"It's a Wonderful Life" (The Sequel)

Davvero, non c'è più niente di sacro? Frank Capra, il regista straordinariamente talentuoso del secolo scorso, deve essere travolto nella tomba con la notizia che un sequel del suo iconico film Holiday, "It's a Wonderful Life" è ora in lavorazione.

Potrei essere fuori passo nel mondo di oggi, ma secondo me ci sono alcune cose che non dovrebbero essere tollerate. Uno è un dramma di Shakespeare fatto in abiti moderni. Un altro è un sequel o remake di un film classico. Entrambe dovrebbero essere dichiarate fuorilegge, se non illegali, per lo meno immorali e forse immorali!

Abbiamo visto l'originale "It's a Wonderful Life" centinaia di volte nel corso degli anni, nei cinema e in televisione, specialmente durante le vacanze. Ormai, tutti conoscono la storia del povero George Bailey (interpretato da Jimmy Stewart), residente nella finta cittadina di Bedford Falls, che diventa così scoraggiato da una serie di brutte pause che contempla il suicidio. Ho visto il film per la prima volta nel 1946, l'anno in cui è uscito, ma ero solo un ragazzino della scuola media, e non vedevo davvero di cosa si trattasse. Da allora, ho acquisito una comprensione più matura di persone che sono spinte dalla disperazione a farla finita con se stesse e ad apprezzare ciò che devono attraversare. Si chiama crescere.

Ma torniamo al film e al disperato George Bailey sul punto di suicidarsi. Entra in un angelo anziano, giusto in pochissimo tempo, per riportare George nella sua vita, proprio come fece Ghost of Christmas Past per Ebenezer Scrooge, e mostrargli cosa sarebbero state senza Bedford Falls e le persone che vi abitavano. È questa realtà alternativa che convince George che la vita è davvero degna di essere vissuta, finché hai amici e parenti che ti amano e hanno bisogno di te.

Fine della storia. Fine del film, "È una vita meravigliosa". O così abbiamo pensato. Ma come notato sopra, c'è un seguito in lavorazione. Le persone responsabili devono essere affette da qualcosa chiamata "sindrome del copione". (Il dizionario definisce "imitazioni" come persone che imitano il comportamento, l'abito o le idee altrui. Nella sua forma più sinistra può riguardare un'azione o un crimine, come in omicidi copiosi.)

Anche se non è grave quanto l'omicidio, fare film copiato mostra una spaventosa mancanza di originalità, per non parlare del rispetto per il lavoro dei maestri nel loro campo. Queste persone non hanno idee proprie, quindi lavorano con la sceneggiatura di qualcun altro. E ho letto che ciò che hanno fatto i produttori del sequel di questo film è di girare tutto intorno per adattarlo alla nostra società sbiadita del XXI secolo. Il personaggio principale non è George Bailey, ma suo nipote. E lui non è un bravo ragazzo. In effetti, è un idiota. In questa versione l'angelo non gli mostra quanto peggio la vita a Bedford Falls sarebbe senza di lui, ma quanto meglio! Suppongo che potresti chiamarla un'idea originale, di sorta. Per inciso, il film in produzione ora è previsto per il rilascio nel 2015, giusto in tempo per Natale.

Quali sono le prospettive, mi chiedo? Un remake di copia o sequel di "It Happened One Night", un altro classico di Frank Capra? Ora, sarebbe un crimine!

A questo punto mi viene in mente un altro vecchio film, "Love in the Afternoon", in cui Gary Cooper dice a una giovane Audrey Hepburn, "Quando hai una combinazione vincente, perché scherzare?"

I miei sentimenti esattamente. E quando hai dei grandi film classici, perché scherzare con loro?

Solutions Collecting From Web of ""It's a Wonderful Life" (The Sequel)"