocare la morte per motivi compassionevoli?

L'eutanasia implica il diritto di essere sollevati dal dolore e dalla sofferenza, una massima espressione di autonomia che negli occhi dell'osservatore potrebbe contraddire o rafforzare qualsiasi pretesa di compassione. È molto difficile per un paziente anziano prendere decisioni riguardo alla scelta del pasto serale di quella sera, per non parlare della decisione di porre fine alla vita, quando quel paziente è in una nebbia a causa dell'ultimo bolo di morfina.

La realtà del movente deve essere considerata in questo contesto: il paziente viene costretto, forse perché è in atto un'eredità generosa? Il paziente è veramente terminale? La squadra medica è così divina da essere in grado di prevedere senza errori la data di morte o l'impossibilità di alleviare il dolore?

Questo porta agli argomenti di "pendenza sdrucciolevole" che l'accettazione comune dell'eutanasia porterà all'eutanasia per qualsiasi motivo e per chiunque. Per evitare di scivolare, avremo bisogno di una definizione di "dolore intollerabile", una delineazione delle "condizioni terminali" e la garanzia che l'eutanasia non è la porta di uscita quando il recupero sotto forma di una lunga degenza ospedaliera sembra troppo costoso.

L'eutanasia non dovrebbe essere semplicemente un'opzione facile per i medici che hanno deficit quando si tratta di curare il dolore cronico, alleviare la depressione o portare un senso di dignità a coloro che stanno trattando.

Kervorkian a un certo punto ha chiesto di lasciare il carcere a causa della cattiva salute, ma a quanto pare non si è mai considerato un candidato per il suicidio assistito. Ammise di essere "spaventato" dalla morte come nessuno di noi, ma sentì anche che quelli che desideravano la morte con dignità lo meritavano. Malattia e tutto, è arrivato all'età di 83 anni.

Se il dilemma della morte con la dignità dovesse colpire qualcuno di noi, faremo ciò che Jack ha fatto all'inizio di questo mese, o faremo quello che Jack ha detto per tutti quegli anni?

Solutions Collecting From Web of "Jack, ci siamo appena conosciuti"