Istruzione: Race to the Top ?: Parte II

Nel mio recente post, Race to the Top ?: Parte I, ho descritto la corsa al successo accademico in cui gli studenti vicino alla cima della catena alimentare educativa si sforzano maniacalmente di vincere (o almeno di finire). Ho sostenuto che l'enfasi posta sui test della legge No Child Left Behind dell'ex presidente Bush (NCLB) e proseguita con l'iniziativa Race to the Top del presidente Obama (RTTT) ha solo esacerbato il problema meglio caratterizzato dal titolo del potente nuovo documentario di Vicki Abeles , Race to Nowhere . Questo post, in contratto, esplora come RTTT influenzi gli studenti e le scuole dall'altra parte della catena alimentare educativa, coloro che stanno solo cercando di sopravvivere nel mare turbolento dell'istruzione pubblica americana.

Il primo errore commesso da questa amministrazione è stato quello di definire la riforma dell'istruzione una gara. Le razze connote vincenti e perdenti. Tuttavia, dobbiamo garantire che tutti i nostri studenti e scuole siano vincitori. Penso che un nome più appropriato per questa iniziativa sia Climb to the Top perché il focus dovrebbe essere su come arrivare in cima.

Il secondo errore dell'amministrazione è stato quello di continuare l'errore iniziale di Bush di concentrarsi sui test; invece di essere uno strumento per la riforma dell'istruzione, i test si sono trasformati nel fine ultimo di tutta la riforma. Sì, la valutazione è essenziale per determinare l'efficacia di programmi come la RTTT volti a realizzare qualcosa di etereo e inafferrabile come la riforma dell'istruzione o l'obiettivo più tangibile di chiudere l'istruzione e le lacune economiche tra chi ha e chi non ha. Allo stesso tempo, i migliori punteggi dei test non dovrebbero essere l'obiettivo ultimo della riforma dell'istruzione.

L'idea che i risultati dei test siano l'obiettivo essenziale della riforma dell'istruzione ha creato un ambiente in cui gli insegnanti devono "insegnare alla prova"; gli studenti non sono veramente istruiti tanto quanto sono disposti a superare i test in modo che le scuole e gli stati possano ottenere finanziamenti federali. Gli amministratori della scuola odiano insegnare ai test perché le scuole diventano fabbriche di fatti invece che case di apprendimento. Gli insegnanti lo odiano perché sono costretti in una piccola scatola curriculare e non sono autorizzati a fare ciò che amano fare, cioè educare i giovani. E gli studenti lo odiano perché la memoria dei fatti non è né interessante né motivante e non ottiene una vera educazione. Forse l'aspetto più triste di NCLB è che non ha funzionato! Negli otto anni in cui NCLB è stato utilizzato, ci sono stati alcuni guadagni apprezzabili o duraturi nei punteggi dei test per i quali NCLB può prendere credito. Ciò a cui è riuscito in modo schiacciante è quello di guidare le scuole e gli Stati a giocare al sistema (cioè, abbassare gli standard, i dati di selezione delle ciliegie) per mantenere il rubinetto del finanziamento federale che scorre. RTTT modifica alcuni parametri, ma la stessa filosofia e metodologia persistono. Quando continuiamo su questa strada, stiamo convalidando la nota Legge della follia: fare sempre la stessa cosa e aspettarci risultati diversi.

Un terzo errore che il nostro governo ha commesso è quello di consentire il miglioramento dei punteggi dei test per sostituire effettivamente l'educazione dei nostri figli. Ad esempio, in un recente Articolo del New Yorker che profila il nuovo Segretario all'Istruzione degli Stati Uniti Arne Duncan, il Dipartimento dell'Istruzione ha incaricato gli stati di soddisfare "quattro assicurazioni" per ricevere denaro di stimolo federale: "progressi nell'innalzamento degli standard, nel reclutamento e nel mantenimento di insegnanti efficaci, nel monitoraggio degli studenti" e la performance degli insegnanti, e nel cambiare le scuole in fallimento. "Solo uno, il reclutamento e il mantenimento di insegnanti efficaci, è un obiettivo che ha un impatto diretto sulla qualità dell'istruzione. Il primo e l'ultimo sono semplicemente esiti amorfi che si spera risulteranno dalla riforma. E il terzo obiettivo è semplicemente una procedura di misurazione che può o non può essere utile nel valutare l'efficacia della riforma. Sebbene questi criteri possano essere utili, sono molto lontani da ciò che serve per migliorare veramente la qualità dell'istruzione che i nostri bambini ricevono nelle scuole pubbliche. Queste "assicurazioni" oscurano anche i veri passi da compiere per catalizzare una significativa riforma dell'istruzione e sorvolare i risultati significativi dell'educazione reale dei nostri figli.

