Istruzione: sistema di scuole secondarie a due binari un must per la riforma dell'istruzione

C'è un sacco di chiacchiere e ancora più soldi vengono banditi in questi giorni in nome della riforma dell'istruzione pubblica (leggi l'educazione pubblica per i poveri). E alcune delle parole che portano il cuore degli educatori "THUMP, THUMP" (alcune con eccitazione, altre con trepidazione) sono responsabilità, test, valore aggiunto e scuole charter. Sfortunatamente, due parole che sembrano mancare ampiamente da queste discussioni (e finanziamenti) sono studenti e curriculum che, a mio avviso, sono i più importanti.

Studenti perché, in teoria, tutti gli sforzi e i dollari spesi negli ultimi 50 anni sono stati, apparentemente, dedicati ad aiutare quel particolare segmento della popolazione a ottenere una migliore istruzione pubblica. Anche se non lo sapresti mai da tutti i suoni sonori che hai sentito sulla riforma della pubblica istruzione, gli studenti sono stati i destinatari presumibilmente fortunati dei risultati sconvolgenti (strada per l'inferno) che provenivano da buone intenzioni (pavimentate con loro) per decenni.

Curriculum perché, nonostante tutti gli argomenti per le altre cosiddette innovazioni per riformare l'orrendo stato dell'educazione pubblica, un curriculum efficace è un contributo essenziale per fornire effettivamente un'istruzione di qualità e per colmare il divario dei risultati spesso menzionato. Un curriculum di livello superiore fornisce agli studenti le conoscenze e gli strumenti (metaforicamente e letteralmente, più su questo a breve) per andare al college, stabilire una carriera che fornisce un salario di sussistenza e diventare cittadini responsabili.

Forse perché pochi educatori (almeno quelli al potere) sembrano apprezzare appieno l'importanza del curriculum, sembra essersi bloccato in una distorsione temporale a metà del secolo scorso. Certo, ci sono stati cambiamenti nei curricula nel corso degli anni con corsi aggiunti per riflettere i nostri cambiamenti demografici, ma, per la maggior parte, gli stessi argomenti di base sono rimasti invariati per anni.

Ora è il momento di riconnettere il curriculum con la realtà dell'America del XXI secolo. Quella realtà è che non tutti, nonostante le proteste aspirazionali di alcuni, vogliono o sono in grado di andare al college (sia intellettualmente che finanziariamente). Un'altra realtà è che non ci sono abbastanza posti nelle aule universitarie disponibili per tutti i diplomati. Date queste realtà, propongo uno spostamento nel curriculum per offrire un'istruzione a due binari nelle scuole superiori: una pista che prepara gli studenti per l'istruzione superiore e l'altra pista che prepara gli studenti per un mestiere qualificato (carpentieri, elettricisti, idraulici, tecnici automobilistici, saldatori, pipefitters, ecc.).

Mi rendo conto che questa idea non è nuova; è stato sul tavolo (anche se un tavolino) per anni e alcune forme di un curriculum a due piste sono state implementate a vari livelli in tutto il paese (es. classe di negozio, riparazione auto, economia domestica). Ma questa nozione, che in realtà considera i bisogni degli studenti, non ha ricevuto l'attenzione che merita, anche se ha guadagnato alcuni convertiti in seguito al rilascio di un rapporto che indica che nei prossimi anni ci sarà una carenza di lavoratori qualificati. E, dato l'esodo di massa dei lavori manifatturieri negli ultimi anni, i mestieri qualificati sono una delle poche carriere non universitarie che non possono essere esternalizzate (non si può avere un idraulico a Mumbai per sistemare il rubinetto che perde) e che può ancora fornire una parvenza di un'esistenza borghese (hai visto le tariffe orarie per idraulici ed elettricisti ultimamente ?!).

