Invidia a Hollywood

Voglio parlare dell'unica costante della vita a Hollywood: l'invidia.

Sto pensando a un mio paziente, uno sceneggiatore, che ho visto nella mia pratica alcuni anni fa. Nonostante i guadagni che aveva fatto in terapia, sentiva che il suo lavoro era continuamente minato dalla sua invidia per altri scrittori.

Mi disse che doveva smettere di leggere Written By , la rivista della Writers Guild, così come le varie bacheche e siti di scrittura, perché vedere le offerte fatte da altri scrittori lo fece arrabbiare e sgonfiare. Era diventato sempre più autocritico riguardo alle sue abitudini lavorative, di solito fonte di orgoglio e soddisfazione, da quando aveva sentito parlare dell'affetto di uno sceneggiatore di A-list per "eliminare una nuova speculazione da un milione di dollari" ogni sei mesi. Aveva raggiunto un punto in cui l'apprendimento di un amico che pranzava con un potenziale nuovo agente poteva scatenare una depressione.

Nessuno di questi sentimenti mi era sconosciuto. Durante la mia precedente carriera di sceneggiatore, sembrava quasi che l'invidia fosse l'elemento non detto in quasi tutte le conversazioni con i miei colleghi. Lo sporco piccolo segreto di ogni professione di Hollywood. Solo che era il segreto più segreto che avessi mai conosciuto.

Per alcuni, ovviamente, l'ascolto del successo di un altro può essere uno stimolo a maggiori sforzi. Per gli altri, il risultato può essere una paralisi paralizzante.

Mi ci è voluto molto tempo per capire, e per accettare, che l'invidia è un naturale sottoprodotto della realizzazione della vita. Durante le nostre esperienze d'infanzia nelle nostre famiglie, e poi nelle nostre scuole, e infine nel mondo adulto, ci sforziamo di raggiungere in una matrice di altri che si sforzano di raggiungere, in modo tale che il confronto non sia solo inevitabile, ma spesso l'unico standard con cui misurare questo risultato.

Con il tempo e la maturità, speriamo di sviluppare l'auto-consapevolezza (e l'auto-accettazione) per misurarci da più osservatori interni; per godere dell'espressione dei nostri talenti creativi nel loro stesso interesse.

Ma viviamo anche nel mondo reale e abbiamo bisogno della convalida di quel mondo. Per uno scrittore, attore o regista in un mercato commerciale, che significa una competizione intensa, e lo spettacolo quasi quotidiano di altri che godono di stravaganti premi in fama e denaro, mentre si negoziano spesso le vette e le valli della propria carriera.

In altre parole, significa vivere con l'invidia.

La chiave per sopravvivere all'invidia, come nel caso di tutti i sentimenti, è riconoscerla. Con ciò, non mi riferisco semplicemente al fatto che sei invidioso, ma anche al significato che tu dai ad esso.

Ad esempio, se uno sceneggiatore vede l'invidia come un segno di una sorta di debolezza morale o di fallimento del personaggio – una visione probabilmente generata e rafforzata durante l'infanzia – l'effetto sul suo lavoro può essere piuttosto debilitante.

Altrettanto dannosa è vedere la tua invidia come un commento sprezzante sui tuoi sforzi, una conferma di una mancanza di fiducia in te stesso. "Se mi lascio invidiare", mi ha detto un paziente attore, "significa che non credo nella possibilità del mio successo".

Un altro paziente, un produttore cinematografico indipendente in lotta, ha coraggiosamente insistito sul fatto che "l'invidia è controproducente". Così terrorizzato da tutto ciò che potrebbe far deragliare la sua ferma convinzione nel "pensiero positivo", il significato che ha dato all'invidia, così come ogni altro " "l'emozione negativa" era di un ostacolo insidioso sulle tracce del suo slancio in avanti.

Solo indagando su ciò che l'invidia significa per noi possiamo rischiare di riconoscerlo. Il fatto è semplice, è solo una sensazione, come gli altri sentimenti, il che significa che sono semplicemente informazioni, dati su ciò che sta accadendo dentro di noi.

Se non altro, l'invidia ci informa dell'importanza dei nostri obiettivi. Ci ricorda i motivi per cui abbiamo intrapreso la vita creativa in primo luogo e ci sfida a impegnarci ancora una volta per i suoi rigori e le sue ricompense.

Inoltre, nel mio caso, trovo che sono molto meno turbato dall'invidia se scrivo bene, se sono veramente impegnato con il mio attuale progetto. (Come molti di voi sanno, anche se non scrivo più per film e TV, sono attualmente l'autore di una serie di romanzi gialli.) Nel corso degli anni, ho imparato che quando sono completamente "preso" da Sto lavorando su, pensieri intrusivi sui trionfi creativi e / o di carriera degli altri di solito non mi passano per la testa. Generalmente.

Quindi la scelta è tua. Puoi negare la tua invidia o usarla per raddoppiare i tuoi sforzi. Puoi parlarne a morte tra i tuoi amici (anche un grande stratagemma di procrastinazione, tra l'altro), oppure puoi soffrire in silenzio. Oppure, si spera, puoi accettarlo con umorismo e autocoscienza, e forse esplorare qual è il suo significato per te.

Ma una cosa so. Per una persona creativa a Hollywood, per coniare una frase, nulla è certo tranne la morte e le tasse. E invidia.

Solutions Collecting From Web of "Invidia a Hollywood"