Jack Be Nimble: serial killers che sono sfuggiti alla custodia

Predatori come Ted Bundy sono abili nell’identificare opportunità di fuga.

K. Ramsland

Fonte: K. Ramsland

La recente serie Netflix, Conversations with a Killer: The Ted Bundy Tapes, presenta la fuga di Ted Bundy dalla custodia in due diversi incidenti. Prima a metà del 1977, notò un’opportunità mentre si trovava nella Biblioteca della contea di Pitkin, in Colorado. Stava leggendo Papillon , un libro su un’audace prigione in fuga dall’Isola del Diavolo. Saltando da una finestra del secondo piano mentre nessuno guardava, corse nel deserto. Mal equipaggiato per le condizioni di montagna, alla fine è stato catturato. Tuttavia, rimase vigile e preparato per un’altra opportunità. Alla fine di quell’anno, Bundy perse abbastanza peso da attraversare un buco nel soffitto della sua cella nel carcere di Colorado, nella contea di Garfield. È finito in Florida, dove ha ucciso altri tre prima di essere catturato.

Anche altri serial killer erano abili a sfruttare opportunità. Nel 1918, Earle Leonard “Gorilla Man” Nelson fu messo in un’istituzione psichiatrica dopo numerose incarcerazioni. Trovò il posto facile da fuggire e lasciò così tante volte che “Houdini”, come lo chiamavano, fu finalmente dimesso. Nel corso di due anni, ha ucciso due dozzine di persone. Preso in Canada, sfuggì alla custodia, in parte perché era così piacevole che gli ufficiali pensavano di avere l’uomo sbagliato. Nelson salì su un treno, dove la fortuna finì. Diversi detective a bordo lo hanno riconosciuto e arrestato. Fu giustiziato nel 1928.

A volte questi assassini fuggono come parte di una coorte. Nel 1993, Donald Leroy Evans, che aveva ucciso una ragazza senzatetto e due prostitute, stava aspettando il suo processo nel carcere della Contea di Harrison, nel Mississippi. Con altri tre detenuti, tirò uno stinco su una guardia e scese. Fu catturato in un giorno, non lontano dalla prigione.

Durante l’estate del 1978, Randy Greenawalt condivise una cella nella prigione statale dell’Arizona con Gary Tison. Greenawalt aveva ucciso un camionista e aveva confessato altri due omicidi. Il 30 luglio, i figli di Tison li ruppero entrambi. Sono scappati in una Lincoln Continental. Quando una gomma ha soffiato vicino al confine con la California, un uomo si è fermato per aiutare e ha pagato con la sua vita, insieme a quella di sua moglie, suo figlio e sua nipote. I fuggiaschi hanno preso la sua macchina. Presumibilmente hanno assassinato un’altra coppia in Colorado per cambiare i veicoli prima di mettere in atto un posto di blocco della polizia. Greenawalt è stato catturato, ma Tison è fuggito nel deserto dell’Arizona, dove è morto per esposizione.

Anche i serial killer di sesso femminile sono riusciti a scappare. Dorothy Puente se n’è andata mentre la polizia stava scavando i cadaveri delle sue vittime dal suo giardino in California. Non ancora sospettata, approfittò della sua apparizione come una gentile signora anziana per andarsene prima che la arrestassero (ma la catturarono). Lyda Trueblood è stato condannato all’ergastolo per aver avvelenato quattro mariti, una figlia e un cognato. Era stata una modella prigioniera per un decennio, quindi le guardie abbassarono la guardia, per così dire. Rimuovendo una sbarra dalla finestra della sua cella, scosse una fune da lenzuolo. Rimanendo libero abbastanza a lungo da risposarsi, Trueblood è tornato nel clink 15 mesi dopo.

Un altro killer che ha usato le lenzuola era Hugo Selenski. Le autorità avevano cercato nel suo cortile nel 2003 e scoperto i corpi di un farmacista scomparso, la ragazza del farmacista e tre serie di resti umani carbonizzati. Alla fine, lo hanno condannato per aver strangolato il farmacista e la sua ragazza durante una rapina. Selenski, 41 anni, aveva brutalmente picchiato l’uomo per fargli rivelare la posizione dei suoi soldi. Subito dopo l’arresto di Selenski, sfilò una corda dalle lenzuola della sua cella e fuggì. Rimase libero per tre giorni, innescando una caccia all’uomo, prima di consegnarsi.

Un killer canadese è riuscito ad acquisire una carta di credito mentre era in prigione. Trovato colpevole dell’omicidio nel 1971 di Elizabeth Porteous, Wayne Boden confessò a tre altri e ricevette quattro ergastoli. Nel 1977 ha acquistato una carta American Express. Ammesso in un giorno, Boden è fuggito. Per due giorni, nessuno sapeva dov’era. Alla fine, la polizia lo ha trovato a Montreal, a pranzo.

In quasi tutti i casi, il predatore era pronto. Lui o lei ha guardato per un’opportunità, non importa quanto tempo ci è voluto, e ha capitalizzato su procedure scivolose o personale lento. In alcuni casi, hanno ucciso di nuovo.

Solutions Collecting From Web of "Jack Be Nimble: serial killers che sono sfuggiti alla custodia"