La resistenza a un curriculum a due tracce deriva da due mentalità primarie. Innanzitutto, molte persone sostengono l'idea che un'educazione alle arti liberali, che comprende un vasto programma di studi che include storia, letteratura, lingue, filosofia, matematica, scienze e arti, e che i curricula scolastici offrono praticamente, è importante per tutti gli studenti. Io sono un grande sostenitore (e destinatario) di un'educazione di arte liberale, ma abbiamo bisogno di stare al passo con i tempi (di sconvolgimenti economici, incertezza e disparità) e ammettere che un'educazione alle arti liberali, specialmente al liceo e persino al college livello, è un lusso che la maggior parte degli studenti non può permettersi. Perché? Perché non è utile.

Sebbene Shakespeare, Renoir e Descartes siano affascinanti da studiare, non prepareranno molti studenti per la vita nel mondo reale (sebbene, ammettiamolo, ci siano molte lezioni di vita, anche se indirette, da apprendere da loro). Invece di economia, la maggior parte degli studenti ha bisogno di corsi di finanza. Piuttosto che la storia, la maggior parte degli studenti ha bisogno di corsi nei punti chiave del nostro sistema politico. Al posto della biologia, la maggior parte degli studenti ha bisogno di corsi in materia di salute, alimentazione e educazione sessuale. Invece della letteratura, la maggior parte degli studenti ha bisogno di corsi di lettura, scrittura e conversazione. E, naturalmente, ogni studente ha bisogno di essere abile con i computer.

In un mondo ideale, mi piacerebbe che tutti i diplomati delle scuole superiori fossero esperti nelle arti liberali. Ma pochi di noi vivono in quel mondo ideale. E, per il bene dei nostri giovani e della nostra società nel suo complesso, il mondo reale deve avere la precedenza sulle nostre fantasie di un ordine utopico in cui tutti i giovani hanno l'opportunità, la libertà e l'interesse per studiare i Classici ei suoi fratelli .

Forse accettare una visione utilitaristica piuttosto che intellettuale dell'istruzione va contro la nostra sensibilità "Sogno americano". Allo stesso tempo, così fa la disoccupazione, e gli studi umanistici non pagheranno le bollette per molti diplomati delle scuole superiori.

La seconda preoccupazione per la creazione di un curriculum scolastico a due binari è che rafforzerà ulteriormente il razzismo istituzionale e il classismo economico attualmente esistenti nelle scuole (e nella società nel suo complesso). La preoccupazione è che gli studenti svantaggiati siano deviati nella traccia "inferiore" dei mestieri qualificati semplicemente per la convinzione di non essere in grado di compiere sforzi più elevati e di essere all'altezza delle loro capacità.

Ma un sistema a due binari andrebbe a beneficio degli studenti poveri perché darebbe loro opzioni più realistiche. Al momento, gli studenti che non hanno i mezzi, la guida o il sostegno per diplomarsi alla scuola superiore (e la dimensione di quel gruppo è abissalmente alto) non hanno alternative (a meno che non consideriate la disoccupazione e il richiamo di una vita di crimine e opzione). Un curriculum che offre due tracce potrebbe anche incoraggiare gli studenti svantaggiati a lavorare duramente a scuola perché vedrebbero il valore di quell'educazione nella propria vita. E, forse ancora più importante, potrebbe ispirarli a credere, come sostiene Arne Duncan (al momento non abbastanza realistico, a mio parere), che "la demografia non è il destino". Sì, bisogna fare attenzione per garantire che tutti i bambini e i loro i genitori possono scegliere quale traccia è la migliore per loro. E, sì, dobbiamo assicurarci che gli studenti svantaggiati che hanno le capacità e la motivazione per perseguire il percorso "superiore" abbiano l'opportunità e il supporto per seguire quella strada. Ma mantenere lo status quo è molto peggio nel continuare gli ostacoli istituzionali che affliggono gli studenti poveri.

Sfortunatamente, se la storia è un predittore (e di solito lo è), la pletora di scenari di "reform du jour" che sono attualmente in voga nella stratosfera dell'istruzione sono probabilmente destinati a fallire. Ma un curriculum scolastico a due binari mi sembra un vincitore. E sicuramente sarebbe bello gettare una vittoria, per quanto piccola, per questi bambini che vedono ogni giorno un fallimento nelle loro vite.

Solutions Collecting From Web of "Istruzione: sistema di scuole secondarie a due binari un must per la riforma dell'istruzione"