Io sono (non) il mio corpo

"Odio il mio aspetto! Odio i miei capelli, il mio naso, le mie stupide sopracciglia! Odio tutto!"

I giovani sono per sempre insoddisfatti dei loro corpi: corpi su cui non hanno controllo, corpi che continuano a cambiare, corpi ereditati geneticamente dai loro ("stupidi") genitori. Commenti critici sul modo in cui un corpo appare così personale ("Come se stessero parlando di me!") Perché parlare di un corpo sembra parlare della persona che abita in quel corpo. I giovani sono quindi interessati ai modi per diventare più magri, più sexy, più muscolosi nella convinzione che, se solo potessero perfezionare il proprio corpo, sarebbero in grado di perfezionare la propria vita. Quindi si spalmano il trucco; fantasticano sulla chirurgia estetica; puniscono i loro corpi con autolesionismo o tentano di modellarli attraverso la dieta e l'esercizio fisico, sollevando pesi pesanti.

Naturalmente le immagini dei media dei corpi "perfetti" non aiutano, ma sono casuali. Il vero problema è lo sviluppo. Un bambino esiste come un corpo. Un bambino non pensa a se stesso come a qualcosa di diverso da un corpo. Quel senso soggettivo di "me" distinto dal "mio corpo" viene dopo, arriva gradualmente, e quando sono adolescenti, i giovani stanno ancora lottando con la distinzione: "Se fossi più magra, la gente mi amerebbe di più? Se raccontassi altre barzellette, questo compenserebbe il mio aspetto? "Anche da adulti, non saremo mai in grado di distinguere completamente noi stessi dai nostri corpi mentre continuiamo a sperimentare i piaceri e i dispiaceri corporei che abbiamo vissuto da piccoli. La sensazione fisica ci fa regredire: siamo inclini a smettere di pensare e diventare di nuovo meri corpi. Possiamo rimproverare i giovani ogni volta che regrediscono, ma regolarmente ci troviamo a desiderare lo stesso stato infantile originale, irriflessivo, privo di coscienza, di empatia, di autocoscienza. Che felicità! Sospetto che WB Yeats abbia in mente un mondo talmente ansioso di autocoscienza quando scrive,

Se faccio scuro le ciglia

E gli occhi più luminosi

E le labbra più scarlatte,

Oppure chiedi se tutto va bene

Da specchio a specchio,

Nessuna vanità visualizzata:

Sto cercando la faccia che ho avuto

Prima che il mondo fosse creato. ['Prima che il mondo fosse fatto']

Presi tra la felicità immaginata della fanciullezza e lo stress anticipato dell'età adulta, i giovani desiderano essere liberati. I farmaci diventano un modo per cercare quel rilascio e ci sono molti altri modi.

Quindi quando diciamo a un giovane: "Stai bene come sei! Ti amiamo per quello che sei, non per quello che sembri! È la tua personalità che conta! ", Stiamo cercando di essere d'aiuto, ma la nostra disponibilità di solito non viene ascoltata. "Sì," pensa il giovane, "va benissimo che tu dica: tu non sei quello che sembra così!" Invece, potrebbe essere più utile semplicemente capire perché il corpo di un giovane è così importante, capire perché la distinzione tra "me" e "il mio corpo" è così difficile da fare. Potrebbe essere più utile riconoscere e sopportare con il giovane la frustrazione e l'ansia di tutto ciò, piuttosto che offrire rassicurazioni economiche.

Solutions Collecting From Web of "Io sono (non) il mio corpo"