Quello che trovo così esasperante riguardo RTTT è l'assenza di qualsiasi discussione sul processo significativo o sugli obiettivi di risultato. I risultati dei test non sono un risultato, sono una misura del risultato. Quali dovrebbero essere gli obiettivi di risultato reale? Per rispondere a questa domanda, abbiamo bisogno di guardare al futuro con le nostre sfere di cristallo e capire quali conoscenze e competenze stabiliscono che i giovani avranno bisogno di svolgere un ruolo vitale nel futuro del nostro paese. Ovviamente, devono avere le basi, le 3 R. Ma quelle nozioni basteranno ad avere la nostra prossima generazione finora in un mondo che diventa sempre più complesso entro l'anno. I giovani di oggi hanno bisogno di essere capaci di pensare in modo critico, di essere creativi, di uno sforzo costante, di pazienza e perseveranza, di esercitare pressioni e di lavorare efficacemente come gruppo, tra gli altri. E, altrettanto importante, il nostro sistema educativo deve produrre cittadini ben informati in grado di partecipare attivamente alla nostra democrazia.

Con quegli obiettivi di risultato chiari, è ora possibile creare una serie di obiettivi di processo per raggiungere quegli obiettivi di risultato. Eccone alcuni per i principianti: costruire la famiglia, la comunità e le culture scolastiche in cui l'interesse per l'apprendimento e le aspirazioni educative sono la norma; creare ambienti domestici e scolastici che supportino e favoriscano l'apprendimento; instillare amore e motivazione per imparare; soddisfare le esigenze individuali degli studenti; e insegnare buone capacità di vita e studiare le abitudini.

Con questi obiettivi di processo identificati, possiamo sviluppare una serie di procedure per raggiungere gli obiettivi del processo che poi soddisfano gli obiettivi del risultato. Esistono in realtà buone prove di ciò che alcune di queste procedure sono. Uno dei risultati più solidi, non sorprendentemente, sono insegnanti competenti. Classi di piccole dimensioni danno a quegli insegnanti capaci la possibilità di entrare in contatto e influenzare i loro studenti. Anche se non ho visto alcun dato al riguardo, suppongo che un ambiente scolastico sicuro sia essenziale per l'apprendimento. E forse il contributo più importante e scoraggiante è un ambiente domestico iniziale che fornisce modelli di comportamento positivi, una ricca interazione verbale, un'esposizione coerente alla lettura e opportunità per apprendere le abilità essenziali della vita come la definizione degli obiettivi, l'autodisciplina e la gestione del tempo, tutto ciò servirà i giovani bene mentre progrediscono attraverso la scuola.

Arne Duncan ha una carota molto grande, circa settanta miliardi di dollari, con cui motivare gli stati, le scuole, gli educatori, i genitori e gli studenti a riformare il nostro sistema di istruzione pubblica. Ma incentivare senza i mezzi per sfruttare questa motivazione è come voler guidare da qualche parte, ma non avere una mappa o una destinazione. E RTTT non offre né

Il segretario Duncan sarebbe saggio a leggere un recente commento sul New York Times di Susan Engel. Nel pezzo, il Dr. Engel sostiene una revisione del programma di studi stesso che si basa sulla nostra comprensione scientifica dello sviluppo del bambino e pratiche di insegnamento efficaci. L'attenzione dovrebbe essere concentrata su cosa e come i bambini apprendono, non su cosa e come possono superare un test. Come lei suggerisce, abbiamo bisogno di sviluppare "un curriculum progettato per crescere i bambini piuttosto che i punteggi dei test".

Miliardi di miliardi di dollari sono stati spesi per molti decenni nel nome della riforma dell'istruzione, senza nulla di apprezzabile da mostrare per questo. Ricorda la legge della follia? Il segretario Duncan ha un'opportunità storica di guidare la vera riforma dell'istruzione. Quindi, sì, spendi i soldi, ma, cosa ancora più importante, dai agli educatori ciò di cui hanno bisogno, così alla fine otterremo i risultati reali per i quali abbiamo atteso così a lungo: bambini istruiti in grado di lavorare e realizzare il sogno americano.

Solutions Collecting From Web of "Istruzione: Race to the Top ?: Parte II"