Invisible Wounds of War

Sono un medico di 72 anni costretto a descrivere le mie esperienze nella guerra americana in Vietnam nel 1967-1968 e come quell'anno abbia mai oscurato la mia vita da allora. Nel giro di pochi mesi dall'ingresso nella zona di guerra, le mie basi sociali, religiose, etiche e psicologiche sono andate in frantumi e devo ancora recuperare completamente. Qui, e nel mio libro, condivido il mio tentativo di comprendere me stesso abbastanza da guarire.

Scrivere delle mie lotte è stato molto utile e la decisione di pubblicare la mia storia è stata difficile. Ho presentato la mia testimonianza perché ritengo che avanzare sia la cosa giusta da fare, forse la cosa più coraggiosa da fare. Lo faccio con notevole ansia, rimorso, paura di fallire e vergogna perché sebbene possa essere considerato di cattivo gusto, includo il comportamento poco attraente che ho esibito quando ero più sintomatico.

Che guerra fa ai guerrieri non è cambiata da millenni. Voglio dare un profilo alle "ferite invisibili della guerra". Voglio dare speranza a coloro che sono affetti da PTSD e TBI. Mi sento obbligato a sensibilizzare il 99,5% degli americani senza obblighi militari. Voglio confortare i feriti e ferire i comodi.

Questo non è principalmente un libro contro la guerra. Tutte le guerre hanno costi e benefici, sacrifici e scopi. Il mio libro condivide semplicemente i costi personali per una persona (e il conseguente dolore che ho inflitto agli altri). I costi personali "nascosti" della guerra dovrebbero essere considerati nella preparazione e nell'uso della forza letale come politica estera.

Mi aspetto che molti dei miei colleghi professionisti saranno sorpresi dall'esposizione delle mie personali esperienze psicologiche di "quasi morte". Alcuni saranno giudicanti, delusi e persino arrabbiati per l'esposizione delle mie debolezze e cattivi comportamenti. Altri potrebbero vedermi coraggioso e generoso. Chiedo perdono dal primo e ringrazio quest'ultimo. Parte del mio lavoro personale in corso consiste nell'internalizzare le reazioni più aspre al mio libro. Credo che nessun lettore possa articolare la grandezza del rimprovero e della vergogna che ho dato a me stesso.

Solutions Collecting From Web of "Invisible Wounds of War"